Sciopero mezzi Roma 14 dicembre RINVIATO: mercoledì corse metro, bus e tram regolari

Giulia Adonopoulos

12/12/2016

12/12/2016 - 15:37

condividi

Lo sciopero mezzi a Roma di mercoledì 14 dicembre è stato revocato. Lo stop Atac sarebbe stato di 24 ore, ma i sindacati hanno accolto l’invito a rinviare la protesta.

Sciopero mezzi Roma 14 dicembre RINVIATO: mercoledì corse metro, bus e tram regolari

Ultime novità sciopero mezzi Roma: lo sciopero Atac del 14 dicembre 2016 è stato rinviato. Mercoledì le corse metro, bus, tram non saranno più a rischio per 24 ore.

Buone notizie per i cittadini e pendolari romani alle prese con i frequenti scioperi Atac. I disagi previsti per la giornata di mercoledì 14 dicembre non sono più una preoccupazione, almeno non per il momento. Lo sciopero del personale Atac indetto dai sindacati FAISA Confail, Orsa Tpl, SUL CT, USB e UTL è stato rimandato a data da destinarsi.

Fermi restando i motivi della protesta che avrebbero portato Atac ad astenersi dal lavoro per tutta la giornata di mercoledì, l’incontro di conciliazione con la Prefettura di Roma è andato a buon fine per chi prende i mezzi pubblici tutti i giorni.

I sindacati hanno accolto l’invito della Prefettura di Roma a ritirare lo sciopero indetto per mercoledì in quanto lo stop di 24 ore - seppure con le fasce orarie di garanzia - avrebbe influito negativamente sulla salute pubblica cittadina e i valori delle polveri sottili nell’aria. Ricordiamo, infatti, che domenica 11 dicembre c’è stata la prima delle domeniche ecologiche 2016/2017 a Roma.

Leggi Blocco auto Roma 2016/2017: orari ZTL Fascia Verde, domeniche ecologiche e info sulla circolazione

Sciopero mezzi Roma 14 dicembre RINVIATO: info sulla protesta

Un nuovo sciopero dei mezzi a Roma è previsto per il 14 dicembre 2016. Dopo la mobilitazione di fine novembre indetta dal sindacato Cambia-MentiM410, Atac si prepara a un’altra giornata di sciopero mercoledì 14 dicembre.

L’ondata di proteste che tra ottobre e novembre 2016 ha portato disagi a cittadini, colpendo soprattutto i pendolari, la scuola e i viaggiatori, non si ferma nel mese di dicembre. A Roma, infatti, per l’intera giornata di mercoledì 14 dicembre, i dipendenti Atac aderenti ai sindacati Faisa Confail, Orsa tpl, Sul Ct, Usb lavoro privato e Utl incroceranno le braccia per 24 ore. Verranno garantite le fasce orarie in cui le corse saranno regolari, ma i disagi non saranno evitati nelle ore dello sciopero. Metro chiuse, disservizi nelle stazioni, cancellazioni e ritardi: ecco cosa provocherà a Roma lo sciopero dei mezzi.

Lo sciopero Atac del 14 dicembre non sorprende i cittadini romani, sempre più insofferenti di fronte ai continui disservizi dei trasporti pubblici urbani. Ultimamente, tra guasti, chiusura della metro B per l’intera giornata di domenica e ritardi prolungati dei treni per “penuria di mezzi”, Atac non gode di una grande popolarità.

La mobilitazione dei dipendenti Atac è stata indetta per protestare contro il rifiuto dell’Atac di sottoporre l’accordo sindacale del 17 luglio 2015 - quello che avrebbe dovuto porre fine ai disagi su metro e bus - a referendum. Per i dettagli continuate a leggere.

Ecco tutti gli orari e le fasce di garanzia per lo sciopero dei mezzi pubblici di Roma, in programma per mercoledì 14 dicembre 2016.

Sciopero mezzi Roma mercoledì 14 dicembre: orari e fasce garantite

Mercoledì 14 dicembre sarà molto difficile muoversi per la Capitale usando i mezzi pubblici. A causa dello sciopero Atac, infatti, la circolazione di autobus e tram potrebbe subire rallentamenti e ritardi, mentre le stazioni metro potrebbero essere chiuse.

Lo sciopero dei mezzi Atac durerà per tutte le 24 ore di mercoledì 14 dicembre ma, come previsto dalla legge, saranno garantite le fasce protette. A che ora inizia e quando finisce lo sciopero? I disagi si concentreranno nelle fasce orarie che vanno dalle 8.30 alle 17.00, e dalle 20.00 a fine servizio. Non sono garantiti i bus notturni. Le corse Atac, nella giornata di sciopero, saranno quindi effettuate regolarmente dall’orario di apertura della metro fino a un minuto prima dell’inizio dello sciopero. Le fasce garantite sono: 5.30-8.30; 17.00-20.00.

Previsti disagi anche sulle ferrovie Roma-Lido, Termini-Centocelle e Roma-Viterbo, per cui la circolazione è garantita da inizio servizio alle 8:30 e dalle 17:00 alle 20:00.

Precisiamo che quello di mercoledì 14 dicembre non è uno sciopero dei treni, per cui i pendolari che usano i regionali di Ferrovie dello Stato per raggiungere la Capitale non subiranno disagi. Per questo motivo, piuttosto che prendere l’auto per muoversi a Roma il 14 dicembre visto che le strade saranno molto trafficate, vi consigliamo di usufruire delle corse ferroviarie Trenitalia che effettuano fermate in tutte le stazioni di Roma.

Roma, sciopero mezzi mercoledì 14 dicembre: i motivi della protesta

Perché si sciopera mercoledì 14 dicembre a Roma? La protesta è stata proclamata dai sindacati contro l’accordo del 17 luglio 2015 e la successiva “mancata consultazione dei lavoratori attraverso il referendum”.

Ma facciamo un passo indietro. Vi ricordate il mese di “scioperi bianchi” che ha colpito Roma a luglio 2015? L’accordo del 17 luglio 2015 contro cui protesteranno i sindacati il 14 dicembre 2016 prevedeva l’inserimento dei badge in azienda, l’aumento delle ore di lavoro, la stabilizzazione dei contratti a termine e il salario di produttività.

L’assessore ai trasporti Improta, dell’allora giunta Marino, aveva commentato così l’accordo Atac-Comune:

“Macchinisti alla guida per 950 ore all’anno, autisti per 6 ore e 20 minuti al giorno, con turni a nastro. Sono stati inoltre sottoscritti 106 accordi che ridefiniscono la contrattazione di secondo livello di tutte le famiglie professionali. Tutti i dipendenti accederanno al salario di produttività solo al raggiungimento di ben individuati standard in termini di presenza e qualità del servizio erogata”

Quello che oggi lamentano i sindacati è il rifiuto di Atac di fronte alla richiesta di effettuare un referendum dei lavoratori sull’accordo. Secondo i sindacati, i dipendenti Atac vogliono esprimersi democraticamente sull’accordo, dal quale uscirebbero fortemente penalizzati sotto il profilo normativo ed economico.

In una nota congiunta dei sindacati si legge che l’accordo di luglio 2015 non ha migliorato la qualità del servizio, e lo dimostrano i disagi che gli utenti devono affrontare quotidianamente (vetture sovraffollate, ritardi cronici, guasti perenni...). Il referendum dei lavoratori è previsto dalle normative vigenti, motivo per cui i sindacati hanno deciso di battersi per tutelare la libertà d’espressione e migliorare le condizioni dei dipendenti e dei cittadini che usano i mezzi pubblici.

Argomenti

# Roma

Iscriviti a Money.it