Pronta la valuta digitale di Stato cinese

In arrivo una valuta di Stato virtuale che promette di rivoluzionare il sistema di pagamento digitale in Cina, fortemente sostenuta dalla PBOC.

Pronta la valuta digitale di Stato cinese

Ormai sembra tutto pronto per il lancio in Cina di una valuta digitale nazionale.

La versione cinese di una valuta digitale sovrana, il cosiddetto Digital Currency Electronic Payment (DCEP), infatti, presto sarà utilizzata per simulare le attività bancarie quotidiane, inclusi pagamenti, depositi e prelievi da un portafoglio digitale.

Come funziona

Una volta lanciato, i consumatori scaricheranno un’applicazione di portafoglio elettronico autorizzata dalla People’s Bank of China (PBOC), banca centrale cinese, che si collegherebbe a una carta bancaria per iniziare a pagare o ricevere yuan digitali utilizzando un telefono cellulare con i commercianti o effettuare trasferimenti digitali.

Il denaro dal conto bancario collegato verrebbe convertito in denaro digitale su una base uno a uno. C’è anche un’opzione che non richiede un conto bancario per detenere e condurre transazioni nello yuan digitale. A differenza di altre piattaforme di pagamento online che sono già comunemente utilizzate in Cina, tra cui Alipay di Alibaba e WeChat Pay di Tencent, il sistema DCEP supporta le transazioni di pagamento anche senza una connessione Internet. La funzione chiamata «touch and touch» consente a due utenti di far toccare semplicemente i propri dispositivi mobili insieme per effettuare un trasferimento, senza lasciare alcuna traccia di pagamento a terzi o al sistema bancario.

Lo yuan digitale fa parte della forma più liquida di offerta di moneta che include banconote e monete in circolazione nella società, nota come M0, ma in forma digitale. È emesso e sostenuto dalla banca centrale del paese.

COVID-19 accelera l’addio al contante

La pandemia di coronavirus potrebbe anche essere, in questo senso, un catalizzatore per accelerare i pagamenti senza contante a causa delle preoccupazioni che le banconote possono trasmettere il COVID-19.

È innegabile, infatti, che in questi mesi i pagamenti digitali siano cresciuti esponenzialmente in tutto il mondo, proprio a causa dello scoppio della pandemia. Ecco allora che proprio ora il passaggio alle valute digitali sembra sempre più come un’opzione da valutare molto attentamente anche a livello di valute centrali.

Obiettivo internazionalizzazione dello yuan

Il potenziale lancio cinese di una valuta digitale è inoltre in linea con la sua iniziativa politica di punta per internazionalizzare lo yuan e migliorare lo status di valuta di riserva se il sistema di pagamento. DCEP, infatti, prevede pagamenti transfrontalieri per l’uso nel commercio elettronico da parte di altri paesi. Rispetto ai contanti di carta, lo yuan digitale ridurrebbe i costi di transazione per imprese e residenti in altri paesi.

Molti economisti, tuttavia, sono scettici sul fatto che l’impatto dello yuan digitale si diffonderebbe significativamente oltre i suoi confini senza riforme ufficiali per allentare la convertibilità del tasso di cambio dello yuan. Negli ultimi anni, numerosi paesi hanno valutato il caso dell’emissione di valute digitali della banca centrale (compresi Stati Uniti e Unione Europea), ma solo la Cina, la Svezia e di recente la Francia sono arrivate al punto di condurre test veri e propri in questo senso. Cina e Svezia non a caso sono fra i paesi leader nel mondo per quanto riguarda i pagamenti digitali ed elettronici.

La PBOC lavora sul progetto dal 2014

La People’s Bank of China ha iniziato a esplorare il concetto di moneta virtuale nazionale nel 2014 con il successo delle piattaforme di e-commerce Alibaba, Tencent e Baidu. Le transazioni mobili hanno raggiunto 347 trilioni di yuan (49 trilioni di dollari) nel 2019. Il Digital Currency Research Institute della banca centrale, che si occupa dello sviluppo e del collaudo delle valute digitali, è stato inaugurato nel 2017, quando ha invitato le principali banche commerciali statali e altre istituzioni influenti a contribuire alla progettazione del sistema DCEP.

Nel dicembre 2019, il capo dell’istituto Mu Changchun ha affermato che la nuova valuta digitale sovrana sarebbe stata «una forma digitale dello yuan», non ci sarebbero speculazioni sul suo valore e non avrebbe avuto bisogno del sostegno di un paniere di valute, secondo le notizie ufficiali sui titoli di Shanghai.

Lo yuan digitale cinese è gestito privatamente dal PBOC in base a un sistema centralizzato che è l’esatto contrario della maggior parte delle altre forme di criptovalute progettate per dissipare il potere dal governo.

Il tutto senza blockchain (o quasi)

Valute virtuali ampiamente negoziate, come il bitcoin, operano sotto una rete pubblica decentralizzata basata su blockchain o tecnologia di contabilità distribuita, esistente al di fuori del controllo di un’autorità centrale.
Ma il bitcoin, insieme a molte di queste criptovalute, deve affrontare molte criticità per quanto attiene alla sua vulnerabilità in termini di sicurezza e rispetto al fatto che da tempo sia diventato un mezzo per attività illegali, oltre alla sua grande volatilità nei prezzi.

Il sistema DCEP non utilizza la tecnologia blockchain, aumentando la presenza del PBOC nel sistema finanziario e il rischio di interferenze politiche. Teoricamente, il maggiore potere conferito alla PBOC dal DCEP consentirebbe di avere un maggiore controllo sul volume totale dell’offerta di moneta in base alle condizioni economiche.

Il DCEP, tuttavia, opera attraverso un sistema operativo a due livelli. La PBOC rilascia il DCEP a banche commerciali e altre agenzie operative commerciali senza usare blockchain, ma i finanziatori e altre agenzie sono autorizzati a utilizzare la tecnologia per distribuire lo yuan digitale al pubblico.
Ulteriori informazioni sull’attività commerciale verrebbero generate in tempo reale per aiutare la PBOC a mantenere la stabilità del valore dello yuan e regolare i cicli dell’attività economica in modo più efficace, attenuando il rischio di bolle di credito nel sistema finanziario, hanno affermato gli analisti.

Test sullo yuan digitale al via a giugno

La Cina non ha annunciato un calendario ufficiale per il lancio ufficiale del suo sistema DCEP, ma si ipotizza che sarà offerto al pubblico alla fine del 2020.

La prima occhiata alla valuta digitale pianificata è emersa ad aprile quando è trapelata una schermata di una versione di prova sviluppata dalla Agricultural Bank of China.
Le prove dello yuan digitale dovrebbero iniziare a giugno in quattro città - Shenzhen, Suzhou, Chengdu e la zona di Xiongan vicino a Pechino - che verranno successivamente estese ai programmi pilota nelle sedi delle Olimpiadi invernali del 2022 a Pechino e Zhangjiakou di Hebei.

I test e le prove dello yuan digitale saranno effettuati in piccole transazioni e condotti in «ambienti chiusi» che non influenzeranno le operazioni commerciali delle società coinvolte. Ma l’Istituto di ricerca sulla valuta digitale della Banca popolare cinese ha sottolineato che queste versioni e applicazioni di test non saranno definitive e non corrisponderanno al «lancio ufficiale della valuta digitale sovrana cinese».

Le catene statunitensi Starbucks, McDonald’s e Subway sono state nominate dalla PBOC come partecipanti al programma pilota, insieme a Ant Financial, Tencent e 19 ristoranti e negozi al dettaglio locali.

Xu del Digital Finance Research Center dell’Università di Pechino ha dichiarato che al termine dei test interni, lo yuan digitale potrebbe essere gradualmente ampliato per il pagamento dei salari del personale nei principali dipartimenti governativi, istituzioni amministrative e persino aziende statali.

Le critiche al progetto

Nouriel Roubini, professore di economia alla Stern School of Business della New York University, ha affermato che il problema principale con il potenziale successo delle valute digitali della banca centrale risiede nella possibilità di interrompere l’attuale sistema di attività bancarie tradizionali e di prendere depositi per utilizzare i fondi per estendere i prestiti.

Gli individui e le aziende che utilizzano sempre più i portafogli digitali delle banche centrali per effettuare pagamenti avrebbero meno bisogno di avere a che fare con le banche commerciali, il che potrebbe portare alla scomparsa di depositi bancari e, quindi, a limitare la capacità dei finanziatori commerciali di concedere prestiti, ha affermato l’economista americano.

Xu invece ha affermato che mentre la Cina passerà a una società senza contanti, in futuro verrà messa in discussione anche la necessità di sportelli bancomat e intere strutture finanziarie e le banche commerciali, così come intese fino ad ora, subiranno grandi cambiamenti. I giovani, che hanno più familiarità con l’uso dei dispositivi mobili, dovrebbero assumere un ruolo guida nell’uso dello yuan digitale.

Il suo sviluppo potrebbe assomigliare all’evoluzione di Yu’e Bao, uno dei principali fondi del mercato monetario distribuito sulla rete di pagamento di Ant Financial, ha detto Xu. In futuro, gli utenti potrebbero avere la possibilità di utilizzare lo yuan digitale per effettuare depositi fruttiferi e investire in prodotti di gestione patrimoniale.

Citic Securities ha stimato che la dimensione totale della valuta digitale cinese potrebbe raggiungere 1 trilione di yuan (140 miliardi di dollari USA) nei prossimi anni, equivalente alla digitalizzazione di circa un ottavo del denaro cinese. In confronto, la capitalizzazione di mercato totale delle criptovalute, incluso il bitcoin, è di circa 200 miliardi di dollari.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories
SONDAGGIO