I prezzi dell’energia aumentano e premiano i conti BP

Violetta Silvestri

2 Novembre 2021 - 10:58

condividi

Il gigante energetico BP in primo piano con la trimestrale che ha messo a segno un profitto in rialzo oltre le stime. I prezzi di gas e petrolio in aumento hanno spinto i conti del gigante oil.

I prezzi dell'energia aumentano e premiano i conti BP

Il gigante del petrolio e del gas BP ha battuto le aspettative sugli utili del terzo trimestre, alimentati dall’impennata dei prezzi dell’energia.

La British Petroleum è l’ultima delle supermajor del mondo occidentale a riportare i guadagni del terzo trimestre. La società ha seguito molto le orme dei suoi colleghi segnalando un grande aumento dei profitti rispetto all’anno precedente. Dopo anni di scarsi rendimenti, l’industria sta incanalando la maggior parte di questo denaro extra nel riacquisto di azioni e nel pagamento dei dividendi.

Vediamo nel dettaglio la trimestrale di BP e l’effetto sui risultati finanziari dei prezzi energetici in risalita.

Trimestrale BP: profitti in crescita, aumenta il buyback

L’utile netto rettificato di BP nel terzo trimestre è stato di 3,32 miliardi di dollari, rispetto agli 86 milioni di dollari dell’anno precedente.

La società con sede a Londra ha battuto la stima media degli analisti di 3,01 miliardi di dollari. Nel secondo trimestre il risultato era stato pari a 2,8 miliardi di dollari. L’aumento è stato spinto dai prezzi del petrolio e del gas e da “un più forte risultato di marketing e trading del gas”, secondo il colosso.

Il flusso di cassa dalle operazioni ha mostrato un aumento più modesto, salendo a 5,98 miliardi di dollari dai 5,2 miliardi di dollari dell’anno precedente.

BP ha lasciato invariato il suo dividendo, ma ha rafforzato il programma di riacquisto mentre il gruppo ha continuato i suoi sforzi per riconquistare gli investitori. L’amministratore delegato Bernard Looney si è impegnato a riacquistare azioni per almeno 1 miliardo di dollari al trimestre, a condizione che i prezzi del petrolio superino i 60 dollari al barile.

Nel comunicato ufficiale, l’ad ha commentato:

“Questo è stato un altro buon trimestre per BP. L’aumento dei prezzi delle materie prime ha sicuramente aiutato, ma sono molto contento che trimestre dopo trimestre, stiamo facendo ciò che abbiamo detto che avremmo fatto: fornire una liquidità significativa per rafforzare le nostre finanze, aumentare le distribuzioni agli azionisti e investire nella nostra trasformazione strategica.”

Tuttavia, la società ha registrato una perdita complessiva di 2,5 miliardi di dollari per il terzo trimestre a causa di “effetti contabili negativi significativi del fair value”. Questi hanno visto la società subire un colpo di $6,1 miliardi che ha attribuito all’aumento eccezionale dei prezzi del gas a termine verso la fine del trimestre.

BP ha mantenuto il dividendo a 5,46 centesimi per azione pagabile nel quarto trimestre, dopo un aumento del 4% fino al 2025 annunciato nel secondo trimestre. Ha detto che stava pianificando un ulteriore riacquisto di azioni per $ 1,25 miliardi prima del rapporto sugli utili del quarto trimestre della società.

BP e la transizione energetica

All’inizio di quest’anno, BP ha elaborato un piano decennale per ridurre la produzione di petrolio e gas del 40% e aumentare la spesa per l’energia a basse emissioni di carbonio a $5 miliardi all’anno.

Sulla base di questi propositi, il ggante oil ha criticato l’esclusione delle major petrolifere dal vertice sul clima COP26 a Glasgow.

Tutti gli accordi che BP ha completato nel settore della mobilità elettrica nel terzo trimestre sono un’indicazione che anche le società del settore oil saranno protagoniste della transizione energetica.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.