Come risparmiare sulle spese di condominio

Le spese condominiali spesso pesano non poco sul portafoglio familiare: qui diamo qualche buon consiglio per risparmiare un po’ di soldi.

Le spese condominiali sono un peso che grava sul collo di diverse famiglie italiane. Secondo recenti indagini condotte dall’Anammi, l’associazione nazionale degli amministratori di immobili, ogni famiglia italiana spende all’anno circa 1000 euro solo per le spese di condominio.

Non stupisce allora che con la crisi è aumentata al 20% la percentuale di chi si sottrae al pagamento delle spese condominiali (in condizioni normali si sarebbe aggirata al 10%).
Ma si tratta di una via senza uscita? Assolutamente no, e noi qui vi diamo alcuni consigli che potrebbero portare a un bel risparmio sulle spese condominiali.

Risparmiare sull’amministratore

Dunque, il primo modo per risparmiare è sicuramente procurarsi un amministratore di condominio che non richieda un compenso troppo esoso. Su Internet troverete moltissimi professionisti che offrono le loro prestazioni a prezzi contenuti.

Non solo: ma se siete un condominio di persone che vanno piuttosto d’accordo tra di loro potreste mettervi d’accordo nell’eleggere come amministratore uno dei condomini e procedere alla sua contribuzione mediante ritenuta d’acconto.

Per scongiurare infelici situazioni, come amministratori che scappano con la cassa, informatevi riguardo alle assicurazioni per queste eventualità, questo vi permetterà di proteggervi da rischi del genere.
Infine ricordate che un amministratore è obbligatorio solo laddove ci sia un condominio con più di 8 proprietari.

Ti interesserà anche: Cambiare l’amministratore di condominio: come sostituirlo in 5 mosse

ADSL condiviso


In molti stanno passando a modalità di connessione Internet ADSL condivise. Molti operatori offrono tariffe agevolate che possono portare a un risparmio fino al 40%.
Condomini di ultima generazione consentono di fare arrivare il Wi-Fi in ogni parte dello stabile consentendo a tutti l’accesso alla rete Internet.

Spese ordinarie ed extra-ordinarie

Dalla pulizia delle scale alle spese di manutenzione ordinaria: qui c’è tutta una sfera di spese che può essere ampiamente decurtata.

Per le pulizie e la portineria scegliete sempre società che vi procurino un buon servizio, ma a spese contenute, oppure, scelta saggia sebbene di difficile realizzazione, si potrebbe pensare a un’amministrazione condivisa delle pulizie basata su una rotazione a turni dei condomini.

Per quanto riguarda le spese di manutenzione, invece, ricordatevi che conviene spendere un poco tutti gli anni, e tenere l’immobile in buone condizioni, piuttosto che lasciare che si degradi del tutto e poi procedere a spese di manutenzione extra ordinarie (e straordinariamente care).

Efficientismo energetico

Il vero risparmio, come al solito, riguarda però le bollette sul consumo energetico.

Partiamo dal riscaldamento: sicuramente dovreste valutare di distaccare il riscaldamento centralizzato in favore di quello autonomo.

Questa operazione comporterà un taglio dei costi che si aggira attorno al 30-40%, ma non dimenticate di effettuare una generale riqualificazione energetica del vostro stabile.

Per quanto riguarda l’energia elettrica, invece, indirizzatevi verso interruttori a tempo, in modo che le luci dell’androne, delle scale e della cantina non rimangano costantemente accese sprecando energia, e soldi, inutilmente.

Carte vantaggio e conto condominiale

Il conto corrente condominiale è obbligatorio: ciò non toglie però che se ne possa scegliere uno con contenuti costi di gestione. Optate per soluzioni a basso costo se non addirittura a costo zero: sempre più banche, soprattutto quello online, offrono soluzioni vantaggiose.

Infine, sempre legato al conto corrente, stanno nascendo nuove forme di solidarietà condominiale. Pratiche di risparmio innovative, come le carte vantaggio o carte convenzionate dei condomini, offrono sconti sulle spese alimentari grazie a degli accordi commerciali con i commercianti della zona. Questo “bonus” si scala direttamente dal conto del condominio, tagliando così la spesa condominiale.

Argomenti:

Risparmio

Iscriviti alla newsletter

Money Stories