Quanto costa andare a vivere da soli?

Giorgia Bonamoneta

6 Settembre 2021 - 23:08

condividi

Un salto nel vuoto, una prima esperienza, una necessità e molte altre sono le motivazioni dietro questa decisione. Ma quanto costa andare a vivere da soli e destreggiarsi tra affitto e spesa?

Quanto costa andare a vivere da soli?

Oggi è sempre più difficile prendere la decisione di andare a vivere fuori dalla casa dei propri genitori o tutori, soprattutto se da soli e con le proprie forze e capacità economiche. È vero che il problema è prima di tutto economico, l’assenza di lavoro o uno stipendio non adeguato al costo della vita, ma bisogna mettere in conto anche la paura di fare un passo importante.

Prima di lasciare la casa nella quale si è cresciuti o il tetto che si condivide con parenti e/o tutori si devono pensare a molte possibili spese da dover sostenere da soli. Non solo l’affitto di una casa più o meno grande, più o meno vicina al centro della città, ci sono spese mensili da tenere in considerazione: bollette varie e spesa per esempio.

Cercare casa è un lavoro impegnativo e stressante che porta via molto tempo, soprattutto per la prima casa (se in affitto) o per la casa dei propri sogni (se da acquistare). Ma quindi quanto costa andare a vivere da soli?

Quali spese bisogna sostenere per la prima casa?

Trovato il coraggio, la forza, la volontà o, non meno importante, le finanze per poter intraprendere la vita fuori dalle mura natie il passo successivo è rispondere a una serie di altre domande. Facciamo una lista di quelle più importanti:

  • 1. Quanto si spende per un affitto e come risparmiare?
  • 2. Quanto versare come caparra?
  • 3. Quanto si spende per le bollette?
  • 4. Quanto costa arredare casa?
  • 5. Quando costa fare la spesa per 1 o 2 persone?

Affrontiamo la questione dell’andare a vivere da soli in affitto, lasciando da parte l’acquisto di una casa. Vediamo punto per punto in che modo affrontare le prime spese di casa.

Quanto si spende per un affitto e come risparmiare?

Cercare una casa in affitto vuol dire mettere a confronto tutti i dettagli di cui si ha bisogno o desiderio, per esempio la vicinanza al lavoro, ai mezzi di trasporto, oppure la grandezza, il numero dei bagni e così via. Facciamo una lista dei principali motivi per i quali si sceglie una casa:

  • numero di stanze
  • metri quadrati
  • posizione delle stanze in relazione al sole (per poter risparmiare in energia elettrica)
  • tipologia di riscaldamento
  • appartamento arredato o meno
  • raggiunto da linea telefonica e internet ad alta velocità
  • vicino al centro, al lavoro o ai mezzi di trasporto pubblici
  • presenza di posto auto, garage o magazzino

Tutti questi punti possono decretare l’aumento del costo di affitto, ovviamente più servizi ha un’abitazione maggiore sarà il suo valore economico. Ma allora come spendere meno? Si deve sempre verificare che tutto sia a norma, adeguato e funzionante, soprattutto il sistema di riscaldamento, quello elettrico, la pavimentazione e la presenza o meno di muffa. Questi sono i punti su i quali provare a spingere per una diminuzione del prezzo.

Ma se non dovesse funzionare subito, una volta all’interno, contratto firmato alla mano, si può richiedere una revisione dell’abitazione e del giusto prezzo da pagare. Non è una procedura semplice e si può finire in contrasto con il proprietario della casa, ma rimane un diritto dell’affittuario pagare il giusto prezzo per la casa.

Quanto versare come caparra?

La prima grande spesa, molto più grande dell’affitto, è la somma della “caparra”, ovvero del deposito cauzionale. Questo si calcola in base al prezzo dell’affitto. Si sommano due o tre mensilità (la caparra non può mai superare le tre mensilità) per lasciare una cauzione a garanzia dell’esatto adempimento delle sue future prestazioni.

Facciamo un esempio: l’affitto per un appartamento è di 500 euro al mese e viene chiesto un deposito cauzionale di due mesi più l’ingresso, quindi di fatto sono tre mensilità, per un totale di 1.500 euro.

Quanto si spende per le bollette?

Contratto di casa fatto, ma tutto il resto è ancora da decidere. Per tutto il resto si intendono i servizi come gas, luce, linea telefonica, acqua etc. Per ottenere un buon contratto bisogna prima di tutto guardarsi intorno. La spesa minima per due persone si può calcolare così:

  • Luce circa 40-60 euro ogni due mesi
  • Gas (in estate) 15-20 euro ogni due mesi e (in inverno) 40-80 euro
  • Linea telefonica, prezzo fisso ogni due mesi, in media circa 45-55 euro

Quanto costa arredare casa?

Se la casa in affitto non è già arredata - una scelta più economica, ma se qualcosa si rompe bisogna ricomprare l’oggetto o il mobile - una spesa abbastanza alta è quella del mobilio.

Ci sono molte alternative ai mobilifici, primo fra tutti le note aziende di mobili a basso costo come Mondo Convenienza o Ikea. Per altri metodi alternativi, e anche più economici, ci sono i mobili di seconda mano, tramite Marketplace di Facebook o siti appositi, oppure nei negozi e mercatini dell’usato.

I prezzi possono variare anche di molto, per esempio una casa completa da Ikea può costare fino a 5.000 euro, mentre al mercatino dell’usato si può spendere molto meno della metà.

Quando costa fare la spesa per 1 o 2 persone?

Domanda dalle risposte molteplici. Dipende molto dalla dieta che si segue, ma facendo una media per una spesa per due persone che mangiano tutto, dalla carne alla verdura, si può spendere fino a 300 euro al mese. Costo che si può abbattere decidendo di fare a casa molto del cibo che si compra confezionato, come un dolce, la pizza, il pane e, perché no? qualche serata speciale con specialità asiatiche tutto rigorosamente fatto in casa.

In generale quindi andare a vivere da soli è una sfida economica, soprattutto per i primi tempi. Pian piano però diventa sempre più semplice organizzare frigorifero, diminuire gli sprechi e capire come gestire la corrente durante il giorno (penso alle lavatrici di sera per spendere meno). Prima o poi bisogna prendere il coraggio, la forza e le finanze per provare a fare questo salto nel vuoto nella propria nuova abitazione.

Argomenti

# Casa

Iscriviti a Money.it