Negozi aperti in zona arancione

Isabella Policarpio

23/02/2021

23/02/2021 - 11:06

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Ecco i negozi aperti e chiusi in zona arancione: abbigliamento per adulti e bambini, alimentari al dettaglio, negozi per l’igiene della persona e della casa e altri ancora. Regole e divieti per i centri commerciali.

Negozi aperti in zona arancione

La zona arancione si caratterizza per il divieto di uscire dal comune di residenza/domicilio, tuttavia, entro i confini comunali, si possono raggiungere i negozi in funzione e fare commissioni di vario tipo.

Rispetto alla zona rossa, i negozi aperti sono molteplici (non soltanto quelli considerati essenziali).

Sono aperti regolarmente i negozi di abbigliamento, giardinaggio, parrucchiere, barbiere e centri estetici ma i centri commerciali chiudono nel weekend (ad eccezione dei servizi essenziali al loro interno, come i supermercati). Inoltre sono aperti i negozi di ferramenta e fiorai oltre a lavanderie, tintorie e i negozi di giocattoli.

Chiusi in zona arancione, tutto il giorno e tutti i giorni, ristoranti, bar e pasticcerie, salvo che per asporto e la consegna a domicilio. Unica eccezione i ristoranti negli alberghi (per gli ospiti della struttura) e nelle aree di rifornimento in autostrada.

Di seguito l’elenco competo dei negozi, centri e gallerie commerciali aperti in zona arancione.

Supermercati e negozi di alimentari al dettaglio

In zona arancione, come nelle altre, sono sempre aperti i supermercati e i negozi di alimentari al dettaglio come macellerie, pescherie e forni per pane e pizza (con il divieto di consumare all’interno).

Aperti anche gelaterie, bar, pizzerie al taglio e pasticcerie dove è possibile esclusivamente la consegna a domicilio senza limitazioni orarie e l’asporto fino alle 22.00 di alimenti e fino alle 18.00 di bevande.

Farmacie, parafarmacie e ottico

Aperti regolarmente i negozi di occhiali, le farmacie e le parafarmacie, anche nei centri commerciali di sabato e domenica.

Tabacchi

I tabacchi sono aperti in zona arancione così come in quella rossa, anche nel weekend all’interno di centri e gallerie commerciali.

Edicole, librerie e cartolerie

Edicole, cartolerie e librerie sono aperte in quanto gli articoli al loro interno ritenuti “beni essenziali”, per acquistare biglietti dei mezzi pubblici, libri e materiali necessari alla studio e/o al lavoro.

Centri commerciali

In zona arancione i negozi all’interno dei centri commerciali sono aperti dal lunedì al venerdì, mentre chiudono di sabato, domenica e nei festivi. Nei giorni di chiusura è comunque assicurata l’apertura di supermercati, farmacie, parafarmacie e tabacchi al loro interno.

Negozi di abbigliamento (per adulti e bambini) e di giocattoli

Aperti in zona arancione i negozi di abbigliamento e calzature per adulti e bambini, le pelletterie, i negozi di intimo, di articoli sportivi e giocattoli.

Articoli per la casa, ferramenta e fiorai

Anche in zona arancione restano aperti tutti i negozi che vendono articoli per la casa, elettrodomestici, ferramente, fiorai e articoli per il giardinaggio e prodotti per l’agricoltura.

Informatica

Sono in funzione i negozi di informatica, specializzati e non, di vendita al dettaglio o riparazione di telefonia, computer, elettrodomestici, attrezzature per le telecomunicazioni ed elettronica di consumo audio e video.

Profumeria e igiene personale

Le profumerie, i negozi di cosmetici e le erboristerie sono regolarmente aperti in zona arancione. Restano aperti i negozi di articoli igienico-sanitari per la casa e per la persona.

Parrucchieri, barbieri ed estetiste

In zona arancione, come in quella rossa, restano aperti i saloni di barbieri e parrucchieri. Anche centri estetici ed estetiste sono in funzione, mentre chiudono in zona rossa.

Lavanderie e tintorie

In zona arancione sono aperte tutte le tipologie di lavanderie, tessili, di pellicce e industriali. In funzione anche le tintorie.

Pompe funebri

Regolarmente in funzione i servizi di pompe funebri e altre attività connesse ad esse.

Argomenti

# DPCM

Iscriviti alla newsletter

Money Stories