Vaccino Covid, è arrivato il turno dei nati negli anni ’70: ecco quando

Giorgia Bonamoneta

12/05/2021

12/05/2021 - 20:57

condividi

Via libera per le vaccinazioni degli over 40. Da lunedì 17 maggio si potrà prenotare, per i nati fino al 1981, la dose di vaccino Vaxzevria o Johnson&Johnson, le uniche disponibili per gli over 40 ad oggi.

Vaccino Covid, è arrivato il turno dei nati negli anni '70: ecco quando

Da lunedì 17 maggio via libera alle prenotazioni del vaccino anti-Covid per gli over 40 nati fino al 1981. Per il Generale Figliuolo è giunto il tempo di vaccinare i cittadini over 40, soprattutto ora che la campagna vaccinale prosegue spedita e senza troppi intoppi.

Moltissime le prenotazioni, un segno dell’Italia che è stanca dell’incertezza di questo ultimo anno ed è pronta a ripartire grazie al vaccino.

Ad oggi i dati ufficiali descrivono un’Italia ancora indietro rispetto a Israele, Regno Unito, Stati Uniti e Germania, ma destinata a migliorare. In totale sono state somministrate 24 milioni di dosi, che corrispondono al 28 per cento della popolazione, ovvero 16.747.147.

Vaccino anti-Covid: via libera agli over 40

Il target delle 500 mila dosi al giorno voluto dal Generale Francesco Paolo Figliuolo è stato centrato solo 4 volte, ma con l’arrivo di milioni di dosi, tre per la precisione, si potrà tentare di rimettersi in carreggiata. A dirlo è la Ministra degli Affari regionali Maria Stelle Gelmini, in risposta alle Regioni che in questi giorni chiedono di aumentare la platea di vaccinabili.

In alcune Regioni, Lazio, Veneto e Basilicata, sono già iniziate le prenotazioni per le vaccinazioni degli over 40, che partiranno però ufficialmente lunedì 17 maggio, dopo la consegna delle nuove dosi. Oggi la conferma di Figliuolo tramite una lettera alle Regioni:

[...]Si raccomanda l’assoluta necessità di continuare a mantenere particolare attenzione per i soggetti fragili, classi di età over 60, cittadini che presentano comorbidità, fino a garantirne la massima copertura

Il Commissario straordinario non manca di sottolineare, dunque, la necessità di continuare a dare precedenza e attenzione soprattutto ai soggetti fragili, ai cittadini di età over 60 e a chi presenta comorbilità.

3 milioni di dosi in arrivo, verso un milione di somministrazioni al giorno

Sono in arrivo entro la fine della settimana 3 milioni di dosi del vaccino anti-Covid.

La distribuzione, si legge sulla pagina del Commissario straordinario nel sito del Governo, è iniziata questa mattina. Consegnate oltre 2 milioni di dosi del vaccino Pfizer. Domani un ulteriore consegna di 170 mila dosi del vaccino Janssen, mentre per il fine settimana saranno distribuite circa 360 mila dosi di Vaxzevria e oltre 390 mila di Moderna.

Il Generale Figliuolo scommette per vincere e ieri, in un’intervista per La Stampa, ha annunciato il nuovo target di vaccinazioni: un milione di somministrazioni al giorno.

Secondo Francesco Paolo Figliuolo occorre coinvolgere medici di base e farmacie, in modo da intervenire nel locale in maniera più strutturata. L’imperativo è accelerare e arrivare a superare le 500 mila dosi di vaccino somministrato in un singolo giorno (target toccato solo 4 volte) entro giugno.

Queste previsioni sono allentati, ma anche approssimative e a dirlo è proprio il Commissario straordinario. “Possiamo riuscirci - ha aggiunto il Generale - Giugno è il mese clou, quello giusto per la spallata” si spera definitiva. Ma da sola la vaccinazione non basta e le ultime parole dell’intervista sono destinate al rispetto delle misure di sicurezza.

Con le nuove vaccinazioni agli over 40, potremmo veder scendere di molto i numeri del contagio. Dal 17 maggio si potrà prenotare la vaccinazione e sarà disponibile fin da subito disponibile il vaccino di Vaxzevria, mentre dal 20 maggio saranno disponibili anche le dosi di Johnson&Johnson.

Iscriviti a Money.it