Sull’euro pesa la prudenza BCE, cosa aspettarsi?

Violetta Silvestri

17 Novembre 2021 - 15:39

condividi

La coppia EUR/USD resta ancorata a 1,13, con la moneta unica indebolita soprattutto dai toni dovish della BCE riguardo i tassi di interesse. Cosa aspettarsi sulla valuta europea?

Sull'euro pesa la prudenza BCE, cosa aspettarsi?

EUR/USD viaggia sopra quota 1,130 mercoledì 17 novembre.

L’euro si è mantenuto al di sotto di $ 1,32, il livello più basso da luglio 2020 sulle aspettative che la BCE si attenga alle sue impostazioni politiche accomodanti nel breve termine.

Cosa aspettarsi sulla coppia e sulla moneta comunitaria?

Euro debole sul dollaro: le previsioni sulla valuta comunitaria

Alle ore 15.18 circa, l’euro scambia a 1.13018 dollari, con un calo giornaliero dello 0,07% e uno annuale del 4,68%.

L’EUR/USD è sceso al livello più basso da luglio 2020 a 1,1263 durante la sessione asiatica del 17 novembre, ma è riuscito a cancellare le sue perdite giornaliere prima della sessione americana.

All’inizio della giornata, i dati pubblicati da Eurostat hanno rivelato che l’inflazione annua nell’area dell’euro, misurata dall’indice dei prezzi al consumo è stata del 4,1% a ottobre. La lettura corrispondeva alla stima flash e al consenso del mercato, non riuscendo a innescare una notevole reazione del mercato. Sullo sfondo europeo c’è un’economia minacciata dalla ripresa dei casi Covid in tutto il continente.

A condizionare maggiormente la flessione della moneta unica, comunque, è soprattutto la linea politica della BCE.

Il presidente Christine Lagarde ha affermato che l’inasprimento della politica monetaria per frenare l’inflazione potrebbe soffocare la ripresa dell’Eurozona e ha sostenuto che i fattori che spingono i prezzi al rialzo svaniranno l’anno prossimo, in contrasto crescente con i suggerimenti da “falco” di altre banche centrali.

Gli analisti di ING hanno commentato: “L’euro rimane esposto al ribasso a nostro avviso. Il nostro modello basato sul fair value a breve termine mostra un movimento al di sotto di 1,13.”

Secondo gli esperti, l’euro continuerà a sottoperformare rispetto al dollaro nel 2022. Si prevede la coppia EUR/USD scambierà a 1,10 entro la fine del prossimo anno. Il dollaro è visto in rafforzamento, spinto dalle mosse Fed, un PIL a +5% negli USA, solidi bilanci aziendali, consumi in ascesa.

Al contrario, per osservare una valuta comunitaria più forte dovrebbe palesarsi una robusta “ripresa globale, una rinascita della zona euro e una Fed che diventa accomodante.”

Tuttavia, secondo gli analisti ING, le interruzioni delle supply chain a pesare sulla crescita manifatturiera europea, uno scenario del genere sembra improbabile.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.