Banco Bpm, tutte le novità: entra Caltagirone, sale Credit Agricole. Fusione con Unicredit in vista?

Claudia Cervi

21 Aprile 2023 - 12:19

Tutte le ultime novità su Banco Bpm: le mosse degli azionisti, l’entrata di Caltagirone, l’aumento di partecipazione di Credit Agricole e i rumors su possibili fusioni nel settore bancario.

Banco Bpm, tutte le novità: entra Caltagirone, sale Credit Agricole. Fusione con Unicredit in vista?

Il settore bancario italiano è in continua evoluzione, con possibili fusioni e acquisizioni che potrebbero cambiare il volto di alcune delle principali banche del Paese. Banco Bpm, una delle maggiori banche italiane, si trova al centro di questo scenario, con azionisti che stanno cercando di consolidare la loro posizione nel settore e di stabilire nuove alleanze strategiche. Tra i possibili accordi si parla di una fusione con Unicredit, altra big bank italiana, e di altri potenziali partner commerciali che potrebbero supportare l’espansione di Banco Bpm sul mercato nazionale ed internazionale. In questo contesto, analizziamo le mosse degli azionisti e le prospettive future per Banco Bpm.

Le recenti mosse degli azionisti del Banco Bpm

Il Banco Bpm è al centro dell’attenzione per le recenti mosse dei suoi azionisti. Da un lato, i francesi del Credit Agricole hanno aumentato la quota di partecipazione dal 9,18% al 9,904%, mentre dall’altro, l’imprenditore Francesco Gaetano Caltagirone ha costruito una posizione importante nell’istituto di credito, pari all’1,1% del capitale.
Ricordiamo poi che Capital Research and Management Company detiene la seconda posizione con una quota del 4,988%. Segue poi Davide Leone and Partners Investment Company, con una quota del 4,697%, mentre Norges Bank detiene una quota del 3,317%.

Caltagirone e la sua strategia di investimento nel settore bancario

Caltagirone, noto per i suoi interessi in diversi settori tra cui l’immobiliare, il cemento e l’editoria, ha seguito una strategia simile a quella utilizzata in passato per acquisire partecipazioni in altre importanti società, come Assicurazioni Generali e Mediobanca. Ha una certa esperienza negli investimenti nel settore bancario, avendo precedentemente investito in Mediobanca, Monte dei Paschi di Siena e Unicredit. Nel maggio del 2022, ha anche acquisito una quota nell’istituto di risparmio gestito Anima.

Il settore bancario italiano e le possibili operazioni di merger and acquisition

Le mosse degli azionisti del Banco Bpm arrivano in un momento in cui si riacutizzano le voci di un possibile merger and acquisition nel settore bancario italiano. Tuttavia, il CEO del Banco Bpm, Giuseppe Castagna, ha dichiarato che l’istituto sta crescendo e agendo in maniera autonoma. Inoltre, Mediobanca ha espresso interesse per una possibile fusione con Unicredit, un’altra importante banca italiana, vedendo valore in un’operazione del genere. Ci sono anche rumors che coinvolgono Unicredit e il Banco Bpm in una possibile operazione di merger. Tuttavia, al momento non ci sono notizie ufficiali in merito.

Le implicazioni delle mosse degli azionisti del Banco Bpm

La mossa di Caltagirone

Con i tassi di interesse in aumento e l’appeal speculativo del settore bancario, Caltagirone ha visto un’opportunità interessante negli investimenti in titoli del credito. Grazie alla sua liquidità di circa due miliardi di euro, ha considerato l’acquisto di una posizione importante in Banco Bpm un ottimo investimento. Nel corso dell’ultimo anno, il gruppo bancario ha registrato un guadagno superiore al 34% e solo nell’ultima settimana del 10%, portando il valore delle azioni a 4,139 euro.

Il possibile blitz di Unicredit e il supporto di Mediobanca

Il titolo di Banco Bpm è stato spinto al rialzo dalle speculazioni su un possibile blitz di Unicredit, che sembra avere il supporto della fondazione torinese Mediobanca, azionista di riferimento sia di Unicredit che di Banco Bpm. Inoltre, l’acquisizione di Banco Bpm da parte di Unicredit sarebbe anche una mossa strategica per consolidare il settore bancario italiano, che ha sofferto negli ultimi anni a causa della crisi economica e della concorrenza esterna. L’acquisizione potrebbe portare ad una maggiore efficienza nel settore bancario, con una riduzione dei costi e un aumento della competitività a livello europeo.

Tuttavia, l’acquisizione di Banco Bpm da parte di Unicredit potrebbe anche essere vista come una mossa contro l’ingresso di nuovi competitors, in particolare delle banche digitali, che stanno guadagnando terreno nel mercato bancario italiano. In questo senso, l’operazione potrebbe rappresentare una barriera all’entrata per le nuove banche digitali e ridurre la pressione competitiva.

Il supporto di Mediobanca a Unicredit potrebbe anche indicare una possibile fusione tra le due banche in futuro. Ciò potrebbe portare ad una maggiore concentrazione nel settore bancario italiano, con un’ulteriore riduzione della concorrenza. Tuttavia, una fusione tra Unicredit e Mediobanca potrebbe anche portare ad una maggiore forza nel settore bancario italiano, permettendo alle banche di competere a livello europeo.

In ogni caso, le mosse degli azionisti del Banco Bpm hanno sollevato molte questioni riguardo al futuro del settore bancario italiano e alla sua competitività a livello europeo. Si attendono ulteriori sviluppi e decisioni per capire quale sarà il destino del Banco Bpm e del settore bancario italiano nel suo complesso.

Possibili effetti sul mercato azionario italiano

Le recenti mosse degli azionisti del Banco Bpm potrebbero avere un impatto significativo sul mercato azionario italiano. L’acquisizione di una quota importante dell’istituto di credito da parte di Caltagirone e il possibile blitz di Unicredit potrebbero spingere il prezzo delle azioni del Banco Bpm al rialzo, ma anche influenzare il valore delle altre banche italiane. Inoltre, l’eventuale fusione tra Unicredit e Banco Bpm potrebbe portare ad una concentrazione ancora maggiore nel settore bancario italiano, con possibili effetti sulla concorrenza e sulle dinamiche del mercato.

Le possibili conseguenze per i dipendenti del Banco Bpm

In caso di acquisizione o fusione, ci potrebbero essere ripercussioni per i dipendenti del Banco Bpm. A seconda delle decisioni prese dalle nuove proprietà, potrebbe esserci una riduzione dei posti di lavoro o una riorganizzazione della struttura aziendale. Tuttavia, al momento, non ci sono notizie ufficiali in merito a eventuali cambiamenti nell’organizzazione del Banco Bpm.

La posizione del governo italiano sulle operazioni di M&A

Il governo italiano ha espresso il proprio interesse a sostenere le operazioni di M&A nel settore bancario italiano, ritenendole importanti per aumentare la competitività del sistema finanziario nazionale a livello europeo. Tuttavia, il governo ha anche sottolineato l’importanza di mantenere la stabilità del settore bancario italiano e di proteggere i posti di lavoro dei dipendenti delle banche coinvolte.

Le sfide per il settore bancario italiano

Il settore bancario italiano sta affrontando diverse sfide, tra cui la concorrenza di nuovi competitors, come le banche digitali, e la pressione sui tassi di interesse. Inoltre, la crisi economica degli ultimi anni ha avuto un impatto significativo sulle banche italiane, che si sono trovate ad affrontare un aumento dei crediti deteriorati, per il momento compensati dall’aumento del margine di interesse. Le operazioni di M&A potrebbero rappresentare una possibile soluzione per affrontare queste sfide e aumentare la competitività del settore bancario italiano a livello europeo. Tuttavia, è importante trovare un equilibrio tra la necessità di aumentare la competitività e la protezione dei posti di lavoro e della stabilità del sistema finanziario italiano.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo