Pensione anticipata a 61 anni per invalidi: i chiarimenti

Lorenzo Rubini

30 Dicembre 2020 - 10:24

condividi
Facebook
twitter whatsapp

La pensione di vecchiaia anticipata per invalidi è destinata agli uomini che hanno compiuto i 61 anni e che abbiano anche 20 anni di contributi versati.

Pensione anticipata a 61 anni per invalidi: i chiarimenti

La pensione di vecchiaia anticipata è una misura destinata ai soli lavoratori invalidi del settore privato e richiede, oltre a 20 anni di contributi, 56 anni di età per le donne e 61 anni di età per gli uomini, una invalidità pensionabile certificata pari o superiore all’80%.

In questo articolo cercheremo di rispondere agli interrogativi di alcuni lettori di Money.it al riguardo.

Pensione anticipata invalidi

  • “Ho 61anni e più di 25 di lavoro invalida civile al 100%posso andare in pensione anticipata?”

Essendo lei donna potrebbe accedere fin da subito alla pensione di vecchiaia anticipata, visto che per le donne la misura richiede soltanto 56 anni di età per l’accesso ed avendo raggiunto il requisito contributivo.

La misura, però, è dedicata solo ai lavoratori del settore privato e può, quindi, presentare domanda a patto che non abbia lavorato nella pubblica amministrazione o come lavoratrice autonoma.

  • “Ho 62 anni e 29 anni di contributi versati. Ho lavorato sempre come lavoratore autonomo ed ho invalidità all’80%.Ho presentato domanda di pensione di vecchiaia anticipata ma è stata respinta. Perché? E che possibilità ho di accedere alla pensione entro breve?”

Pur avendo raggiunto l’età richiesta e i contributi per l’accesso alla pensione di vecchiaia anticipata per gli invalidi e pur avendo un’invalidità riconosciuta dell’80% non le è consentito pensionarsi con questa misura perché è esclusivamente riservata ai lavoratori del settore privato.

Sono esclusi dalla possibilità di pensionarsi con la pensione di vecchiaia anticipata per invalidi sia i dipendenti pubblici che i lavoratori autonomi.

Se, però, entro il 31 dicembre 2021 compie i 63 anni e matura i 30 anni di contributi potrebbe accedere il prossimo anno al pensionamento con l’Ape sociale in qualità di invalido visto che la prestazione richiede invalidità pari o superiore al 74%, 63 anni di età ed almeno 30 anni di contribuzione versata.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories