Prezzo del greggio sotto i 35 dollari entro giugno, parla la FGE

Il presidente della FGE Fesharaki prevede un crollo del prezzo del greggio a 35 dollari al barile entro giugno. L’OPEC è disposta a tagliare la produzione se tutti al mondo faranno altrettanto, mentre si avvicina l’accordo sul nucleare tra Stati Uniti e Iran.

Secondo il presidente della FGE, il prezzo del greggio potrebbe scendere a 35 dollari al barile entro giugno.

Il costo del greggio a livello mondiale potrebbe arrivare tra i 35 e i 40 dollari al barile entro la fine del secondo trimestre del 2015 - giugno - secondo uno dei maggiori esperti di petrolio al mondo.

I prezzi potrebbero scendere anche al di sotto dei 35 dollari al barile per un breve periodo, come avverte Fereidun Fesharaki, presidente della FACTS Global Energy (FGE).

La previsione potrebbe peggiorare se gli Stati Uniti e l’Iran raggiungeranno un accordo sul nucleare. Ex consigliere nel settore energetico in Iran, Fesharaki ritiene che vi sia un 80% di possibilità che l’accordo venga preso prima della scadenza del 31 marzo, il che potrebbe causare ancora una riduzione di 5 dollari al barile.

Ti interesserà anche: La nuova minaccia al calo del prezzo del petrolio

Calo del prezzo del petrolio - OPEC
Gli esperti attribuiscono la responsabilità del crollo del prezzo del petrolio al rifuito dell’OPEC di tagliare la produzione, con una particolare avversione dell’Arabia Saudita, il primo produttore mondiale.

Fesharaki non si aspetta che la situazione possa cambiare nel breve termine, nonostante tutte le conseguenze negative del livello dei prezzi attuale del petrolio per i membri dell’Organizzazione più deboli, come il il Venezuela.

Ha poi sottolineato che il costo totale di produzione del greggio in Arabia Saudita è di circa 3-5 dollari al barile, a fronte di un costo minimo di 40 dollari per i produttori di shale oil.

Calo del prezzo del petrolio: niente floor
Parlando alla CNBC durante la 18esima edizione della Conferenza sugli Investimenti in Asia (AIC) della Credit Suisse il 23 marzo, Fesharaki ha detto:

«In realtà, non c’è un floor sul prezzo del petrolio. L’unico floor sul petrolio è il costo di estrazione dello shale oil, che è di circa 20-25 dollari, quindi il prezzo può scendere fino a quel livello ma non può rimanere lì.»

E aggiunge:

«Come parte dell’accordo, gli iraniani potrebbero aumentare produzione di petrolio al livello pre-sanzioni, che è superiore di 1,2 milioni di barili al giorno. Entro 3-6 mesi, l’Iran sarà in grado di aumentare la produzione, un’altra cattiva notizia per la quale il mercato è già nervoso.»

Il ruolo dell’Arabia Saudita
Fesharaki aggiunto:

«[I sauditi] sono disposti a tagliare la produzione, ma solo se tutti gli altri paesi faranno altrettanto, compresi i produttori di shale oil e i russi.»

E conclude:

«L’unico vero costo che si ha è il costo di potenziamento o di recupero per mantenere i flussi di produzione in corso. In luoghi come l’Arabia Saudita, non c’è bisogno di fare molto per mantenere i flussi in corso, tutto scorre naturalmente.»

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.