Ponte Morandi “andava chiuso al traffico”

Marco Ciotola

23 Aprile 2021 - 17:30

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Dall’inchiesta dei pubblici ministeri emerge un’indicazione di “stato generale di degrado” del ponte al febbraio 2018

Ponte Morandi “andava chiuso al traffico”

Ponte Morandi andava “chiuso al traffico” . Indicazioni che emergono dalle conclusioni dei pubblici ministeri nell’inchiesta relativa al tragico crollo che portò 2 anni fa alla morte di 48 persone.

A evidenziarlo per prima l’ANSA, che fa riferimento alle comunicazioni informali del consulente e professore di costruzioni in cemento armato all’Università di Genova Antonio Brencich.

Quest’ultimo aveva infatti usato parole inequivocabili nel lontano febbraio del 2018 per descrivere lo stato del ponte a livello strutturale.

A fare particolare impressione ad oggi sono soprattutto quei riferimenti di Brencich ad uno “stato di degrado” che - sottolineano i pubblici ministeri - era incompatibile con uno scorrimento quotidiano del traffico e sarebbe dovuto essere immediatamente comunicato.

Ponte Morandi “andava chiuso al traffico”

A febbraio del 2018 Brencich si era occupato di una valutazione circa i rinforzi strutturali del ponte.

Proprio qui, i pm mettono in evidenza le inequivocabili - seppure informali -osservazioni del consulente, che parla apertamente di stato di degrado:

“Uno stato generale di degrado del calcestruzzo e delle armature dell’impalcato, un pessimo stato di conservazione e una incredibile pessima prestazione del manufatto.”

Tutte evidenze che avrebbero dovuto spingere a una “immediata interdizione del transito veicolare” secondo i pubblici ministeri, che parlano inoltre di mancanze attribuibili anche ai dirigenti del ministero delle Infrastrutture:

“Non procedevano ad ispezioni e controlli diretti ma neppure richiedevano alla società concessionaria informazioni e documentazioni concernenti i lavori eseguiti e le condizioni dell’opera”.

Uno stato complessivo di omissioni e carenze che ha portato - si legge nelle conclusioni dell’inchiesta - a “sistematiche violazioni delle norme” e da qui alle mancate segnalazioni dei problemi.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories