Pensione di reversibilità: al coniuge serve una determinata età per averne diritto?

La pensione di reversibilità è un trattamento previdenziale che l’INPS eroga ai familiari superstiti del pensionato venuto a mancare.

Pensione di reversibilità: al coniuge serve una determinata età per averne diritto?

La pensione di reversibilità è una prestazione previdenziale erogata dall’INPS, dietro presentazione di specifica domanda del titolare del diritto, ai familiari superstiti del pensionato. Il primo avente diritto alla prestazione solitamente è il coniuge. Ci sono limiti di età per presentare domanda?

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno.
desideravo chiedervi se la pensione di reversibilità (o pensione ai superstiti) spetta al coniuge superstite indipendentemente dalla sua età o se viene corrisposta soltanto al raggiungimento di una determinata età. Grazie. Cordiali saluti”.

Pensione di reversibilità al coniuge

Il coniuge ha diritto alla pensione di reversibilità sempre: spetta in misura intera, ovvero pari ad una quota del 60% della pensione di cui era titolare il de cuius, se rispetta i limiti di redditi previsti annualmente dalla legge, ed in misura ridotto (massimo al 50% dell’importo spettante se il coniuge superstite ha redditi superiori a
5 volte il trattamento minimo INPS) se i suoi redditi superano il massimo stabilito. Ma non perde mai il diritto, anche se lavora, ha pensione o altri redditi propri.

La pensione di reversibilità, indipendentemente dalla data di presentazione della domanda, spetta a decorrere dal 1 giorno del mese successivo a quello in cui il pensionato o lavoratore è deceduto. E’ possibile, quindi, presentare domanda di pensione ai superstiti anche a distanza di tempo dal decesso.

Il coniuge superstite ha diritto alla pensione di reversibilità indipendentemente dall’età. L’unica prestazione, sempre in relazione alla pensione di reversibilità, che spetta in base all’età è la quattordicesima mensilità.

La quattordicesima, infatti, spetta anche a chi percepisce pensione di reversibilità (sempre nel rispetto dei limiti di reddito previsti per averne diritto) ma solo al compimento dei 64 anni del titolare della pensione.

Il coniuge superstite, quindi, ha diritto a qualsiasi età della pensione di reversibilità ma sulla stesso non ha diritto alla quattordicesima fino al compimento dei 64 anni.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti:

Reversibilità

Iscriviti alla newsletter

Money Stories