TikTok, Amazon chiede ai dipendenti di rimuovere l’app

Proprio mentre Trump pensa di bandire dagli USA il social network cinese, ai dipendenti Amazon è stato ordinato di rimuovere TikTok dai propri device

TikTok, Amazon chiede ai dipendenti di rimuovere l'app

Amazon ha chiesto ai propri dipendenti di rimuovere l’app di TikTok dai propri smartphone per via di non meglio specificati “rischi di sicurezza”. Il social network cinese è nell’occhio del ciclone negli Stati Uniti in seguito ad accuse di raccolta dei dati personali degli utenti.

Ma soprattutto intorno a TikTok sembra si stia concentrando l’amministrazione Trump (come qualche tempo fa con Huawei), che vorrebbe bandire l’applicazione dal territorio USA.

Amazon vieta ai dipendenti di usare TikTok

La notizia del ban di TikTok per i dipendenti Amazon è trapelata all’inizio dal New York Times, entrato in possesso di una nota ai dipendenti.

Da quanto riportato da diverse fonti di stampa, è emerso che, a partire da oggi, venerdì 10 luglio, non è possibile avere installata l’app di TikTok sui telefoni che hanno “accesso alla email Amazon”.

Se hai TikTok sul tuo dispositivo, devi rimuoverlo entro il 10 luglio per mantenere accesso alla email Amazon”, si legge in una email letta da CNBC. L’uso di TikTok sul browser del laptop aziendale è invece ancora permesso.

Un portavoce di TikTok ha detto che Amazon non ha fatto comunicazioni alla società cinese prima di inviare l’email. “Siamo aperti a un dialogo che ci permetta di risolvere qualsiasi problema abbiano riscontrato in modo da permettere alla loro squadra di continuare a far parte della nostra comunità”, ha aggiunto la società.

Governo USA minaccia di bandire TikTok

La notizia arriva proprio nei giorni in cui Mike Pompeo, segretario di Stato, ha detto che l’amministrazione Trump ha preso in considerazione la possibilità di bandire il social network cinese. TikTok, secondo alcuni politici statunitensi, rappresenta una minaccia alla sicurezza nazionale.

Tuttavia, esperti di cybersicurezza sono stati più cauti su tale argomento. TikTok, infatti, sebbene sia controllata da una compagnia cinese (la startup di maggior valore al mondo, ByteDance), non opera in Cina e funziona come sussidiaria indipendente.

Negli ultimi tempi il social network si è sforzata di rimarcare tale distinzione nominando un CEO statunitense e ricordando che i suoi server sono negli Stati Uniti e a Singapore.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories