WhatsApp Pay: al via i pagamenti via app. E in Italia?

9 novembre 2020 - 13:00 |

WhatsApp lancia i pagamenti via app per 20 milioni di utenti. Il servizio è per ora disponibile solo in India. Ecco come funziona.

WhatsApp Pay: al via i pagamenti via app. E in Italia?

WhatsApp ha finalmente ricevuto l’ok per un rilascio più massivo di WhatsApp Pay, la sua funzione di pagamento che consente di inviare denaro via chat.

Dopo essere rimasta in stand by per oltre due anni e mezzo, incastrata in un labirinto normativo, la piattaforma di messaggistica ha ottenuto l’approvazione normativa per il lancio di WhatsApp Pay su Unified Payments Interface (UPI) e ora può raggiungere “in modo graduale” 20 milioni di utenti iniziali. Dal suo lancio nel 2018 il servizio era stato limitato a 1 milione di utenti.

Pagamenti mobile: arriva WhatsApp Pay

La National Payments Corporation of India che gestisce UPI ha anche detto che dal 1° gennaio 2021 implementerà del 30% il limite dei volumi di pagamento possibili su app terze. Queste avranno tempo fino a gennaio 2023 per conformarsi.

Al momento in India il limite al volume dei pagamenti digitali su app di pagamento serve a garantire che nessun player abbia una posizione troppo dominante nel mercato concorrenziale. L’ingresso di WhatsApp nel settore fa già tremare gli altri colossi, in quanto coi suoi 400 milioni di utenti solo in India può seriamente cambiare le dinamiche del mercato.

Attualmente Google e Walmart sono leader nel settore dei pagamenti mobile in India, e insieme detengono circa l’80% della quota di mercato UPI. La posta in gioco è molto alta: si stima che il mercato indiano dei pagamenti mobile raggiungerà i mille miliardi di dollari entro i prossimi 3 anni.

Il successo di WhatsApp Pay in India potrebbe aprire altre strade di business interessanti per la sua azienda madre: non a caso Facebook quest’anno ha investito quasi 6 miliardi di dollari nel colosso indiano delle telecomunicazioni Jio Platforms, gestito da Mukesh Ambani, l’uomo più ricco dell’India. Si tratta del più grande investimento estero di Facebook nel panorama tecnologico indiano. L’obiettivo dichiarato è quello di aiutare la digital transformation di 60 milioni di piccole e medie imprese indiane.

WhatsApp Pay in Italia? Per ora esiste solo in India

Per il momento l’unico Paese in cui WhatsApp Pay è disponibile è l’India. A giugno di quest’anno il servizio di pagamento su WhatsApp era stato lanciato anche in Brasile, ma la banca centrale brasiliana ne ha subito ordinato la sospensione “per preservare un ambiente competitivo adeguato nel settore dei pagamenti mobile”. Per chi si chiede se e quando WhatsApp Pay arriverà in Italia, non è dato saperlo.

Tutto ciò che sappiamo è che a febbraio 2020 Mark Zuckerberg ha dichiarato che WhatsApp Pay potrebbe essere lanciato a livello globale nei prossimi mesi. In Europa e in altri Paesi dell’Asia meridionale WhatsApp gode di immensa popolarità, ragion per cui un prossimo rilascio del servizio è nelle intenzioni di Facebook. Tuttavia ad oggi non sappiamo quali Paesi riceveranno i pagamenti su WhatsApp né quali saranno le condizioni richieste per la sua implementazione fuori dal territorio indiano.

Come funzionano i pagamenti su WhatsApp

WhatsApp Pay è semplice come inviare foto e video. Gli utenti possono inviare denaro in chat toccando l’icona dell’allegato e selezionando la voce Pagamento, digitare l’importo desiderato e premere invio, poi inserire il Pin o autenticazione per completare il pagamento.

Per i pagamenti peer-to-peer basterà scansionare un codice QR univoco per avviare le transazioni di denaro in tempo reale agli altri dispositivi.

Dalla sezione dedicata si potranno controllare tutti i pagamenti effettuati, la cronologia, i dettagli del conto.

Per configurare WhatsApp Pay gli utenti devono andare su Impostazioni > Pagamenti, aggiungere il metodo di pagamento tra quelli disponibili e verificare il numero di telefono. Una volta terminato questo processo, i dati bancari vengono associati al proprio account WhatsApp ed è possibile quindi inviare denaro ai propri contatti.

Argomenti:

India Facebook, Inc.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories