Super Mario Draghi: perché viene chiamato così e cosa c’entra l’icona Nintendo

Matteo Novelli

05/02/2021

05/02/2021 - 11:04

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Arriva Super Mario Draghi: ma perché viene chiamato così? Piccola fenomenologia del soprannome dato all’ex Presidente della BCE, associato all’icona Nintendo. Ecco cosa c’entra.

Super Mario Draghi: perché viene chiamato così e cosa c'entra l'icona Nintendo

Super Mario Draghi: è questo l’appellativo usato per l’ex Presidente della BCE il cui nome è al centro delle vicende politiche italiane degli ultimi giorni. In tanti associano Draghi a Super Mario, l’icona Nintendo protagonista dei popolari giochi della serie. Ma perché?

Cosa c’entra Super Mario con Mario Draghi e qual è l’origine di questa associazione? L’idraulico Nintendo è un simbolo universalmente riconosciuto, data la popolarità del personaggio anche a chi, di videogiochi, non conosce assolutamente nulla: capace di saltare da un mondo all’altro per salvare una principessa eternamente rapita, guadagnando vite accumulando preziose monete.

Insomma, un eroe fatto e finito che non conosce sconfitta: da dove ha origine questo soprannome e cosa accomuna un uomo come Mario Draghi a un paffuto idraulico dal baffo appuntito?

Perché Mario Draghi viene chiamato Super Mario?

L’origine del soprannome “Super Mario” è da ricercarsi tra il 2011 e il 2012, poco dopo l’inizio del suo mandato come Presidente della BCE. Fu proprio poco dopo il famoso discorso “whatever it takes” con il quale Draghi annunciava che la Banca Centrale Europea avrebbe fatto tutto il necessario per salvaguardare l’Euro dalle speculazioni sul debito pubblico. Stampa e mercati ne riconobbero fin da subito autorevolezza e capacità, attribuendogli il nome di Super Mario.

L’associazione viene quasi naturale e immediata dato il nome Mario ma il riferimento è pari a un complimento: Super Mario riesce, attraverso innumerevoli avventure contenute nei vari titoli della serie, a portare sempre a termine la sua missione, livello dopo livello.

Approfondiamo allora i simboli dietro la figura di Super Mario: è un idraulico, quindi opera una professione il cui obiettivo principale è risolvere problemi. I problemi di un idraulico sono spesso legati alle tubature, tubi che perdono: elementi che fanno parte della struttura stessa di una casa. Per procedere nella sua avventura Mario sfrutta vari Power Up e raccoglie monete sul suo cammino, che gli fanno guadagnare vite (quindi possibilità). In quasi tutti i giochi della serie Mario parte per le sue avventure nel tentativo di salvare la principessa Peach, rapita di volta in volta dal cattivone Bowser.

L’associazione, se guardiamo all’attuale crisi di Governo, è abbastanza semplice: Mario Draghi diventa un eroe (iconico e affidabile, dalla fama consolidata come Super Mario) chiamato a salvare l’Italia (la principessa Peach, in questo caso) risanando i conti (le tubature) e gestendo i soldi in arrivo (un Power Up, il Recovery Fund) per i riparare i tubi che perdono (le case dello Stato). E in tutto questo: chi fa Bowser?

La risposta potrebbe essere non solo scomoda ma nemmeno così scontata come pensiamo. La partita è ancora aperta ma nel frattempo Super Mario Draghi è già diventato un’opera d’arte, realizzata dall’artista TvBoy e apparsa su un muro di Barcellona.

L’artista palermitano raffigura proprio Draghi nei panni di Super Mario, intento a riparare un tubo dipinto con il tricolore italico. Più chiaro di così si rischia il Game Over.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories