Nio, l’auto elettrica cinese che entra a Wall Street

Luca Secondino

01/03/2018

01/03/2018 - 11:17

condividi

La start-up cinese sta preparando l’ingresso nel listino della Borsa di New York entro fine 2018. Prevista una quotazione di circa 2 miliardi di dollari.

Le auto elettriche costituiscono un’importante occasione di crescita per l’economia cinese, e negli ultimi anni sono nate tantissime start-up pronte ad entrare nel settore automotive.

Grazie al sostegno del Governo locale, che impone ai costruttori stranieri di stringere joint venture e partnership con le realtà cinesi, e anche grazie al mercato a zero emissioni che sarà il primo al mondo, le piccole aziende crescono.

Così la start-up Nio si prepara al lancio in Borsa previsto per la fine del 2018.

Nio, l’auto elettrica cinese a Wall Street

L’azienda sta per essere quotata in Borsa, anche se manca l’ufficialità. Reuters dà per certo il coinvolgimento di 8 banche che operano negli Stati Uniti: Morgan Stanley, Goldman Sachs, Merrill Lynch, Credit Suisse, Citigroup, Deutsche Bank, JPMorgan e Ubs, per un’operazione che dovrebbe costare in tutto circa 2 miliardi di dollari.

Se le cifre dovessero essere confermate, sarebbe la quotazione in Borsa di una compagnia cinese negli Stati Uniti più onerosa degli ultimi anni, maggiore anche di quella di Alibaba nel 2014, valutato 25 milioni.

Gli obiettivi della start-up

Nio è la start-up fondata nel 2014 dal miliardario William Li, che vuole cavalcare l’onda dell’elettrificazione di massa che da adesso per i prossimi due anni avverrà in Cina con una domanda crescente di veicoli, ma non solo.

Al momento la casa automobilistica è già leader nel settore con una gamma completa e la scuderia nel mondiale di Formula E, ma ora punta soprattutto ad imporsi a livello mondiale con la sua tecnologia per le batterie e per la guida autonoma.

Più volte abbiamo ribadito come la smart mobility sia un settore che offre molte possibilità alle aziende orientali, visto che le auto intelligenti hanno iniziato a prendere il posto dei cellulari intelligenti, e Nio è destinata a diventare un gigante del settore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Iscriviti a Money.it