Vaccino AstraZeneca, revocato il divieto dall’Aifa: ripartono le vaccinazioni in Italia

Martino Grassi

19/03/2021

19/03/2021 - 12:41

condividi
Facebook
twitter whatsapp

L’Aifa ha deciso di revocare il divieto di somministrazione del vaccino di AstraZeneca, affermando che è sicuro e non è associato ad un aumento del rischio trombotico, per questo motivo le vaccinazioni possono ripartire.

Vaccino AstraZeneca, revocato il divieto dall'Aifa: ripartono le vaccinazioni in Italia

Nel corso di una conferenza stampa l’Agenzia italiana del Farmaco, (Aifa) “ha appena revocato il divieto d’uso stabilito in via precauzionale qualche giorno fa” del vaccino di AstraZeneca. A renderlo noto è il Direttore Generale di AIFA, Nicola Magrini, in diretta dalla sede del Ministero sul Lungotevere Ripa 1, insieme al Direttore Generale della Prevenzione del Ministero della Salute, Giovanni Rezza, e il Presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Franco Locatelli.

Dopo il pronunciamento dell’Ema, che in seguito ad un’attenta analisi ha stabilito che i benefici del siero di AstraZeneca sono largamente superiori ai rischi, non vi è motivo di vietare la somministrazione del vaccino, soprattutto perché la campagna vaccinale ha bisogno di raggiungere un numero di somministrazioni soddisfacente.

Vaccino AstraZeneca: revocato il divieto dell’Aifa

Aifa ha revocato il divieto d’uso emesso pochi giorni fa. Nel divieto era infatti precisato che era temporaneo e limitato fino al pronunciamento dell’Ema. Proprio per questo motivo a partire delle 15 di oggi pomeriggio i centri di somministrazione potranno riprendere le vaccinazioni utilizzando anche il siero di AstraZeneca.

Magrini ha precisato che “La notizia principale da sottolineare è che i benefici del vaccino AstraZeneca superano ampiamente i rischi e quindi il vaccino è sicuro senza limitazioni di età e senza sostanziali controindicazioni per l’uso. Non è associato ad un aumento del rischio trombotico, né ci sono problematiche rispetto ai lotti” rendendolo quindi idoneo alla campagna vaccinale.

L’attenzione, comunque, resta alta e saranno svolti altri studi per accertarsi della sicurezza dei sieri. Le analisi hanno preso in considerazione anche i dati provenienti dal Regno Unito, in cui si ha avuta una campagna vaccinale maggiore dovuta ad una più ampia quantità di dosi a disposizione.

La revoca del divieto della sospensione del vaccino di AstraZeneca è per noi un grande sollievo perché dobbiamo dare un accelerazione forte alla campagna di vaccinazione”, ha aggiunto il Direttore Generale della Prevenzione del Ministero della Salute, Giovanni Rezza, aggiungendo che “a fronte dei rarissimi eventi avversi, noi dobbiamo tenere in considerazione l’incidenza molto elevata di Covid nel Paese e dunque rinunciare alla piena espletazione della campagna di vaccinazione sarebbe stato particolarmente rischioso.

Infine, Franco Locatelli, il Presidente del Consiglio Superiore di Sanità, ha concluso precisando che “la farmaco sorveglianza e la farmaco vigilanza sono un valore aggiunto che deve essere evidentemente letto come ulteriore forma di tutela per quello che è la sicurezza di tutte le persone che vengono sottoposte a qualsiasi trattamento farmacologico, compresa la somministrazione di vaccini”

Argomenti

# AIFA

Iscriviti alla newsletter

Money Stories