Le migliori società fintech d’Europa

30 Luglio 2021 - 06:56

30 Agosto 2021 - 11:48

condividi

Il fintech in Europa è in forte crescita. Ecco quali sono le migliori società fintech europee che hanno contribuito alla diffusione della finanza tecnologica secondo Money.it.

Le migliori società fintech d'Europa

L’Europa si sta sempre più affermando come protagonista mondiale nella finanza tecnologica. Nel solo 2020, le società fintech europee hanno raccolto circa 8 miliardi di euro di capitali, superando qualsiasi altro settore.

La spinta è guidata dai più importanti hub del continente, Londra e Berlino su tutti. La Brexit ha giocato a favore di altre città del fintech, come Parigi, Francoforte, Stoccolma e Milano.

Abbiamo selezionato le 20 società fintech europee che stanno cambiando il mondo della finanza attraverso la tecnologia. Vediamole:

Klarna

Settore: pagamenti
Paese: Svezia

Klarna è la più grande società fintech svedese e una delle maggiori compagnie europee nel settore dei pagamenti online. Grazie alla piattaforma, più di 200 mila aziende possono vendere prodotti online in modo veloce e sicuro e collegarsi con gli oltre 85 milioni di clienti provenienti da tutto il mondo.

Fondata nel 2005, Klarna ha raccolto investimenti per oltre 3 miliardi di euro ed ha attualmente una valutazione di 40 miliardi di euro. È stata tra le prime società fintech a lanciare il sistema «compra ora, paga dopo» (BNPL -Now Pay Later).

Revolut

Settore: pagamenti
Paese: Regno Unito

Nata nel 2015 nel Regno Unito, Revolut permette ai suoi 15 milioni di utenti di gestire il proprio denaro con la massima semplicità. Tramite l’app si possono effettuare pagamenti per le spese quotidiane, si può risparmiare grazie a degli appositi salvadanai e si può investire in criptovalute e in metalli preziosi.

Con il suo ultimo round di investimento di serie E da 800 milioni di dollari, la fintech londinese Revolut ha raggiunto una valutazione di $33 miliardi.

Revolut dispone di una licenza bancaria rilasciata dall’Unione europea che le permette di operare nell’Eurozona. La sede Ue è in Lituania.

Tink

Settore: open banking
Paese: Svezia

Tink è una fintech svedese fondata nel 2012 che in breve tempo si è affermata come solida piattaforma di open banking con l’obiettivo di migliorare e facilitare l’erogazione dei servizi finanziari più comuni. Oggi Tink è connessa con oltre 3000 banche e istituzioni alle quali permette di accedere ai dati finanziari di oltre 250 milioni di consumatori in tutta Europa attraverso la direttiva PSD2.

Nel 2019 Tink è entrata nel mercato italiano stringendo accordi con le principali banche del Paese ed aprendo una sede a Milano.

Wise

Settore: pagamenti
Paese: Belgio

In precedenza era TransferWise, oggi il nuovo brand è Wise, ed è la piattaforma internazionale di pagamenti che consente di trasferire denaro online in modo semplice e veloce a commissioni minime e in totale trasparenza a vantaggio dei suoi 10 milioni di utenti in tutto il mondo.

Wise è stata fondata nel 2011 nel Regno Unito, ma dopo la Brexit ha stabilito la sua nuova sede a Bruxelles, in Belgio. Ad oggi ha raccolto fondi per 1,1 miliardi di euro.

Qonto

Settore: banca digitale
Paese: Francia

Qonto è una banca digitale con sede a Parigi che opera in Francia dal 2016 e dal 2019 anche in Spagna, Germania e Italia. La neobank offre servizi bancari esclusivamente alle PMI e ai liberi professionisti che hanno la necessità di semplificare la gestione finanziaria dell’impresa tramite un conto facile da utilizzare. Tra i suoi servizi, Qonto consente di costituire una Srl o startup innovativa direttamente online.

Negli ultimi 5 anni Qonto ha raccolto investimenti per 136 milioni di euro e ha conquistato la fiducia di 150.000 imprese.

Adyen

Settore: pagamenti
Paese: Olanda

Adyen è una delle società fintech d’Europa che ha riscosso maggior successo nel settore dei pagamenti. Fondata nel 2006, ha la sede principale ad Amsterdam, ma oggi conta altri 23 uffici in giro per il mondo, compreso quello di Milano per lo sviluppo del mercato italiano.

La società olandese è riuscita a costruire una piattaforma di gestione di pagamenti online, mobile e via Pos all’avanguardia, prestando particolare attenzione alla prevenzione delle frodi.

Nel 2020 Adyen ha registrato ricavi netti per oltre 680 milioni di euro, in crescita del 28% rispetto all’anno precedente.

N26

Settore: banca digitale
Paese: Germania

La Germania è al secondo posto in Europa tra i Paesi che hanno raccolto maggiori finanziamenti nel settore fintech, dopo il Regno Unito. Il colosso indiscusso del fintech tedesco è la banca digitale N26, che consente di gestire le spese quotidiane tramite smartphone e che ha raggiunto 7 milioni di utenti provenienti da tutto il mondo.

Ad oggi, la neobank di Berlino ha raccolto fondi per quasi 700 milioni di euro, permettendole di raggiungere una valutazione di 8 miliardi di euro.

Satispay

Settore: pagamenti
Paese: Italia

La fintech italiana Satispay, fondata nel 2013, è un sistema di pagamento che consente ai suoi quasi 2 milioni di utenti di acquistare prodotti nei negozi convenzionati, inviare e ricevere pagamenti e scambiare denaro in modo rapido e sicuro.

Dalla sua costituzione, Satispay ha raccolto fondi per oltre 130 milioni di euro, compreso l’ultimo round da 93 milioni di euro in cui ha investito, tra gli altri, Square, la società di pagamenti di Jack Dorsey, fondatore di Twitter.

Al di fuori dell’Italia, Satispay è presente anche in Germania e punta ad una maggiore espansione nel resto d’Europa.

Casavo

Settore: immobiliare
Paese: Italia

Casavo è una startup italiana nel settore immobiliare che si pone l’obiettivo di semplificare e velocizzare il processo di vendita delle case.

In qualità di instant buyer, la proptech milanese acquisisce immobili senza alcun costo per il venditore. Casavo è attualmente presente in Italia e in Spagna e punta ad espandersi in altre aree.

Dal 2017, anno della sua fondazione, Casavo ha ricevuto finanziamenti per un totale di 385 milioni di euro, di cui 150 milioni da parte di Goldman Sachs, che è anche diventato socio della fintech in seguito ad un versamento pari a 50 milioni di euro di equity.

October

Settore: prestiti alle imprese
Paese: Francia

October è una piattaforma di prestiti online destinati alle imprese. Nata in Francia nel 2014, all’epoca con il nome di Lendix, oggi opera anche in Italia, Spagna, Germania e Paesi Bassi.

Le aziende che richiedono un finanziamento a October possono ottenere fino a 5 milioni di euro senza prestare garanzie personali. Una volta accettata la richiesta, la fintech garantisce tempi di erogazione in una settimana.

Ad oggi, October ha elargito prestiti per oltre 600 milioni di euro a favore di circa 1600 progetti imprenditoriali.

Wefox

Settore: assicurazioni
Paese: Germania

Wefox è una compagnia tedesca che ha l’obiettivo di rivoluzionare il mercato delle assicurazioni consentendo ai suoi clienti di ottenere le migliori prestazioni grazie alla tecnologia, e in particolare tramite un sofisticato algoritmo.

Wefox ha recentemente chiuso un round da 550 milioni di euro che l’ha portata ad avere una valutazione di 3 miliardi di euro. I finanziamenti permetteranno alla insurtech di Berlino di espandersi in Europa. Lo stesso Ceo Julian Teicke ha dichiarato che «Wefox sarà presto anche in Italia», e potrebbe farlo attraverso il suo partner Mansutti.

Scalapay

Settore: pagamenti
Paese: Italia

Scalapay una startup fintech italiana basata sul sistema di pagamento BNPL (Buy Now Pay Later), che permette di acquistare prodotti nei negozi convenzionati, sia fisici che online, pagandoli in tre rate con scadenza mensile senza interessi.

Il modello di business della fintech milanese è chiaro: facilitare il business delle imprese aumentando il tasso di conversione ed il numero di clienti che acquistano un servizio o un prodotto.

Scalapay è stata fondata nel 2019 e ad oggi ha raccolto 40 milioni di euro per lo sviluppo della startup che già annovera importanti brand di livello mondiale.

Bitpanda

Settore: investimenti digitali
Paese: Austria

Bitpanda è una fintech austriaca specializzata nell’acquisto e nella vendita di criptovalute, azioni, metalli preziosi e ETF.

La piattaforma è stata fondata in Austria nel 2014 con l’obiettivo di rendere gli investimenti accessibili a chiunque. Oggi Bitpanda è presente anche in Francia, Spagna, Turchia e Polonia, e nel 2021 ha debuttato in Italia.

In seguito all’ultimo round di serie B pari a 170 milioni di dollari, Bitpanda ha raggiunto lo status di «unicorno» con una valutazione di 1,2 miliardi di dollari.

Pleo

Settore: gestione spese aziendali
Paese: Danimarca

Pleo è stata fondata a Copenhagen nel 2015. Vende software per la gestione delle spese aziendali tramite carte di pagamento «smart». L’obiettivo della fintech danese è semplificare gli acquisti da parte dei lavoratori dipendenti favorendo la tracciabilità delle operazioni.

Nel 2021, con l’ultimo round di 150 milioni di dollari, Pleo ha raggiunto lo status di «unicorno», superando una valutazione superiore a $1,7 miliardi.

Nel solo 2020, Pleo ha raddoppiato il proprio volume di affari portando la base di clienti a 17.000 unità.

Funding Circle

Settore: finanziamenti alle imprese
Paese: Regno Unito

Funding Circle è la più grande piattaforma europea di prestiti peer-to-peer che consente agli investitori di prestare denaro alle piccole e medie imprese in cambio di un rendimento annuo. Fondata nel 2010 nel Regno Unito, oggi è presente anche in Germania, Olanda e Stati Uniti.

Ad oggi Funding Circle ha raccolto dal pubblico circa 11 miliardi di sterline che ha ridistribuito nel business di oltre 100.000 piccole e medie imprese europee.

Tinaba

Settore: banca digitale
Paese: Italia

Tinaba è una fintech italiana con sede a Milano nata nel 2015 grazie al supporto del partner Banca Profilo. Tramite app, Tinaba permette di inviare e ricevere denaro in modo istantaneo e senza costi, risparmiare, ottenere un mutuo e accedere a un servizio di investimento digitale tramite roboadvisor.

Il servizio di consulenza automatizzata di Tinaba ha l’obiettivo di stimolare le persone a risparmiare maggiormente, cercando di avvicinare alla piattaforma soprattutto il pubblico più giovane e i piccoli risparmiatori.

Housers

Settore: crowdfunding immobiliare
Paese: Spagna

Housers è una piattaforma di crowdlending immobiliare spagnola che permette al pubblico di investire somme a partire da 50 euro da destinare all’acquisto di immobili con la formula del crowdfunding.

Housers è stata fondata nel 2015 in Spagna e oggi è attiva anche in Italia e in Portogallo. Tramite gli oltre 130 mila investitori che si sono registrati alla piattaforma in questi anni, Housers ha raccolto e finanziato progetti immobiliari per 125 milioni di euro, registrando un tasso di rendimento medio superiore all’8%.

SolarisBank

Settore: servizi bancari
Paese: Germania

Solarisbank è tra le società fintech leader nel Banking as a Service, soluzione che tramite API consente alle compagnie non finanziarie di ampliare il proprio business nei servizi bancari pur non avendo una licenza bancaria.

Oltre al mercato tedesco, oggi Solarisbank opera anche in Francia e in Spagna, e da poco ha annunciato l’avvio dell’attività in Italia.

Fondata a Berlino nel 2016, la fintech tedesca ha raccolto fino ad oggi investimenti pari a 345 milioni di euro.

Moneyfarm

Settore: consulenza finanziaria online
Paese: Regno Unito

Moneyfarm è una piattaforma di consulenza finanziaria indipendente che permette ai suoi utenti di investire online in modo semplice e sicuro.

Con gli oltre 100 milioni di euro di finanziamenti raccolti, Moneyfarm è una delle maggiori società fintech d’Europa nella gestione digitale del risparmio.

Nata in Italia nel 2011, dopo aver ricevuto la licenza da parte dell’FCA inglese si è insediata nel Regno Unito, ma oggi continua ad operare anche nel territorio italiano grazie all’autorizzazione da parte di Banca d’Italia.

Soldo

Settore: gestione spese aziendali
Paese: Regno Unito

Soldo è nata nel 2015 con l’obiettivo di migliorare l’intero ciclo di spesa delle imprese permettendo ai dipendenti di utilizzare carte di pagamento «intelligenti» e garantire una maggiore efficienza e trasparenza nella gestione dei costi aziendali.

Fondata da imprenditori italiani stabiliti a Londra, Soldo ha da poco chiuso un round da 180 milioni di dollari che permetterà alla fintech di accelerare lo sviluppo del prodotto e la crescita all’estero.

Argomenti

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Iscriviti a Money.it

Money Stories