WhatsApp: rapine con la scusa delle mascherine, bufala o verità?

Stanno girando delle persone armate nei condomini che con la scusa delle mascherine si introducono in casa per delle rapine, nuova catena su WhatsApp. Ma è una bufala o verità? Facciamo chiarezza.

Nuovo messaggio virale su WhatsApp: “Stanno girando due persone che con la scusa di dover consegnare delle mascherine donate dal comune si introducono in casa. Sono armati nn aprite e avvertite anche i vostri genitori”. Ma è una bufala o c’è un fondo di verità? Facciamo chiarezza.

L’emergenza coronavirus ha fatto profilare le fake news a tema attraverso la popolare chat di messaggistica istantanea: le rapine nei condomini, con la scusa delle mascherine, sono l’ennesima bufala che si basa però su alcuni avvenimenti reali.

È proprio questa ambivalenza a rendere incredibilmente virali queste false notizie, attirando gli utenti verso la condivisione a catena di S.Antonio sulle principali chat e social network. Spesso questo tipo di bufale si basano infatti, in parte, su fatti realmente accaduti che vengono poi distorti e plasmati per far breccia tra gli utenti.

Girano persone armate nei condomini con la scusa delle mascherine: la bufala di WhatsApp

Gli episodi di sciacallaggio e l’aumento della microcriminalità sono, purtroppo, delle realtà che spesso si verificano in situazioni di emergenza. La consegna delle mascherine in alcuni dei comuni italiani avviene però tramite cassetta postale e non attraverso il porta a porta, una prassi voluta proprio per arginare il rischio contagio tramite contatto diretto.

Girano diverse versioni dello stesso messaggio: in una si allega la foto di due criminali, che è in realtà attribuile a una rapida avvenuta in Germania diverse settimane fa (e che nulla ha a che vedere con il coronavirus).

L’altra versione famosa in queste ore è quella che lega un video di un arresto e di una rapina avvenuta a Ostia, Roma, ai danni di una persona anziana: la notizia, in questo caso, è vera ma non è legata al meccanismo truffa degli operatori addetti alla consegna di mascherine. La vittima è stata infatti seguita a casa dai malviventi e successivamente legata, ma l’intervento dei vicini ha fatto sì che i rapinatori venissero colti in flagrante e in seguito arrestato.

WhatsApp: la bufala dei controlli porta a porta degli affitti in nero

Altra bufala di grandissimo successo in queste ore su WhatsApp riguarda dei presunti controlli da parte della Guardia di Finanza per i condomini, alla ricerca dei reali residenti negli appartamenti e di eventuali affittuari in nero.

I controlli prevederebbero l’allontanamento per i non residenti. Ovviamente anche in questo caso si tratta di una notizia falsa e verificate.

In questo caso vince l’informazione corretta: verificate sempre il corretto fondamento delle notizie che leggete, o che vi arrivano via WhatsApp. Se constate una bufala, provvedete a segnalarla e diffondete la smentita anche tra i vostri contatti: l’effetto catena può essere utilizzato anche ai danni di chi, per qualche oscura ragione, diffonde questo tipo di bufale che hanno come effetto controproducente il solo alimentare la paura.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories