I produttori di smartphone che faranno le loro auto elettriche

14 Dicembre 2021 - 08:41

condividi

Da produttori di smartphone e device esterni a costruttori di auto elettriche, il mondo cambia, la mobilità sostenibile punta sull’elettrificazione di massa.

I produttori di smartphone che faranno le loro auto elettriche

Produttori di smartphone di ultima generazione sempre più veloci e connessi che aspirano a diventare colossi dell’automotive, grandi aziende specializzate nell’elettronica di massa cambiano direzione e tiro, da Apple a Google, da Huawei a Xiaomi, nel futuro della mobilità sostenibile ci sono loro, le auto elettriche.

Non è un mistero che la Apple noto produttore di smartphone sia da anni impegnata nello sviluppo di un’auto elettrica rivoluzionaria, connessa e autonoma, un filone che anche altri colossi dell’elettronica stanno percorrendo.

Del resto c’è un legame profondo che lega l’auto elettrica agli smartphone, parliamo delle batterie, della rete, della connettività, le moderne vetture siano esse endotermiche, ibride leggere, plug-in o full electric sono accomunate da un minimo comune denominatore, l’energia, quella fonte, quella riserva che consente ad ogni mezzo elettrico di muoversi, di collegarsi, di colloquiare con l’esterno.

Non è un caso dunque che LG ma anche Samsung stiano da tempo collaborando con grandi realtà che operano nell’automotive al fine di studiare e realizzare pacchi batterie sempre più potenti e leggeri.

Quali sono le auto che i produttori di smarphone produrranno nei prossimi anni?

Cinque grandi realtà che punteranno su di una vera e propria rivoluzione della mobilità, nel futuro eco-compatibile e sostenibile, le auto elettriche saranno protagonista perché assumeranno un ruolo sempre maggiore nel trasporto, terrestre e aero.

Apple punterà su di un SUV connesso, di dimensioni medie, che probabilmente vedrà la luce entro il 2025, un veicolo elettrico, capace di superare i 700 chilometri di autonomia e che soprattutto porterà al debutto una serie di sistemi di assistenza alla guida mai raggiunti da nessuna altra casa automobilistica, rumors di rete parlano di ADAS di livello 5, quelli per intenderci che consentono al veicolo di spostarsi in maniera autonoma senza alcun intervento del pilota, in totale assenza di qualsiasi intervento umano.

Nel suo sviluppo la Apple Car coinvolgerà alcuni grandi realtà che attualmente e da decenni operano nell’automotive, se inizialmente si era parlato di un interessamento di KIA e Hyundai, sempre più concreta è la presenza di Nissan, colosso giapponese interessato a penetrare nel mercato statunitense, forte di una partnership che potrebbe riservare grandi sorprese soprattutto in termini di sviluppo dei suoi modelli e tecnologie.

Un altro gigante della comunicazione e dell’informatica, Google, ha da tempo impiegato ingenti risorse nello sviluppo e analisi di una possibile sua auto elettrica, se in passato si era parlato di una produzione imminente, con il passare degli anni questa ipotesi è divenuta sempre più virtuale, oggi realmente il progetto “Koala” appare ancora troppo lontano dalla realtà.

Accantonata l’idea di una possibile produzione e realizzazione di un veicolo elettrico realizzato in totale autonomia, l’azienda che ha ideato il motore di ricerca più utilizzato e famoso del mondo, sta collaborando allo sviluppo di nuove tecnologie di connettività mobile in accordo con grandi realtà che operano nell’automotive, in primis FCA/Stellantis.

Altra grande azienda che in un futuro non molto lontano potrebbe realizzare un’avveniristica e autonoma auto elettrica è la Sony che da poco ha presentato, seppur ancora sotto forma di concept, la Vision S, un veicolo a zero emissioni che sarà la diretta concorrente di Tesla.

Il marchio nipponico specializzato nell’elettronica di consumo e non solo, punterà sulla guida autonoma per esordire in un segmento di mercato in grande fermento. Vision S utilizzerà una tecnologia in grado di portare concretamente al debutto su strada e in larga scala sistemi di guida autonoma di livello 5, il tutto potrebbe avvenire grazie ad una serie di Lidar che consentiranno al veicolo di muoversi in totale autonomia, sfruttando anche la presenza di una serie di sensori (oltre 30 sulla Vision S) che consentirebbero anche di raggiungere un livello di sicurezza mai visto prima.

Sony Vision S è un prototipo che nelle dimensioni si avvicina clamorosamente alla Tesla S ed è spinta da un coppia di motori elettrici per una potenza complessiva di oltre 500 cavalli. La sua velocità massima dovrebbe assestarsi intorno ai 240 km/h per uno 0 - 100 km/h in poco meno di 5 secondi.

Plancia in perfetto stile MBUX by Mercedes-Benz e look da Tesla Model S sono un biglietto da visita niente male per un’auto che si prevede possa esser commercializzata nel giro di pochi anni.

Anche la Xiaomi è attualmente impegnata nello sviluppo di un’auto elettrica rivoluzionaria. L’azienda con sede a Pechino ha investito ingenti risorse nella progettazione di un veicolo che rivoluzionerà il mondo dei trasporti.

Di fatto la Xiaomi è il secondo produttore al mondo dopo Samsung di smartphone, il livello tecnologico acquisito in decenni di presenza sui mercati mondiali è notevole, Lei Jun presidente della Xiaomi ha da tempo confermato come l’azienda sia in netto vantaggio e anticipo sulla tabella di marcia.

A fine agosto ha acquisito la Deepmotion, specializzata nella guida autonoma, ma il suo vero asso nella manica potrebbe essere l’integrazione tra smartphone e veicoli elettrici, al fine di creare una sorta di ecosistema che darebbe vita a una realtà a se stante nell’automotive, un pò come ha fatto Apple con il suo IOS nell’ambito dei device esterni e personal computer.

Nella corsa verso la realizzazione dell’auto elettrica perfetta, tra i produttori di smartphone non poteva mancare la Huawei.

Al Salone di Shanghai il famoso produttore di smartphone ha presentato il suo primo SUV completamente elettrico, modello battezzato con il nome di Avatr 11 e prodotto dalla Avatr Technology, società che nasce grazie alla joint venture con la Changan Automobile, leader nella produzione di batterie agli ioni di litio.

Un veicolo a zero emissioni dal design futuristico capace di raggiungere i 100 km/h con partenza da fermo in meno di 4 secondi e di raggiungere un’autonomia fino a 700 km con una sola ricarica. La sua efficienza è testimoniata anche dalla carrozzeria aerodinamica con maniglie a scomparsa.

Argomenti

Iscriviti a Money.it