Quanto guadagna Roberto Formigoni: reddito e vitalizio dell’ex presidente della Lombardia

Alessandro Cipolla

19/05/2021

19/05/2021 - 16:25

condividi

Roberto Formigoni è di nuovo al centro delle polemiche dopo che gli è stato restituito il vitalizio dall’organo di Appello del Senato: ecco quanto guadagna l’ex presidente della Lombardia.

Quanto guadagna Roberto Formigoni: reddito e vitalizio dell'ex presidente della Lombardia

Roberto Formigoni ha riavuto il suo vitalizio. Il Consiglio di Garanzia del Senato infatti ha confermato quella che era stata, lo scorso 13 aprile, la sentenza della commissione Contenziosa.

L’assegno gli era stato tolto in virtù della delibera voluta nel 2015 dell’allora Presidente del Senato Pietro Grasso, che prevede una revoca dell’assegno agli ex senatori che sono stati condannati in via definitiva a pene superiori ai due anni.

Nel 2019 infatti Formigoni è stato anche in carcere per cinque mesi, per passare poi ai domiciliari, a seguito di una condanna in via definitiva a 5 anni e 10 mesi di reclusione per corruzione in merito a una inchiesta sulla sanità lombarda.

Classe 1947, laureato in filosofia e da sempre vicino a Comunione e Liberazione, Roberto Formigoni ha fatto politica fin da giovanissimo muovendo i suoi primi passi nella Democrazia Cristiana.

Nel 1984 viene eletto europarlamentare, per poi passare nel 1987 alla Camera dove rimane fino al 1995 quando diventa presidente della Regione Lombardia, incarico che mantiene per quattro mandati fino al 2013.

Dopo essere passato tra le fila di Forza Italia, nella scorsa legislatura diventa senatore con il Popolo della Libertà, aderendo poi al Nuovo Centrodestra quando Angelino Alfano fonda il nuovo partito sostenendo il governo Renzi.

Quanto guadagna Roberto Formigoni

Lo scorso aprile quando è riesplosa la questione del vitalizio, il Fatto Quotidiano ha affermato che in questo modo Roberto Formigoni percepirà adesso un assegno pari a 7.000 euro al mese.

Una cifra subito contestata dall’ex presidente della Lombardia: “Non è ancora definita, ma dai miei calcoli sono 2.400 euro al mese, ma non si tratta di un vitalizio, bensì di una pensione che ho maturato sulla base dei contributi versati con due mandati al Parlamento Europeo, 3 alla Camera e 3 al Senato”.

Nel novembre 2019 il Senato gli aveva accordato un assegno da 700 euro “necessari per vivere” come riporta Il Giorno, con il quotidiano che poi ha aggiunto come “l’ultima tegola è arrivata dalla Corte dei Conti, con Formigoni che dovrà versare circa 47,5 milioni di euro per il danno erariale provocato alla Regione Lombardia per il caso Maugeri”.

Nella requisitoria finale del processo di primo grado, i pubblici ministeri hanno definito Formigoni "capo di un gruppo criminale responsabile di corruzione sistemica durata 10 anni in cui sono stati sperperati 70 milioni di denaro pubblico”.

Durante il processo che lo ha visto poi condannato in via definitiva, i benefit di lusso a lui attribuiti sono stati quantificati in circa 8 milioni di euro, ricevuti in cambio di rimborsi indebiti. Nell’agosto 2018 la Corte dei Conti di Milano ha convalidato un sequestro fissato in 5 milioni di euro sotto forma di vitalizi, immobili, pensione e conti correnti di Formigoni

Nella dichiarazione dei redditi 2018, relativa al 2017 come periodo di imposta ovvero quando era ancora senatore, Roberto Formigoni ha dichiarato un reddito complessivo pari a 153.373 euro.

Una cifra di poco inferiore ai 168.927 euro dichiarati nel 2013, che si riferiscono al 2012 quando ancora era il Presidente della Regione Lombardia. Nella dichiarazione del 2015 il reddito complessivo è stato invece di 146.044 euro.

Dichiarazione redditi Formigoni 2017
La dichiarazione dei redditi 2017 di Roberto Formigoni

Iscriviti a Money.it