Pensioni news: Boeri boccia sconti per le donne, quali alternative?

icon calendar icon person
Pensioni news: Boeri boccia sconti per le donne, quali alternative?

Pensioni news: la discussione si accende attorno alla discussione sulla pensione anticipata delle donne, con Boeri che boccia la proposta del Governo. Quali alternative?

Per quanto riguarda le pensioni le ultime news riguardano ancora una volta la pensione anticipata delle donne.

Tornano a incontrarsi oggi pomeriggio sindacati e Governo, per discutere della fase due della riforma delle pensioni e, in particolare, degli interventi da mettere in campo per tutelare le lavoratrici donne, rimaste «orfane» di Opzione donna, unica misura di pensione anticipata ad esse dedicata.

La discussione si è accesa negli ultimi giorni, con i sindacati che considerano insufficienti le soluzioni avanzate dal Governo, e il presidente dell’Inps Tito Boeri che ha esternato la sua contrarietà all’introduzione di bonus contributivi a favore delle donne.

Ecco le ultime news sulle pensioni.

Pensioni news: Tito Boeri contrario agli sconti contributivi per donne

La proposta avanzata dal Governo durante l’ultimo incontro con i sindacati, prevede di riconoscere alle lavoratrici donne che desiderano accedere all’Ape sociale uno sconto contributivo di sei mesi per ciascun figlio, per un massimo due anni.

L’ipotesi d’intervento ha fatto discutere, con i sindacati che fin da subito hanno esternato la loro delusione di fronte a una proposta che rischia di escludere molte donne dalla pensione anticipata.

Anche il presidente dell’Inps Tito Boeri è intervenuto sull’argomento, dichiarando la sua contrarietà al riconoscimento di bonus contributivi a favore delle lavoratrici madri; un intervento del genere, secondo il numero uno dell’istituto di previdenza sociale, rischierebbe di incentivare i licenziamenti delle donne che si trovano in procinto di andare in pensione, che sarebbero costrette in questo modo ad accettare assegni bassi.

Secondo Boeri, infatti, la proposta del Governo sarebbe una scorciatoia per non affrontare il vero problema, quello del basso potere contrattuale delle donne.

Inoltre il riconoscimento di sconti contributivi alle lavoratrici madri, secondo Boeri, non farebbe altro che aumentare la discriminazione tra chi ha figli e chi no.

Pensioni news: Davide Baruffi risponde a Tito Boeri

A rispondere alle critiche mosse dal presidente dell’Inps è stato il deputato del Pd Davide Baruffi che, sul suo profilo Facebook, ha così commentato:

«Il presidente dell’Inps «boccia» la proposta del Governo di uno sconto contributivo per le donne con figli, ai fini del raggiungimento dell’età pensionistica. Io credo al contrario che la storia contributiva dovrebbe tener conto non solo dei figli, ma di tutto il lavoro di cura che grava sulla storia lavorativa delle persone. Generalmente delle donne. Perché non c’è niente di più ingiusto che fare parti uguali tra diseguali.»

Baruffi ha inoltre sottolineato come spostare l’attenzione sullo scarso potere contrattuale delle donne, non risolve i problemi delle stesse.

Quali potrebbero essere dunque le alternative del Governo agli sconti contributivi per le lavoratrici madri? Non resta che attendere l’incontro di oggi pomeriggio.

Chiudi [X]