Vaccino obbligatorio per tornare a lavorare in ufficio? Le Big tech USA hanno già deciso

Pierandrea Ferrari

29 Luglio 2021 - 12:58

condividi

Negli Stati Uniti si prepara il controesodo, e con il rientro in ufficio dei dipendenti le Big tech già corrono ai ripari: vaccinazione obbligatoria.

Vaccino obbligatorio per tornare a lavorare in ufficio? Le Big tech USA hanno già deciso

A partire da settembre-ottobre, al netto dei chiari di luna sul fronte pandemico, i dipendenti di diverse Big tech della Silicon Valley faranno progressivamente rientro nei loro uffici. E alcune di queste, come Google e Facebook, ma anche Netflix, stanno già correndo ai ripari per impedire che il controesodo possa favorire dei focolai all’interno dei luoghi di lavoro.

Big tech USA, vaccino obbligatorio per chi rientra in ufficio

Google, che ha esteso lo smartworking per i propri dipendenti fino al prossimo 18 ottobre, ha infatti già annunciato, tramite il CEO Sundar Pichai, che l’avvenuta vaccinazione sarà un requisito essenziale per rientrare in presenza. E così anche Facebook, che prevede il rientro in ufficio del 50% dei dipendenti già a settembre (ma sarà possibile anche lavorare da remoto in via permanente), ha chiarito che «richiederemo a chiunque lavori in uno dei nostri campus americani di essere vaccinato».

Sulla stessa linea il gigante dello streaming Netflix, che per quanto riguarda le sue produzioni originali ha precisato che gli attori e tutti coloro che lavoreranno sui set dovranno essere stati completamente immunizzati, mentre Apple in merito non ha ancora preso una decisione netta, sebbene il lancio del programma (dello scorso aprile) teso ad agevolare la vaccinazione dei dipendenti in presenza è sintomatico dell’interesse di Cupertino di provvedere ad immunizzare la più alta percentuale possibile della forza lavoro prima del grande rientro, posticipato la scorsa settimana ad ottobre.

Vaccino e lavoro, qual è la situazione in Italia?

Ora, c’è il rischio che anche le aziende italiane possano richiedere ai loro lavoratori di sottoporsi a vaccinazione prima di tornare in presenza? Allo stato attuale solo il personale sanitario può essere sospeso dallo stipendio se non immunizzato. Confindustria, però, ha proposto la scorsa settimana «l’estensione dell’utilizzo delle certificazioni verdi per accedere ai contesti aziendali/lavoristici», cosa che richiederà l’approvazione di una nuova legge in Parlamento. Per questo, l’associazione degli industriali auspica l’avvio di «interlocuzioni con il Governo ai fini di una soluzione normativa in tal senso».