STM: momentum favorisce long, ma su pullback

La rinnovata struttura tecnica della quotata favorisce l’implementazione di strategie rialziste. Attenzione però alle indicazioni di momentum: l’RSI settato a 14 periodi è vicino alla soglia di ipercomprato. Ecco i livelli da monitorare secondo l’analisi tecnica

STM: momentum favorisce long, ma su pullback

Le azioni STM oggi sono in evidenza a Piazza Affari. La società italo-francese segna una delle migliori performance tra i titoli che fanno parte dell’indice FTSE Mib (+1,82%).

Con la seduta odierna i corsi si apprestano a chiudere l’ottava candela positiva consecutiva, grazie alle quali la struttura tecnica è tornata a favore dei compratori. Con il ribasso registrato durante l’ultima decade di marzo, infatti, i corsi si sono riportati sia al di sotto di un supporto di breve periodo sia della media mobile semplice a 50 giorni.


STM, grafico giornaliero. Fonte: Bloomberg

Il supporto di breve periodo è visibile collegando i minimi segnati l’8 febbraio e l’8 marzo scorsi, ed è il livello che, almeno nel breve periodo demarca le forze rialziste da quelle ribassiste.

Il recente uptrend in atto negli ultimi giorni ha invece portato i corsi al di sopra della media mobile semplice a 200 giorni, cambiando notevolmente la struttura tecnica in corso. È importante notare tuttavia che l’oscillatore RSI settato a 14 periodi, ha seguito di pari passo la recente spinta rialzista e si sta avvicinando velocemente alla soglia di ipercomprato.

Considerato il recente impulso rialzista, e le indicazioni di momentum evidenziate dall’oscillatore RSI, si potrebbe attendere un ritracciamento prima di implementare qualsiasi strategia long.

A tal proposito i livello al quale transita la SMA200 (15,025 euro), nonché la trendline discendente di breve che conta i massimi segnati tra febbraio e marzo, potrebbe essere una zona alla quale attendere segnali dalle implicazioni rialziste.

Fai trading ora con eToro Demo gratuita

Strategie operative su STM


Elaborazione Ufficio studi di Money.it

Considerata la rinnovata impostazione rialzista e le indicazioni di momentum segnalate dall’RSI si potrebbero privilegiare strategie long ma su ritracciamento a 15,025 euro.
In tal caso lo stop loss potrebbe essere posizionato poco al di sotto del minimo della candela del 3 aprile, più precisamente a 14,255 euro.
Un primo obiettivo di profitto potrebbe essere identificato in prossimità della resistenza statica a 16,583 euro.
Un target finale, invece, a 18,029 euro prossimità resistenza significativa.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Analisi tecnica

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.