Stretta della Cina sulle big tech, anche la holding di TikTok sospende la sua Ipo

Pierandrea Ferrari

12/07/2021

12/07/2021 - 16:28

condividi

Il rigido controllo della Cina sui giganti tech nazionali rischia di far saltare uno degli sbarchi in Borsa più attesi dell’anno, quello della holding di TikTok.

Stretta della Cina sulle big tech, anche la holding di TikTok sospende la sua Ipo

L’Ipo della holding di TikTok, ByteDance, finisce nel congelatore. Con l’approvazione da parte della Cina di una nuova normativa che obbliga i Gruppi che detengono i dati di oltre 1 milioni di utenti a richiedere l’approvazione preventiva dell’Authority della sicurezza informatica prima di quotarsi in una piazza estera, i vertici della società – che intendevano lanciare una Ipo a stretto giro o negli Stati Uniti o ad Hong Kong – hanno deciso di sospendere i lavori propedeutici allo sbarco in Borsa.

La holding di TikTok sospende la sua Ipo

Lo stop riguarda logicamente anche l’Ipo di TikTok Global, ovvero lo spin-off statunitense dell’app – partecipato al 12,5% da Oracle e al 7,5% da Walmart, in una soluzione caldeggiata dall’ex amministrazione repubblicana a guida Trump – che era atteso a Wall Street nei prossimi mesi, dopo i ripetuti rinvii. Anche per l’Ipo di ByteDance, il fondatore Zhang Yiming aveva già deciso lo scorso marzo di posticipare la data del debutto in attesa di schiarite sul fronte politico e legislativo.

Schiarite che, però, non sono arrivate. Al contrario, Pechino ha deciso di dare attuazione al suo piano e stringere le maglie attorno alle big tech cinesi, aprendo a nuovi e più incisivi controlli sulle Ipo straniere per motivi di sicurezza nazionale. Va detto, tuttavia, che il Governo centrale non ha espressamente stoppato la doppia Ipo di ByteDance: si tratta piuttosto di una scelta deliberata della società, che non vede nello scenario attuale delle condizioni favorevoli ai listing.

A picco le società cinesi quotate a Wall Street

In ogni caso, il giro di vite di Pechino, dettato dal timore che i dati conservati dalle piattaforme tech vengano compromessi in caso di finanziamenti esteri, sta già sortendo degli effetti visibili. Due terzi delle società cinesi fresche di Ipo all’estero sono finite a scambiare sotto il prezzo di collocamento, con Full Truck Alliance, Didi (rimossa dal regolatore del cyberspazio cinese dagli app store) e Alibaba a registrare le maggiori perdite, mentre l’Invesco Golden Dragon China Etf – fondo che traccia le società cinesi quotate a Wall Street – ha visto il suo valore crollare di un terzo.

Argomenti

# IPO
# TikTok

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.