Rally Fincantieri: maxi commessa da 20 miliardi all’orizzonte

Le azioni Fincantieri festeggiano le indiscrezioni sulla maxi commessa negli USA: si tratterebbe di un contratto da 20 miliardi di dollari.

Rally Fincantieri: maxi commessa da 20 miliardi all'orizzonte

Ottima giornata per le azioni Fincantieri che in Borsa stanno guadagnando quasi dieci punti percentuali.

Il rally del titolo è stato determinato dalle nuove indiscrezioni su una possibile commessa negli Stati Uniti dal valore di 20 miliardi di dollari.

Un contratto imponente, che permetterebbe a Fincantieri di realizzare fregate per la Marina USA.

Stando a quanto emerso fino ad ora, le offerte dei partecipanti alla gara dovranno essere presentate entro giugno 2019. Poi starà alla Marina scegliere il vincitore.

La prospettiva di una commessa tanto grande ha entusiasmato gli investitori di Borsa Italiana che hanno fatto decollare le azioni Fincantieri oltre quota 1,19. Ottimismo anche da parte degli analisti di Banca Imi, secondo cui la vittoria del contratto potrebbe rappresentare un game-changer per l’italiana.

Anche Equita Sim si è espressa sulla possibile commessa negli USA, che tra l’altro dovrebbe essere seguita da nuovi dettagli sull’alleanza Fincantieri-Naval Group. Quest’ultima, hanno ricordato gli esperti:

“prevede la costituzione di una holding in Jv e il contestuale scambio azionario tra Fincantieri e Naval. Da verificare se le recenti tensioni tra Italia e Francia possano rappresentare un ostacolo alla realizzazione del progetto fortemente sostenuto dagli ad delle due società coinvolte.”

Stando alle ultime rilevazioni di Bloomberg, gli analisti si sono divisi sulle azioni Fincantieri con due Buy, cinque Hold e un Sell. Al momento della scrittura, intanto, il titolo sta viaggiando in rialzo del 9,27% su quota 1,19 euro.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Fincantieri

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.