Quanto deve guadagnare un bagnino: le cifre per uno stipendio adeguato

Simone Micocci

27/05/2021

26/08/2021 - 15:08

condividi

Stipendio bagnino di salvataggio: quando è giusto e adeguato alle responsabilità? Ecco cosa prevede il CCNL del Settore Turismo per i vari livelli retributivi.

Quanto deve guadagnare un bagnino: le cifre per uno stipendio adeguato

Quanto deve guadagnare un bagnino? Con l’avvicinarsi della stagione estiva molti si fanno questa domanda, specialmente quei bagnini - di salvataggio, quindi in possesso del brevetto - che in cerca di lavoro si trovano ad ascoltare le proposte d’impiego dei vari hotel, villaggi turistici con piscine e stabilimenti balneari.

Spesso gli stipendi offerti non sono elevati e c’è chi teme di essere sottopagato: per questo motivo è importante sapere quanto guadagna - o almeno dovrebbe guadagnare - un bagnino di salvataggio per poter parlare di paga equiparata alle responsabilità della professione.

Per capire quanto deve guadagnare un bagnino di salvataggio bisogna guardare al CCNL del Settore del Turismo. È qui che si parla di stipendio per chi si occupa dell’assistenza ai bagnanti ed è questo quindi che il datore di lavoro deve attenersi per offrire una retribuzione adeguata al ruolo.

Quanto dovrebbe guadagnare un bagnino: quando lo stipendio è adeguato

Dai 600 ai 1.500 euro al mese: leggendo le domande che si fanno i bagnini curiosi di sapere se lo stipendio offerto è giusto o meno, sembrano essere queste le retribuzioni solitamente proposte dai datori di lavoro. C’è poi chi offre il vitto e l’alloggio e chi invece no.

Ma quando effettivamente uno stipendio si può considerare “giusto”? Il datore di lavoro deve attenersi a quando indicato dal contratto nazionale di categoria, che per il ruolo dei bagnini è quello del Settore del Turismo. Qui sono previsti diversi livelli di bagnino e per ognuno di questi è indicata una giusta retribuzione:

  • livello terzo: capo assistente ai bagnanti;
  • livello quarto: istruttore di nuoto con brevetto;
  • livello quinto: assistente ai bagnanti;
  • livello sesto: inserviente di stabilimento o cabina o capanna, o agli spogliatoi (comunemente chiamato bagnino, ma in realtà è più un assistente alla clientela).

Per quanto riguarda l’orario di lavoro, il CCNL suddetto stabilisce che per il personale non impiegatizio questo è di 44 ore settimanali, distribuite su 6 giornate.

Ma quanto deve essere lo stipendio? Per quel che riguarda gli stabilimenti balneari, la tabella del CCNL Settore del Turismo prevede i seguenti livelli retributivi:

  • terzo livello: 1.637,28€;
  • quarto livello: 1.542,69€;
  • quinto livello: 1.444,22€;
  • sesto livello: 1.366,84€.

Per quanto riguarda campeggi e villaggi, come pure per gli alberghi, invece, le retribuzioni sono pari a:

  • terzo livello: 1.643,37€
  • quarto livello: 1.550,69€
  • quinto livello: 1.454,28€
  • sesto livello: 1.378,55€

Queste sono le cifre lorde, alle quali bisogna quindi applicare la tassazione prevista per il lavoro dipendente. Questo fa sì che per uno stipendio netto come bagnino si vada dai 1.000,00€ ai 1.500,00€, considerando comunque anche le voci accessorie.

Alla retribuzione tabellare, infatti, si aggiungono altre voci, come gli straordinari - che da contratto deve essere compensato con la retribuzione ragguagliata ad ore maggiorata del 30% per i servizi diurni, 60% per i notturni - la tredicesima, il TFR e altro. Da CCNL, invece, non è previsto alcun obbligo per il datore di lavoro di offrire vitto e alloggio anche se ovviamente, vista la tipologia di lavoro che spesso porta a spostarsi in località turistiche pur di lavorare, questo è preferibile specialmente quando si tratta di alberghi e villaggi turistici.

Iscriviti a Money.it