Tassa ambientale su benzina e gasolio: la proposta in Germania che spaventa gli automobilisti

Una sorta di Ecotassa da applicare indistintamente sui carburanti per abbassare le emissioni inquinanti. Dalla Germania una proposta che fa discutere gli automobilisti.

Tassa ambientale su benzina e gasolio: la proposta in Germania che spaventa gli automobilisti

In Germania è al vaglio del Governo una tassa ambientale per contrastare l’inquinamento atmosferico ed abbassare le emissioni di CO2. L’imposta riguarda la benzina e il gasolio: quest’ultimo non soltanto nella versione per motori Diesel che spinge le automobili, ma anche in quella utilizzata dai sistemi di riscaldamento domestico.

L’obiettivo della legge, ancora in fase di approvazione, è quello di limitare l’uso dei carburanti fossili in Germania, indirizzando verso una energia più pulita che è utile sia per le auto che per gli altri impieghi: da anni Berlino porta avanti una campagna a favore delle auto elettriche che verrebbero alimentate da energia generata da risorse rinnovabili, la stessa che dovrebbe rifornire anche le reti domestiche.

Ricordiamo tuttavia che la politica di incentivi lanciata dal Governo per l’acquisto delle auto elettriche non ha portato al traguardo sperato, visto che buona parte della cifra stanziata è rimasta non spesa. Dopo il Dieselgate del 2015, dal 2016 è stata avviata in Germania una campagna di incentivi dalla durata di tre anni in cui per l’acquisto delle auto elettriche vengono scalati 4.000 euro di sconto, e 3.000 per chi sceglie un’ibrida plug in. Di certo la crisi del Diesel ha aiutato, ma la nuova proposta di legge fa capire come il problema delle emissioni non sia ancora risolto.

Tassa su benzina e Diesel, la proposta in Germania

Ad oggi benzina e gasolio sono i due carburanti più utilizzati in Germania, così come in Italia. Con l’Ecotassa, entrata in vigore dal 1° marzo 2019, in Italia viene imposto il pagamento di una tassa per le auto più inquinanti con emissioni di CO2 oltre i 160 g/Km con importi a scalare più sale l’impatto ambientale.

Per quanto riguarda i carburanti, in Italia gli automobilisti ancora soffrono il peso delle numerose accise che fanno salire il prezzo al litro sia della benzina che del gasolio. In Germania il costo medio della benzina è di circa 2 centesimi al litro più basso di quello in Italia, mentre il costo del gasolio è più basso solo di circa 1 centesimo o poco meno.

Questo significa che una tassa ambientale sui carburanti andrebbe a pesare sicuramente di più di quanto in Italia stia facendo l’Ecotassa. Ricordiamo infatti che la misura attuata nel nostro Paese riguarda soltanto le auto nuove e si basa su un dato dichiarato dalla casa automobilistica e riportato sul libretto. La tassa che potrebbe essere introdotta in Germania andrebbe invece a toccare il consumo reale, ipotizzando un eventuale innalzamento dei prezzi dei carburanti che andrebbe a gravare direttamente sull’uso quotidiano e non sarebbe una tantum come la nostra Ecotassa.

Tassa sui carburanti: dalla Germania automobilisti contro

La proposta tedesca non fa piacere agli automobilisti tedeschi: secondo un sondaggio effettuato dall’emittente televisiva di stato “Ard”, il 62% del campione analizzato non è favorevole all’introduzione di questa nuova tassa. Di questi contrari, l’88% sono sostenitori del partito di destra Afd, mentre il 60% dei sostenitori della tassa fa parte dei Verdi.

Bisogna considerare che in Germania c’è una sensibilità ecologista molto più spiccata che in Italia, ma nonostante questo le auto elettriche o a gas non sono ancora così diffuse da consentire agli automobilisti di non preoccuparsi delle nuove tasse su benzina e gasolio.

Analizzare la situazione italiana in relazione a quella tedesca è una forzatura, anche perché la politica di incentivo all’acquisto di auto ibride ed elettriche è iniziata quest’anno, mentre in Germania sono già passati tre anni. Non è tuttavia da escludere che se al termine dell’Ecobonus in Italia non ci sarà un netto abbassamento delle emissioni l’idea di una tassa aggiuntiva sui carburanti non venga presa in considerazione.

Considerando i malumori per il costo attuale di benzina e gasolio, un eventuale aumento dopo le promesse dei tagli delle accise sarebbe un duro colpo per tutti coloro che possiedono e guidano un’auto.

Iscriviti alla newsletter Motori per ricevere le news su Carburanti

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.