Scuola: la Giannini annuncia 32.000 assunzioni per l’a.s. 2016/2017

Scuola, ultime notizie: il Ministro dell’Istruzione nel corso di un’intervista Rai ha risposto alle polemiche degli insegnanti sulla mancanza di trasparenza nelle operazioni di mobilità. Confermata l’assunzione di 32.000 docenti e 10.000 Ata.

Scuola, novità: Stefania Giannini intervistata da Rai News 24 ha svelato alcune novità importanti per l’anno scolastico 2016/2017, oltre a fare chiarezza sulle problematiche riscontrate nelle procedure di mobilità.

Il Ministro Giannini nelle ultime settimane ha dovuto affrontare molte situazioni spinose, alcune delle quali sembrano ancora lontane da una risoluzione. Ad esempio, molti insegnanti si sono lamentati per la mancanza di chiarezza sui requisiti con cui sono state stabilità le procedure di mobilità per l’anno scolastico 2016/2017.

Inoltre, dopo che il Parlamento riaprirà dopo le ferie, il Ministro Giannini con ogni probabilità dovrà rispondere in un’interrogazione parlamentare del perché al Concorso Scuola c’è stata un’alta percentuale di bocciati.

In queste ore la Giannini ha approfittato di un’intervista rilasciata a Rai News 24 per fare chiarezza e rispondere alle accuse che gli insegnanti da tempo rivolgono al MIUR. Nel corso dell’intervista la Giannini ha dato anche una notizia molto importante che farà felici molti insegnanti non di ruolo: nel 2016/2017 verranno assunti 32 mila docenti. Questa notizia servirà per recuperare la fiducia degli insegnanti?

Scuola, Stefania Giannini: pronte le assunzioni di 32 mila insegnanti

Con l’inizio dell’anno scolastico 2016/2017 ci sarà l’assunzione di 32 mila docenti precari. Entreranno di ruolo non solo coloro che hanno vinto il Concorso, ma anche i docenti che si trovano nelle prime posizioni delle graduatorie ad esaurimento. Anzi, probabilmente il maggior numero di docenti che otterrà il ruolo proviene proprio dalle graduatorie ad esaurimento, perché per alcune classi di concorso e per la scuola d’infanzia e primaria il Concorso Scuola 2016 non si concluderà in tempo per l’inizio dell’anno scolastico che comincerà tra un mese.

Potrebbe interessarti anche: quando inizia l’a.s. 2016/2017?

Inoltre, come dichiarato dal Ministro Giannini, ci sono delle novità importanti anche per il personale ATA in quanto è in programma lo sblocco di 10 mila assunzioni:

“Finalmente si sblocca il piano assunzionale del personale Ata, tutti coloro che fanno funzionare le scuole, che non sono meno importanti dei docenti. Ne assumiamo 10 mila, ho firmato il decreto la settimana scorsa.Sarà un anno scolastico che porta novità positive per il mondo della scuola”.

Per maggiori dettagli sulle novità dell’a.s 2016/2017 vi consigliamo di leggere il nostro articolo di approfondimento su cosa cambierà nelle scuole nei prossimi mesi.

Scuola, Stefania Giannini: nessun problema mobilità

Nel corso dell’intervista il Ministro dell’Istruzione ha approfondito la questione mobilità, rispondendo a quegli insegnanti che si sono lamentati per aver ottenuto un trasferimento a molti chilometri di distanza da casa.

La Giannini ha chiarito dicendo che solamente il 10% degli insegnanti dovrà spostarsi dal Sud al Centronord, e nel dettaglio si tratta dei neoassunti, i più giovani di servizio entrati con la Buona Scuola.

La Giannini ha ricordato che questi trasferimenti “derivano da un fatto storico del nostro Paese”, perché i posti sono per la maggior parte al Nord, mentre molti di coloro che vogliono fare gli insegnanti provengono dal Sud. “È un processo che la scuola italiana ha sempre avuto”, ha aggiunto la Giannini.

Infine, il Ministro dell’Istruzione ha dichiarato che gli Uffici Scolastici sono stati incaricati di controllare che le procedure di mobilità siano avvenute nel corretto rispetto delle regole:

“A noi spetta il compito di verificare che tutto si svolga regolarmente e che, dove serve, si possa intervenire. Caso per caso stiamo esaminando tutte le segnalazioni, garantendo a questi insegnanti la possibilità di avere la migliore condizione possibile entro le prossime settimane in modo che anche quest’anno scolastico inizi regolarmente”.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories