Perché così tanti bambini muoiono per Covid in Indonesia

Fiammetta Rubini

27 Luglio 2021 - 10:31

condividi

Il Covid fa strage di bambini in Indonesia. Ma i più piccoli non erano meno a rischio? Gli esperti spiegano il perché di così tanti malati e decessi infantili nel paese.

Perché così tanti bambini muoiono per Covid in Indonesia

Centinaia di morti e quasi 12mila infezioni a settimana: sono questi i dati del Covid nei bambini in Indonesia.

Il numero di bambini indonesiani che ha contratto il coronavirus è quasi triplicato da maggio, con morti infantili per Covid in forte aumento mentre il Paese affronta la più grave ondata da inizio pandemia a causa della variante Delta. Ma come si spiegano tutti questi contagi e decessi tra i più piccoli? Ecco cosa dicono gli esperti.

Indonesia: più di 150 bambini morti per Covid

Il tasso di mortalità infantile per coronavirus in Indonesia nelle ultime settimane è superiore a quello di qualsiasi altro Paese. Un dato che sfida la convinzione che i bambini corrano un rischio minimo di ammalarsi di Covid-19 in forma grave.

L’aumento delle morti infantili coincide con l’impennata della variante Delta che ha attraversato il Sud-est asiatico, dove i tassi di vaccinazione sono bassi. L’Indonesia, quarta nazione più popolosa al mondo, ha superato India e Brasile per numero di casi giornalieri questo mese, diventando nuovo epicentro della pandemia. Si viaggia su una media di 40-50mila contagi e 1.500 morti al giorno.

I bambini rappresentano il 12,5% dei casi confermati nel Paese: secondo il dott. Aman Bhakti Pulungan, direttore dell’associazione pediatri, sentito dal New York Times, più di 150 bambini sono morti di Covid-19 solo nella settimana del 12 luglio, con la metà dei decessi recenti tra i bambini sotto i 5 anni.

Perché centinaia di bambini muoiono per Covid in Indonesia

Gli epidemiologi locali hanno criticato ripetutamente il governo indonesiano per non aver seguito i consigli di esperti e scienziati. L’anno scorso, a inizio pandemia, l’allora ministro della Sanità aveva attribuito il basso numero di infezioni alle preghiere; il presidente Joko Widodo ha promosso rimedi erboristici tradizionali contro l’infezione e cercato di non allarmare i cittadini attraverso narrazioni ottimistiche senza basi scientifiche. Ha anche promosso con orgoglio l’uso della clorochina, il farmaco antimalarico, come cura contro il Covid.

“Il governo non ha mai preso sul serio questa pandemia sin dall’inizio”, afferma Alexander Raymond Arifianto, ricercatore presso la S. Rajaratnam School of International Studies di Singapore. “La voce dei veri esperti su come gestire al meglio la pandemia semplicemente non viene ascoltata”.

Secondo gli esperti sanitari una serie di fattori ha contribuito all’alto numero di decessi per Covid tra i bambini in Indonesia. Alcuni potrebbero essere vulnerabili al virus a causa di condizioni di salute di base come malnutrizione, obesità, diabete e malattie cardiache, hanno affermato i medici.

Anche il basso tasso di vaccinazione del paese ha un ruolo in questa situazione: solo il 16% degli indonesiani ha ricevuto una dose e solo il 6% è stato completamente vaccinato, secondo il progetto Our World in Data dell’Università di Oxford. Come altri Paesi, anche l’Indonesia non vaccina i bambini sotto i 12 anni e solo di recente ha iniziato a vaccinare quelli tra i 12 e i 18 anni.

Intanto le strutture sanitarie sono sotto pressione: gli ospedali sono strapieni, con pazienti in attesa nei corridoi e mancanza di letti in reparto. Inoltre pochi ospedali sono predisposti per prendersi cura dei bambini con Covid.
“I reparti di emergenza sono pieni di adulti - dice il dott. Aman - e le persone devono aspettare al pronto soccorso per giorni. Come ci aspettiamo che i bambini lo affrontino?

Con gli ospedali sovraffollati, circa i due terzi dei pazienti adulti sono in isolamento a casa, fattore che aumenta la possibilità che i bambini vengano infettati, ha affermato Edhie Rahmat, direttore esecutivo per l’Indonesia del gruppo sanitario no profit Project HOPE.