Ordinanza Veneto: le regole di Zaia per la riapertura

Isabella Policarpio

18/05/2020

17/05/2021 - 17:36

condividi

In Veneto il governatore Zaia adotta regole diverse dal 18 maggio al 2 giugno su spostamenti, misure restrittive e seconde case. Cosa prevede l’ordinanza e calendario delle attività che riaprono.

Ordinanza Veneto: le regole di Zaia per la riapertura

Fin dall’inizio dell’emergenza sanitaria, il Veneto ha esercitato una forte pressione per procedere in autonomia, distaccandosi in parte dal dettato nazionale. Succede anche adesso: l’ordinanza in vigore dal 18 maggio stabilisce un via libera generale, con la riapertura quasi totale delle attività produttive. Fondamentali la mascherina e la distanza di sicurezza.

Zaia è pronto a dare nuovo impulso all’economia del Veneto (anche perché la regione è ormai tra quelle a “basso rischio”), con attenzione però a non generare nuovi focolai. L’ordinanza in questione è la numero 48 e contiene tutte le misure sulla gestione dell’emergenza epidemiologica dal 18 maggio al 2 giugno 2020.

Ordinanza Veneto: cosa riapre dal 18 maggio

Nel rispetto delle linee guida e dei protocolli approvati dalla Conferenza delle Regioni, in Veneto sono pronte a ripartire le seguenti attività:

  • ristoranti e ogni tipo di esercizio che somministra alimenti e bevande;
  • stabilimenti balneari e spiagge libere;
  • alberghi, bed&breakfast, agriturismi , rifugi alpini, campeggi;
  • parrucchieri, barbieri, estetisti, tatuatori, trattamenti per animali di affezione, centri per il benessere (esclusi bagno turco e terme);
  • commercio al dettaglio, anche nei mercati e ambulanti;
  • uffici aperti al pubblico;
  • autoscuole corsi abilitanti e prove pratiche effettuate dalle autoscuole;
  • attività di produzione teatrale e artistica senza presenza di pubblico;
  • piscine pubbliche e private;
  • palestre, palazzetti dello sport e palestre di soggetti pubblici e privati per pratica di attività fisiche anche con modalità a corsi, impianti sportivi;
  • musei, archivi e biblioteche;
  • parchi zoologici e riserve naturali gestione di parchi e giardini zoologici, giardini botanici, riserve naturali;
  • funivie, seggiovie e altri impianti per spostamenti in montagna.

Misurazione temperatura nei supermercati

In Veneto fuori dai supermercati e dai negozi i clienti in fila devono essere sottoposti a misurazione della temperatura corporea e non possono entrare sopra i 37,5 gradi. Sempre obbligatori guanti e mascherina all’interno dell’esercizio.

Spostamenti e seconde case

All’interno della regione sono ammessi gli spostamenti senza autocertificazione, anche nelle seconde case di villeggiatura al mare o in montagna.

Sono consentiti gli spostamenti per qualsiasi motivo, anche ludico e ricreativo. Resta il divieto di assembramento tra persone non conviventi.

Distanze di sicurezza e obbligo di mascherina

La mascherina (o altro mezzo idoneo alla protezione delle vie respiratorie) è obbligatoria fuori dalla propria abitazione. La distanza di sicurezza da tenere con le altre persone è di almeno 1 metro o di 2 metri durante l’attività sportiva.

La mascherina non è obbligatoria alla guida del proprio veicolo, se all’interno vi sono persone conviventi, per bambini di età inferiore a 6 anni e per persone disabili con patologie respiratorie.

Messe e altre funzioni religiose

Via libera alle funzioni religiose, ma nel rispetto dei protocolli concordati con le varie confessioni. Obbligatorio il distanziamento sociale interpersonale di almeno un metro, indossare la mascherina e la presenza di igienizzanti all’ingresso dei luoghi di culto.

Argomenti

# Fase 2

Iscriviti a Money.it