OnlyFans: cos’è, come funziona e come guadagnare

Fiammetta Rubini

8 Luglio 2021 - 11:11

condividi

Come guadagnare e diventare ricchi con OnlyFans: come funziona il sito, come si usa e cosa fare se si devono fatturare gli introiti derivati dagli abbonamenti.

OnlyFans: cos'è, come funziona e come guadagnare

OnlyFans, piattaforma che permette di guadagnare creando un proprio canale di contenuti accessibili tramite un abbonamento attivato da parte degli utenti iscritti, è diventato un modo con cui molte persone oggi decidono di fare soldi.

Gli iscritti possono caricare foto, video e trasmettere dirette in streaming e metterli a pagamento per i loro follower.

A differenza di altre piattaforme e social network OnlyFans ha regole meno restrittive riguardo i contenuti più spinti, ma per registrarsi e quindi poter guadagnare con OnlyFans bisogna avere almeno 18 anni.

Vediamo nel dettaglio cos’è, come funziona OnlyFans, come e quanto si può guadagnare.

Cos’è OnlyFans

È un sito web nato nel 2016 come portale destinato a creativi che vogliono proporre i propri contenuti a un determinato pubblico, disposto a pagare per sbloccarli.

Tanti conoscono OnlyFans per i suoi contenuti destinati a un pubblico adulto, ma le persone riescono a monetizzare con OnlyFans anche senza ricorrere ad attività che su altri social sarebbero censurati. Molti account OnlyFans redditizi e di successo vanno dal fitness alla moda, passando per bricolage, giochi, cucina, cosplay, viaggi, bellezza e modellismo. Chi ha già molti follower altrove può guadagnare su OnlyFans facendo pagare i video dello stesso genere che posta su TikTok o YouTube, purché siano migliori.

Come funziona

La piattaforma è semplice da usare e ricorda in parte Twitter, a cui spesso viene connessa, o Instagram rendendo molto semplice capire come funziona. Per vedere foto, video, disegni e materiale vario caricato all’interno di un profilo OnlyFans un utente deve abbonarsi al profilo interessato sottoscrivendo un abbonamento che può essere proposto in formula mensile o annuale (che solitamente prevedere un piccolo sconto).

Il prezzo per l’accesso a un profilo OnlyFans è scelto dal content creator stesso che va a stabilire la quota da pagare per rendere visibili i propri contenuti.

Per iscriversi basta accedere al sito ufficiale secondo due opzioni:

  • inserendo informazioni come e-mail, nome e password;
  • associando un account Twitter personale a cui concedere le autorizzazioni necessarie (basta cliccare su “Iscriviti – accedi con Twitter”).

Dopo aver confermato di avere più di 18 anni se si vuole guadagnare con la piattaforma bisogna indicare un metodo di pagamento valido. Così:

  • Aprite il vostro “Profilo” -> “Prezzo di abbonamento” -> “Aggiungi il conto bancario o le informazioni di pagamento”;
  • Fate tap nell’icona dell’angolo in alto a destra: “Menu” -> “Aggiungi conto bancario”.

Come guadagnare con OnlyFans

Avere un profilo OnlyFans permette quindi di pubblicare contenuti e guadagnare dagli stessi grazie alle sottoscrizioni degli utenti iscritti.

Più si hanno follower disposti a pagare più si guadagna: la formula OnlyFans permette, a chi ha un nutrito seguito, di raccogliere cifre notevoli concedendo di investire il proprio tempo e le proprie energie nel profilo che, per non stancare, avrà bisogno di una cura dei contenuti costante e una pubblicazione ricca e variegata.

Guadagnare su OnlyFans è quindi molto più semplice per chi è una celebrità o è già famoso su altre piattaforme. Sono molti i casi di influencer di Instagram, TikTok e YouTube che sfruttano la loro popolarità acquisita per monetizzare su OnlyFans.

Per tutti gli altri le strategie per iniziare a guadagnare sono diverse: dal tipo di contenuto al prezzo iniziale per gli abbonamenti. Meglio partire dal basso ed evitare di proporre cifre troppo elevate per l’accesso al proprio profilo (soprattutto se non godete di un buon bacino di follower in grado di acquistare l’accesso al vostro profilo a “scatola chiusa”).

È possibile anche offrire teaser o alcuni contenuti gratuiti in modo da invogliare gli utenti all’iscrizione o attuare collaborazioni con influencer già attivi e popolari all’interno della piattaforma.

Ogni account può impostare il costo di abbonamento mensile per la visualizzazione dei suoi contenuti. Questa va da un minimo di 4,99$ a 49,99$ al mese.

Per sapere quanto puoi guadagnare grazie a OnlyFans è il sito stesso a fare delle stime. Ad esempio una persona con 1.000 follower su Instagram, Facebook o Twitter che imposta la quota di abbonamento al suo OnlyFans di 4,99$ può guadagnare dai 49 ai 249$ al mese, senza considerare eventuali mance e messaggi a pagamento. Ma i guadagni possono salire a migliaia o centinaia di migliaia di dollari, fino a milioni di dollari al mese.

Quando si guadagna con OnlyFans

La popolarità è quindi un ingrediente fondamentale per essere in grado di guadagnare cifre sufficienti a coprire un vero e proprio stipendio mensile.

Ci sono però alcune precisazioni: al content creator va l’80% degli introiti, mentre la piattaforma prende dal prezzo mensile o annuale proposto il 20% per ogni abbonamento attivato (va da sé che su un abbonamento da 10 euro al mese OnlyFans tratterà 2 euro mentre il vostro guadagno sarà pari a 8 euro).

Guadagnare con OnlyFans: serve la Partita IVA?

I creator e i performer su OnlyFans sono tantissimi e sparsi in tutto il mondo e la piattaforma ha dichiarato in alcuni comunicati di aver sborsato circa 800 milioni di dollari ai propri utenti.

Anche in Italia non mancano i casi di chi ha fatto di OnlyFans un hobby al pari di un secondo lavoro mentre per altri è diventata una vera e propria professione a cui dedicare gran parte della giornata.

Se la cifra guadagnata non supera i 5.000 euro all’anno e OnlyFans non è il vostro impiego fisso si può fare riferimento alla cosiddetta “prestazione occasionale”: la piattaforma rilascia una fattura mensile al creatore di contenuti indicando l’importo guadagnato tramite gli abbonamenti.

Se l’attività su OnlyFans presenta un ritmo abituale e viene svolta a livello professionale i ricavi verranno classificati come redditi di lavoro autonomo venendo etichettati come diversi dalle attività di lavoro autonomo non esercitate in maniera abituale.

Diventa obbligatorio quindi aprire una partita IVA e scegliendo il regime forfettario come libero professionista i ricavi derivati dalla piattaforma, qualora fossero inferiori a 65.000 euro, seguiranno la tassazione con misura pari al 15% (5% per i primi 5 anni di attività). Per informazioni più precise su come muoversi in questo particolare caso consultate il vostro commercialista.

Argomenti

# App

Iscriviti a Money.it