Nuovo Btp Futura: data di collocamento, durata, rendimenti

Pierandrea Ferrari

30 Marzo 2021 - 16:02

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Il Tesoro prepara la terza emissione del Btp Futura, il titolo obbligazionario destinato a sostenere la ripresa economica in Italia. Data di collocamento, durata, rendimenti: ecco tutto quello che c’è da sapere sul nuovo bond.

Nuovo Btp Futura: data di collocamento, durata, rendimenti

Il Tesoro emetterà il prossimo mese un nuovo Btp Futura, il titolo di Stato finalizzato a raccogliere sul mercato le risorse per finanziare le misure di supporto all’economia italiana, duramente provata da oltre dodici mesi di pandemia.

Il bond, come preannunciato dal Mef, avrà delle caratteristiche differenti rispetto a quelli proposti con le prime due emissioni. Data di collocamento, durata, rendimenti: ecco tutto quello che c’è da sapere.

Nuovo Btp Futura: cosa c’è da sapere

Il Btp Futura verrà collocato sul mercato dal 19 al 23 aprile (chiusura alle ore 13) e sarà destinato esclusivamente ad investitori retail e affini, così come avvenuto per le prime due emissioni. Rispetto ai primi due collocamenti sarà però rivista al rialzo la durata, con la scadenza fissata a 16 anni dall’emissione.

Discontinuità anche sul fronte dei premi fedeltà, riconosciuti anche dai primi due Btp Futura e legati alla crescita dell’economia nazionale durante la vita naturale del titolo obbligazionario, ma che stavolta verranno sdoppiati in due tranche ed erogati in momenti diversi.

Il primo verrà riconosciuto dopo 8 anni con un minimo garantito dello 0,4% e un massimo dell’1,2% del capitale investito in base all’andamento del Pil, mentre il secondo a scadenza, diviso in altre due tranche: uno con un minimo dello 0,6% e un massimo dell’1,8% e legato al Pil nei primi 8 anni e un altro con un minimo dell’1% e un massimo del 3% in base al Pil tra il 9° e il 16° anno.

Il nuovo Btp Futura presenterà poi delle cedole nominali semestrali che seguiranno il meccanismo step-up, ovvero verranno calcolate sulla base di tassi fissi crescenti nel tempo. Nel dettaglio, nei primi 4 anni le cedole avranno un tasso cedolare fisso, per poi aumentare ogni 4 anni fino alla scadenza naturale dell’obbligazione.

Collocamento sul Mot di Borsa Italiana

Il titolo sarà collocato attraverso la piattaforma Mot della Borsa italiana, ovvero il mercato telematico delle obbligazioni e dei titoli di Stato, e le banche dealer saranno Intesa Sanpaolo e Unicredit. Il Mef si riserverà la facoltà di chiudere anticipatamente l’emissione, come comunicato in una nota dal dicastero, ma comunque non prima del 21 aprile, terzo giorno programmato dell’emissione.

Argomenti

# Italia

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO