Il petrolio avanza ancora: l’offerta preoccupa, non solo per la guerra

Violetta Silvestri

21 Aprile 2022 - 08:36

condividi

Il prezzo del petrolio continua a correre oltre i 100 dollari al barile, spinto da diversi fattori che coinvolgono Russia, Libia, Cina, Ue. La carenza di offerta resta il centro delle preoccupazioni.

Il petrolio avanza ancora: l'offerta preoccupa, non solo per la guerra

I prezzi del petrolio si consolidano in rialzo pur in scambi instabili, spinti dalle preoccupazioni sull’offerta dovuta a un potenziale divieto dell’Unione Europea sul greggio russo, pochi giorni dopo che la diminuzione delle forniture dalla Libia ha scosso il mercato.

Una serie di sfide sul lato dell’offerta globale petrolifera ha eclissato la preoccupazione per la persistente minaccia alla domanda di energia dai blocchi in Cina.

Secondo gli analisti, il greggio è destinato alla volatilità nel breve periodo, stressato da diversi fattori di incertezza.

Alle ore 8.18 i futures sul Brent scambiano a 108 dollari al barile con un aumento dell’1,53% e i contratti statunitensi WTI viaggiano sui 103 dollari al barile con un rialzo dell’1,43%.

Petrolio in rialzo: tutti i fattori da monitorare

Il petrolio sempre in focus in questo contesto geopolitico internazionale assai turbolento.

Mentre la guerra in Ucraina avanza, i membri dell’Unione Europea si stanno muovendo per ridurre la dipendenza dal greggio russo, con il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock che afferma che il Paese intende fermare le importazioni entro la fine dell’anno.

Allo stesso tempo, la produzione russa è diminuita e le proteste in Libia hanno danneggiato l’offerta.

La nazione del Nord Africa, membro dell’OPEC, mercoledì ha affermato che stava perdendo più di 550.000 barili al giorno di produzione di petrolio a causa dei blocchi nei principali giacimenti e terminali di esportazione.

Nel frattempo, il terminal del Mar Nero del Caspian Pipeline Consortium potrebbe tornare alla piena capacità questa settimana, ha dichiarato mercoledì il ministro dell’Energia kazako Bolat Akchulakov.

Le incertezze sul lato dell’offerta si aggiungono al fattore Cina. Le prospettive della domanda cinese continuano a pesare sul mercato, poiché il più grande importatore di petrolio del mondo è in piena lotta contro il Covid con blocchi che hanno colpito l’attività manifatturiera e le catene di approvvigionamento globali.

Il Fondo monetario internazionale ha evidenziato i rischi in Cina quando martedì ha tagliato le sue previsioni di crescita economica globale di quasi un intero punto percentuale.

Tuttavia, il mercato petrolifero rimane teso con l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e gli alleati guidati dalla Russia, chiamati insieme OPEC+, che lottano per raggiungere i loro obiettivi di produzione e con le scorte di greggio statunitensi in forte calo nella settimana terminata il 15 aprile.

Cosa prevedono gli analisti sulla corsa del greggio

Il petrolio è aumentato di oltre un terzo quest’anno, raggiungendo il livello più alto dal 2008 dopo che l’invasione russa dell’Ucraina ha provocato onde d’urto nel mercato energetico globale.

Il conflitto ha aumentato l’inflazione e stimolato un reindirizzamento dei flussi di greggio. Gli Stati Uniti e il Regno Unito si sono mossi per vietare il petrolio russo e c’è una crescente pressione sull’Ue affinché segua l’esempio.

Gao Jian, analista di Zhaojin Futures Co. ha commentato il momento:

“Le preoccupazioni sulla macroeconomia stanno davvero crescendo e i trader non sembrano credere al piano della Germania di vietare il petrolio russo. Inoltre, un rilascio coordinato di SPR [riserve] inizierà a fluire sul mercato a maggio.”

Le previsioni sul prezzo del petrolio sono orientate alla volatilità come suggerito da Vandana Hari, fondatrice del fornitore di analisi del mercato petrolifero Vanda Insights:

“Le discussioni dell’Ue per vietare o eliminare gradualmente gli acquisti di petrolio russo, la più grande influenza sui prezzi del greggio negli ultimi giorni, sono in fase di ritiro ma non sono ancora state risolte, il che potrebbe limitare i prezzi del greggio a un intervallo relativamente ristretto su base di regolamento giornaliero”

L’esperta ha sottolineato che la ripresa delle consegne di greggio del Caspio sarà in qualche modo compensata dalle continue interruzioni in Libia e dalla probabilità che più greggio russo venga bloccato fuori dal mercato a causa di un divieto dell’Ue. I problemi di offerta, quindi, persisteranno con evidente pressione sui prezzi del petrolio.

Argomenti

# Brent
# WTI

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.