NFT: cosa sono, come funzionano e come investire

19 Maggio 2022 - 11:03

19 Maggio 2022 - 12:11

condividi

Cosa sono gli NFT? Come funzionano e come investire? Ecco tutto quello che devi sapere.

NFT: cosa sono, come funzionano e come investire

Cosa sono gli NFT? Come funzionano? Come si fa a investire? Queste e altre domande rimbalzano da più parti da quando gli NFT hanno iniziato a riscuotere un successo clamoroso. Riuscire a spiegare cosa sono gli NFT a chi non ha molta dimestichezza con la tecnofinanza e termini come crypto-art, blockchain, DeFi e token non è semplice, ma ci proviamo.
Di seguito una guida per orientarsi nella nuova frontiera dell’arte, o degli investimenti: partendo da cosa significa NFT, vediamo cosa sono e come funzionano, come si creano e come acquistarli e venderli.

Cosa sono gli NFT

Per capire cosa sono bisogna capire, innanzitutto, cosa significa NFT. Il termine NFT sta per Non-Fungible Token, che in italiano vuol dire Gettone digitale non fungibile, non riproducibile.

Chiariamo fin da subito il significato di fungible e non-fungible. Un Bitcoin, ad esempio, è fungibile poiché può essere sostituito con un altro. Gli NFT, invece, sono pezzi unici: non possono, cioè, essere replicati né sostituiti.

Con NFT si intende un modo per identificare in modo univoco, sicuro e senza dubbi un prodotto digitale creato su internet. NFT può essere qualsiasi oggetto digitale: un video, una foto, una GIF, un testo, un articolo, un audio… Quando un oggetto digitale è certificato con un NFT è come se sopra ci fosse la firma dell’autore, e nessuno può dire che non sia originale o che ce ne siano altre copie se non firmate con un NFT.

Gli NFT non potrebbero esistere senza la blockchain. Cos’è la blockchain? È un registro digitale condiviso e immutabile dove vengono memorizzate le transazioni di dati che non possono essere alterati, manipolati o eliminati. È un sistema per garantire la tracciabilità dei trasferimenti, la trasparenza e verificabilità; ecco perché è considerata un sistema sicuro e affidabile per vari ambiti che vanno dalle banche alle pubbliche amministrazioni.

Prima della blockchain qualsiasi cosa presente su internet era facilmente riproducibile all’infinito e quindi non si poteva garantire, ad esempio, che un’opera d’arte digitale fosse autentica come una del mondo reale. Con l’arrivo della blockchain si è trovato un modo per scrivere su un registro digitale - come se fosse quello di un notaio - informazioni relative al prodotto digitale. Informazioni non modificabili, pubbliche e che dicono che quel prodotto è unico e non copiabile.

Così è iniziata la corsa a produrre opere d’arte certificate con NFT, ed è nata la Crypto Art, protagonista di un vero e proprio boom nell’ultimo anno, con opere e oggetti digitali venduti all’asta anche a centinaia di migliaia o milioni di euro.

Come funzionano gli NFT

Al giorno d’oggi questi token vengono considerati una sorta di evoluzione del mondo dell’arte, in formato digitale. Vi starete chiedendo: perché una persona dovrebbe comprare un bene virtuale e spendere così tanti soldi? Che valore ha? Abbiamo provato a spiegarlo più nel dettaglio qui: Cosa significa che un tweet è stato venduto per quasi 3 milioni di dollari.

Chi acquista un’opera legata a un NFT non acquista l’opera in senso stretto. Piuttosto, si garantisce la possibilità di rivendicare un diritto su quell’opera, attraverso uno strumento noto come smart contract, ovvero un protocollo informatico che facilita e verifica l’esecuzione di un contratto.

Ma come viene prodotta questa opera? Di base, l’artista salva in formato digitale una foto o un filmato, che corrisponderà a una stringa di numeri, 0 e 1 nel linguaggio informatico. Questa sequenza viene poi compressa in una più corta, detta hash, seguendo un processo comunemente noto come hashing. Qui, a ben vedere, c’è un primo elemento di garanzia per il proprietario degli NFT: essendo in possesso del documento digitale, è l’unico che può facilmente calcolare l’hash.

Questa hash viene poi memorizzata in una blockchain, con tanto di marca temporale associata. L’NFT mantiene al suo interno le tracce delle vendite dell’hash, fino al creatore che ha passato di mano l’opera la prima volta.


Con questo percorso all’inverso si può avere dunque una prova dell’autenticità e della proprietà del token, e al possessore dell’opera non sarà necessario rivolgersi a degli intermediari, almeno fin a quando la blockchain sarà attiva.

Come creare NFT

Cerchiamo ora di spiegare in modo semplice e in poche parole come si creano gli NFT. Per prima cosa bisogna sapere che ogni tipo di risorsa digitale può diventare un NFT: una foto, un video, una GIF, una canzone, un’emoticon ecc. I passaggi per creare un NFT sono essenzialmente 3: la creazione vera e propria del non-fungible token, il conio, ossia la trasformazione del file in NFT, e infine la pubblicazione su un sito, o marketplace, dove si possono vedere, comprare e vendere gli NFT.

Chi vuole creare un NFT deve usare una blockchain e avere un wallet digitale con dentro della criptovaluta con cui finanziare il conio (i costi associati alla creazione di NFT sono le tasse del gas, le commissioni per l’apertura di un account su wallet e le commissioni di vendita) e scegliere una piattaforma su cui vendere la propria opera. Per tutti i dettagli consigliamo di leggere la nostra guida Come creare un NFT

Come investire in NFT

Ma gli NFT, così come l’arte classica - quadri, sculture, dipinti - possono essere considerati anche come degli investimenti.

Sul mercato ci sono molti siti che consentono di scambiare le opere d’arte. Il più famoso è NiftyGateway, ma ci sono anche MarkersPlace, Rarible, SuperRare… Al momento, la piattaforma più accessibile è OpenSea, che si basa sulla blockchain Ethereum e si definisce il più grande marketplace di NFT, ma per creare o acquistare i token è necessario avere un portafoglio Ethereum.

leggi anche

Come comprare NFT

Ci sono poi dei marketplace più specializzati, come ad esempio NBA Top Shot, dove acquistare dei momenti-video del campionato di basket USA, Valuables, per comprare i tweet, o ancora CryptoKitties, la piattaforma che ha dato il via alla rivoluzione NFT con i suoi gattini crittografici. Senza tralasciare il fatto che persino le case d’asta storiche, come Christie’s, si sono aperte a questo trend. Sull’argomento puoi leggere Gli NFT più costosi del mondo venduti all’asta: la classifica.

Come fare, allora, per cavalcare il trend e provare a capitalizzare questo travolgente successo?

Per acquistare un NFT un potenziale investitore dovrà possedere un portafoglio digitale (wallet), delle criptovalute e avvalersi di una blockchain, solitamente quella di Ethereum, sebbene il mercato sia in espansione e conti anche realtà come Flow Blockchain - dove sono stati venduti gli NFT dell’NBA - Binance Smart Chain, TRON e EOS.

Leggi anche:

Iscriviti a Money.it