Visite fiscali sabato e domenica: controllo anche nei giorni non lavorativi?

Simone Micocci

15/09/2021

15/09/2021 - 11:52

condividi

La visita fiscale di controllo può passare anche di sabato e domenica? E se sì, in quali orari? Facciamo chiarezza su quanto previsto dalla normativa.

Visite fiscali sabato e domenica: controllo anche nei giorni non lavorativi?

Il medico incaricato di procedere alla visita fiscale nei confronti del dipendente in malattia può passare anche di sabato e domenica, come pure nei giorni festivi?

Si tratta di una domanda lecita: chi è assente dal lavoro per malattia ed è sottoposto all’obbligo di reperibilità negli orari delle visite fiscali, infatti, vuole sapere se questa regola vale anche per quei giorni non lavorativi, come possono essere il sabato e la domenica, come pure per i riposi infrasettimanali e i giorni festivi.

Come noto le regole per le visite fiscali sono state riformate dal decreto 206/2017, il cosiddetto Decreto Madia, con il quale vengono stabilite le fasce orarie di reperibilità per i dipendenti pubblici e privati, con la novità del Polo Unico Inps come unico organo incaricato di predisporre i controlli. È l’Inps, dunque, a occuparsi dei controlli tanto nella sfera pubblica quanto in quella privata.

Controlli che - come vedremo meglio di seguito - non tengono conto del fatto che si tratti di un giorno normalmente lavorativo oppure no.

Visite fiscali anche di sabato, domenica e giorni festivi?

Non ci sono differenze tra i giorni della settimana: gli orari delle visite fiscali valgono 7 giorni su 7, sabati e domeniche comprese. La regola vuole, infatti, che non vi sia alcuna differenza tra i giorni lavorativi e quelli in cui il lavoratore sarebbe stato comunque a casa: l’obbligo di reperibilità alle visite fiscali vale ogni giorno, festivi compresi.

D’altronde, va detto che sabati e domenica, come pure i giorni festivi, sono comunque compresi nell’indennità di malattia. Nel computo del periodo di malattia del dipendente, infatti, vanno conteggiati tutti i giorni compresi nel periodo di prognosi indicato nel certificato.

E non solo. Prendiamo come esempio, il caso di un lavoratore impegnato 5 giorni su 7, dal lunedì al venerdì. Nel certificato di malattia è indicato un periodo che va proprio dal lunedì al venerdì, quindi l’indennità comprende solamente questi 5 giorni.

Ed è proprio in questi 5 giorni che il lavoratore è obbligato a rendersi reperibile negli orari delle visite fiscali. Non ovviamente il sabato e la domenica successivi, in quanto appunto non compresi nel periodo di malattia.

Ma attenzione: nel caso in cui il lunedì successivo, giorno in cui avrebbe dovuto esserci il ritorno al lavoro, dovesse partire un secondo certificato medico, allora anche il sabato e la domenica precedenti verrebbero compresi nel periodo di malattia. I due periodi, seppur intervallati, si considerano dunque come continuativi.

Visite fiscali sabato, domenica e festivi: in quali orari?

Non ci sono differenze neppure per gli orari delle fasce di reperibilità per le visite fiscali, uguali per tutta la settimana e con la differenza per il solo settore pubblico rispetto a quello privato.

Nel dettaglio, per i lavoratori del settore privato gli orari sono - compreso per il sabato, la domenica e i giorni festivi - i seguenti:

  • mattina: dalle ore 10:00 alle ore 12:00;
  • pomeriggio: dalle ore 17:00 alle ore 19:00.

Nel caso dei lavoratori del settore pubblico, invece, le fasce orarie sono:

  • mattina: dalle 9:00 alle 13:00;
  • pomeriggio: dalle 15:00 alle 18:00.

Questi gli orari in cui i lavoratori hanno l’obbligo di trovarsi presso l’indirizzo di domicilio indicato sul certificato medico di malattia, pena una sanzione. Obbligo che, ricordiamo, scatta già dal primo giorno di assenza.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Iscriviti a Money.it