Tiscali fa il botto: il primo semestre è da urlo. I motivi di tanto entusiasmo

I conti Tiscali, relativi al primo semestre dell’anno, hanno fatto decollare le azioni societarie. Di seguito i motivi di tanto entusiasmo.

Tiscali fa il botto: il primo semestre è da urlo. I motivi di tanto entusiasmo

Le azioni Tiscali decollano in Borsa grazie ai conti economici del primo semestre 2017. Quali i motivi di tanta euforia?

A sorprendere sono stati innanzitutto i dati sui ricavi che hanno mostrato un incremento del 6,9% rispetto alla prima semestrale del 2016: da quota 96,9 milioni, il giro d’affari è salito a quota 103,6 milioni di euro.

Vale la pena di ricordare come lo scorso luglio la società abbia comunicato i target per l’intero 2017. Tra questi anche un aumento dei ricavi del 5%-8%. La prima semestrale dell’anno ha già centrato in pieno le previsioni ed è per questo che le azioni Tiscali sono decollate.

In focus, sulla semestrale, anche il margine operativo lordo di Tiscali che è aumentato del 16,3% da 12,4 a 14,4 milioni di euro. L’obiettivo di luglio (una forchetta di crescita compresa tra l’8% e il 12%) è stato centrato.

Le azioni Tiscali sono decollate anche grazie ai dati sull’utile netto che è salito a quota 24,5 milioni di euro. Un risultato stupefacente se confrontato con il rosso di 17,7 milioni registrato nello stesso periodo del 2016.

Unica nota dolente della semestrale Tiscali è stato l’indebitamento, aumentato dai 191,9 milioni di inizio anno ai 192,4 milioni al 30 giugno 2017. Gli investimenti nell’intero periodo considerato si sono assestati a quota 33,5 milioni di euro.

Le azioni Tiscali non hanno potuto fare altro che festeggiare gli ottimi risultati della semestrale e in avvio di sessione sono immediatamente balzate, come si può osservare tramite il grafico sottostante.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Tiscali

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.