La variante Delta spaventa anche gli USA: perché e i timori di Biden

Violetta Silvestri

19 Giugno 2021 - 13:52

condividi

Anche gli USA temono la variante Delta e Joe Biden rischia di non raggiungere l’obiettivo di vaccini somministrati. Cosa rischia la potenza americana e perché il presidente ha lanciato l’allarme.

La variante Delta spaventa anche gli USA: perché e i timori di Biden

La variante Delta e il ritmo delle vaccinazioni nel mirino di Biden: gli USA sono preoccupati, per quale motivo?

Il presidente americano ha esortato la popolazione non vaccinata a farsi immunizzare, avvertendo che una variante altamente trasmissibile potrebbe causare più morti.

Eliminare la diffusione del Covid tramite la campagna vaccinale resta l’unico appiglio per avviare la ripresa. Sebbene gli USA abbiano fatto il balzo economico, con l’iniezione di sussidi e piani di recupero dell’amministrazione dem, restano deboli su inflazione e occupazione.

Piombare in un nuovo vortice di contagi sarebbe drammatico. Perché Biden è preoccupato della variante Delta e cosa aspettarsi sui vaccini nella potenza USA?

USA: obiettivo 70% con una dose può sfuggire

“Anche se stiamo facendo progressi incredibili, rimane una minaccia seria e mortale”: così Biden ha parlato di virus e variante.

Nel celebrare 300 milioni di dosi somministrate durante i primi 150 giorni della sua amministrazione, il presidente ha voluto lanciare un monito: “I dati sono chiari: se non sei vaccinato, corri il rischio di ammalarti gravemente, o morire, o diffonderlo.”

I casi di Covid-19 sono precipitati nel Paese di pari passo con le vaccinazioni, spingendo molte persone a riprendere le attività pre-pandemia come cene al coperto, eventi sportivi, concerti e viaggi nelle ultime settimane.

Ma un’ampia fascia di americani, in particolare nel sud politicamente conservatore, ha rifiutato di immunizzarsi nonostante gli avvertimenti delle autorità sanitarie che il virus rimane una minaccia.

Circa il 65% degli americani di età pari o superiore a 18 anni ha ricevuto almeno una dose, secondo il CDC, e 142,5 milioni di adulti sono completamente vaccinati. Ma al ritmo attuale - circa 237.000 prime dosi al giorno - Biden non riuscirà a raggiungere il suo obiettivo del 4 luglio di 160 milioni di adulti completamente vaccinati e il 70% con almeno un’iniezione.

I timori di Biden tra variante, vaccini e rilancio economico

Indipendentemente da ciò, gli Stati Uniti, che solo di recente hanno annunciato l’intenzione di condividere la loro massiccia scorta di vaccini con i Paesi bisognosi, rimangono molto più avanti rispetto alla maggior parte del mondo sull’immunizzazione.

L’Unione Europea ha revocato le restrizioni di viaggio per i residenti negli Stati Uniti con l’inizio della stagione delle vacanze estive.

I funzionari della sanità pubblica statunitense, comunque, hanno sottolineato che il pericolo rimane, poiché la variante Delta altamente trasmissibile dovrebbe diventare il ceppo dominante negli Stati Uniti.

Ripiombare in una crisi sanitaria per colpa di persone non immunizzate sarebbe un duro colpo per la più grande economia del mondo. Nonostante i numeri da ripresa e l’appoggio della Fed - per ora - gli USA rischiano se non cancellano del tutto il pericolo contagio diffuso.

Powell ha già accennato al tapering, con probabile rialzo del tassi nel 2023. L’economia statunitense deve farsi trovare pronta e immunizzata. Specialmente se vuole prendere il sopravvento nella sua eterna e aspra lotta di dominio con la Cina.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.