Quanto guadagna un pasticcere?

Lo stipendio medio di un pasticcere varia a seconda di diversi fattori come il livello di esperienza e il luogo in cui sceglie di svolgere la propria attività: un professionista italiano che decide di lavorare all’estero infatti percepisce quasi il doppio.

Quanto guadagna un pasticcere?

Quanto guadagna un pasticcere? Interessante chiedersi a quanto ammontano i guadagni di questi artisti e professionisti del settore culinario che a lungo si è creduto percepissero cifre stellari.

Cerchiamo di capire se i loro guadagni sono davvero più che dignitosi e quale è il percorso da compiere per arrivare a svolgere questa attività ad alti livelli.

Da considerare anche quali sono gli orari lavorativi di questi lavoratori che spesso sono costretti a svegliarsi molto presto la mattina per iniziare la propria attività.

Settore in crisi

Anche il settore culinario è attualmente in crisi soprattutto per le nuove aperture dei grandi marchi e delle aziende che si occupano di prodotti Take Away.

Inoltre, avviare una pasticceria comporta degli investimenti molto alti anche per ciò che comprende i vari permessi e i vari corsi che si devono seguire se si ha intenzione di diventare degli esperti del settore.

Dal punto di vista economico un ultimo fattore da tenere in considerazione poi è quello che riguarda l’investimento iniziale che consiste in affitto del locale e acquisto dell’attrezzatura oltre che l’impiego di un lungo periodo iniziale di gavetta e studio sui libri e non solo.

Diventare pasticcere

Il percorso per diventare pasticcere è molto lungo e difficile e inizialmente non implica solo tanto studio e grande tecnica ma soprattutto molta pratica: non basta studiare sui libri e seguire uno dei tanti corsi di specializzazione esistenti, ma è necessario un lungo periodo di prova e affiancamento per imparare e sviluppare al meglio tutti i trucchi del mestiere.

Per tentare di compiere un percorso davvero proficuo che conduca al successo finale è necessario fare tanta gavetta e imparare le tecniche utili, oltre restare sempre aggiornati sulle ultime novità e sulle mode del momento. A questi periodi di prova è possibile affiancare anche dei corsi più o meno costosi e di valore che supportino la propria preparazione anche con un approccio teorico.

Lo stipendio del pasticcere nel primo periodo di lavoro è davvero molto basso e a volte chi è alle prime armi è costretto anche a svolgere la professione gratuitamente; ma è necessario ricordare che la gavetta è l’unico modo per diventare dei veri professionisti.

Guadagno in Italia

La prima cosa da fare una volta terminato il primo periodo di prova in cui si sono affinati gli strumenti del mestiere è aprire una propria attività e scegliere fin da subito se farlo in Italia o all’estero; chi opta per questa seconda possibilità deve sapere che fuori dal nostro Paese i pasticceri italiani sono molto ricercati e ben pagati.

In Italia un pasticcere non ancora specializzato arriva a guadagnare una cifra che ammonta a circa 12 mila euro annui; lo stipendio ovviamente si alza con l’aumentare dell’esperienza e con il diffondersi del proprio nome che comporta inevitabilmente un’espansione a livello di clientela.

Se invece parliamo di un pasticcere professionista è bene sapere che in Italia questi guadagna cifre molto alte che arrivano anche a 23 euro l’ora per un totale di circa 45 mila euro l’anno; in alcuni casi lo stipendio può raggiungere anche i 63 mila euro.

Guadagno all’estero

Se si decide di trasferirsi all’estero per svolgere questa professione la vita che un pasticcere italiano può permettersi di condurre è decisamente di un altro livello: questi infatti arriva a guadagnare quasi il doppio di quanto guadagnerebbe in Italia.

Per i pasticceri apprendisti in realtà la differenza non è moltissima tra l’Italia e l’estero dove si percepiscono stipendi di circa 1.600 euro al mese; quando si diventa professionisti però le vette di guadagno fuori dalla penisola raggiungono somme elevatissime che si aggirano attorno ai 3000 euro.

Bisogna tener conto però del fatto che fuori dall’Italia sono sempre meno richiesti pasticceri generici e che qui è invece consigliabile se non indispensabile possedere una specializzazione in qualche preciso campo della pasticceria; ma è anche vero che la domanda dei professionisti e degli esperti in settori come il Vegan o il Gluten Free è molto più alta che in Italia.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su Stipendio

Argomenti:

Professioni Stipendio

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.