Pin Inps semplificato: come si richiede per bonus 600 euro e baby sitter

Pin Inps semplificato: arrivano le istruzioni per la richiesta delle credenziali necessarie per fare domanda di bonus 600 euro e baby sitter. Le novità nel messaggio n. 1381 del 26 marzo 2020.

Pin Inps semplificato: come si richiede per bonus 600 euro e baby sitter

Pin Inps semplificato per le domande del bonus di 600 euro e per il bonus baby sitter: arrivano le istruzioni per richiedere le credenziali necessarie per accedere ai servizi online.

Con il messaggio n. 1381 del 26 marzo 2020 l’Inps fornisce le regole da seguire per richiedere il Pin. Come anticipato dal Presidente Tridico, si snellisce la procedura per poter ottenere le credenziali necessarie per accedere ai bonus introdotti dal Decreto Cura Italia.

Basterà la prima parte del Pin Inps ricevuto tramite sms o email per poter fare domanda.

L’accesso ai servizi online Inps predisposti per le domande relative al bonus di 600 euro, al bonus baby sitter e alle altre misure di sostegno a famiglie, lavoratori ed imprese introdotte per l’emergenza coronavirus potrà avvenire con:

  • Pin dispositivo rilasciato dall’Inps (per alcune attività semplici di consultazione o gestione è sufficiente un Pin ordinario);
  • SPID di livello 2 o superiore;
  • Carta di Identità Elettronica 3.0 (CIE);
  • Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

Chi non ne fosse in possesso potrà richiedere il Pin Inps con la nuova procedura semplificata. Vediamo come fare e quali sono le novità contenute nel messaggio appena diramato.

Pin Inps semplificato: come si richiede per bonus 600 euro e baby sitter

Per garantire a tutti i cittadini il diritto di accesso alle prestazioni economiche e agli altri servizi individuali con modalità interamente telematiche, l’Istituto ha messo in atto un duplice intervento rivolto a:

  • semplificare la modalità di compilazione e invio on line per alcune delle domande di prestazione per l’emergenza Coronavirus (ex D.L. n. 18/2020);
  • apprestare una nuova procedura di rilascio diretto del Pin dispositivo tramite riconoscimento a distanza.

Per quel che riguarda il Pin Inps semplificato, il messaggio n. 1381 del 26 marzo 2020 annuncia che le domande dei bonus introdotti dal Decreto Cura Italia potranno essere inviate online inserendo la prima parte del Pin inviata tramite sms o email.

Non cambia quindi la modalità di richiesta del Pin Inps, ma viene eliminato l’obbligo di attendere il recapito tramite posta dell’ulteriore parte delle credenziali per accedere ai servizi online.

La richiesta del Pin Inps semplificato può essere effettuata attraverso i seguenti canali:

  • sito internet www.inps.it, utilizzando il servizio “Richiesta PIN”;
  • Contact Center, chiamando il numero verde 803 164 (gratuito da rete fissa), oppure 06 164164 (a pagamento da rete mobile).
Inps - messaggio numero 1381 del 26 marzo 2020
Interventi di semplificazione per l’accesso ai servizi web e per l’attribuzione dei PIN

Domande bonus lavoratori, famiglie e partite IVA: basta la prima parte del Pin Inps

Una volta ricevute (via SMS o e-mail) le prime otto cifre del PIN, il cittadino le può immediatamente utilizzare in fase di autenticazione per la compilazione e l’invio di alcune specifiche domande.

Qualora il cittadino non riceva, entro 12 ore dalla richiesta, la prima parte del PIN, è invitato a chiamare il Contact Center per la validazione della richiesta.

Il messaggio del 26 marzo 2020 fornisce inoltre l’elenco delle domande di prestazioni agevolate per emergenza Coronavirus che si potranno inviare con il Pin Inps semplificato:

  • indennità professionisti e lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa;
  • indennità lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell’AGO;
  • indennità lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali;
  • indennità lavoratori del settore agricolo;
  • indennità lavoratori dello spettacolo;
  • bonus per i servizi di baby-sitting.

Si tratta nel dettaglio dei 5 bonus di 600 euro introdotti per i titolari di partita IVA, i lavoratori autonomi ed alcune categorie di lavoratori dipendenti ed il bonus baby sitter.

Pin Inps semplificato anche per la domanda di bonus baby sitter. Seconda parte del Pin per utilizzare il Libretto Famiglia

Per quel che riguarda il bonus baby sitter 2020, viene specificato che il Pin Inps semplificato potrà essere utilizzato soltanto per fare domanda e prenotare i voucher di 600 euro.

Il cittadino dovrà in ogni caso attendere il recapito tramite posta della seconda parte del Pin Inps per potersi registrare sulla piattaforma del Libretto di Famiglia e per appropriarsi dei voucher baby sitter.

Pin Inps: in arrivo la procedura di rilascio con riconoscimento a distanza

Guardare agli aspetti positivi della situazione d’emergenza causata dal coronavirus. L’attuale momento drammatico dal punto di vista sociale, sanitario ed economico, ha portato all’attenzione delle Istituzioni la necessità di semplificare il sistema.

Una necessità di cui si è resa conto anche l’Inps che, con il messaggio odierno, comunica l’arrivo di una nuova modalità di rilascio del Pin Inps dispositivo.

L’Istituto è prossimo al rilascio di una nuova procedura di emissione del Pin con il riconoscimento a distanza, gestita dal Contact Center, che consentirà ai cittadini di ottenere, in un unico processo da remoto, un nuovo Pin con funzioni dispositive senza attendere gli ulteriori 8 caratteri che ordinariamente venivano spediti tramite il servizio postale.

Il Pin Inps sarà quindi semplificato per tutti, e per l’accesso alla generalità dei servizi online. Una notizia positiva, ma viene da chiedersi: serviva il coronavirus per dare una spinta alla digitalizzazione del Paese?

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Decreto Cura Italia

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.