Permesso di soggiorno: richiesta e rinnovo durante l’emergenza coronavirus

Il decreto ministeriale contro la COVID-19 ha chiuso temporaneamente gli Uffici Immigrazione ed è sospesa la consegna dei permessi di soggiorno. Ecco le informazioni utili e la risposta alle domande più frequenti.

Permesso di soggiorno: richiesta e rinnovo durante l'emergenza coronavirus

Gli Uffici immigrazione di tutta Italia sono chiusi fino al 3 aprile 2020, salvo nuove disposizioni, per evitare il contagio del coronavirus. Quindi le domande di rinnovo del permesso di soggiorno o di primo rilascio sono sospese.Tutti gli appuntamenti saranno spostati a data da destinarsi dopo il 3 aprile, e ogni persona riceverà un SMS in cui è indicato il giorno e l’ora in cui deve presentarsi fisicamente presso l’Ufficio.

Questa situazione eccezionale ha fatto nascere molti dubbi riguardo il primo rilascio e il rinnovo del permesso di soggiorno, del titolo di rifugiato, l’iscrizione all’anagrafe e il funzionamento degli ordini di espulsione. In questo articolo cercheremo di rispondere in modo chiaro alle domande più comuni.

Permesso di soggiorno: cosa cambia con il coronavirus

Per chi è in attesa del primo permesso di soggiorno o ne attende il rinnovo ci sono importanti novità: sia le operazioni di primo rilascio che di rinnovo sono sospese e prorogate ad aprile 2020. Gli Uffici di immigrazione sono temporaneamente chiusi, quindi per chiedere informazioni a riguardo dovrai aspettare il 3 aprile 2020.

Permesso di soggiorno scaduto o che sta per scadere, che fare?

Se hai già il permesso di soggiorno ma è scaduto in questi giorni oppure sta per scadere, purtroppo non puoi procedere al rinnovo ma devi aspettare l’apertura degli uffici, ovvero il 3 aprile 2020. Questo vale per i permessi che scadono in una data compresa tra il 30 gennaio e il 15 aprile 2020.

Titolo di rifugiato scaduto o in scadenza, cosa fare?

Anche in questo caso non puoi fare nulla se non aspettare. Il Governo ha stabilito il prolungamento della validità del titolo di rifugiato e dei documenti di identità fino al 31 agosto 2020. A partire da questa data sarà possibile procedere al rinnovo.

Posso fare richiesta di protezione internazionale?

Se hai i requisiti per la protezione internazionale (il timore fondato di essere perseguitato per motivi di razza, religione, nazionalità, appartenenza ad un determinato gruppo sociale o opinione politica) questo procedimento non è sospeso. Quindi puoi rivolgerti in qualsiasi Questura presente sul territorio nazionale, oppure, in caso di rifiuto da parte della Polizia, avviare la procedura in Tribunale con l’aiuto di un avvocato.

Posso chiedere l’iscrizione all’anagrafe?

Sì, la domande di iscrizione anagrafica non è stata sospesa. Puoi farla inviando una mail all’ufficio competente oppure, in caso di rifiuto, procedere in Tribunale con l’ausilio dell’avvocato.
<leggianche|articolo=67873

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Coronavirus

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.