Matteo Salvini: come fa ad avere consensi? Dal populismo social allo sciacallaggio mediatico

Federica Ponza

20 Gennaio 2017 - 16:45

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Come fa Matteo Salvini ad avere consensi? Proveremo a spiegarvi come fa il leader della Lega ad ottenere consensi, nonostante le tante critiche che spesso attira su di sé.

Matteo Salvini, segretario federale della Lega Nord, torna ancora a far parlare di sé, ma non in modo troppo lusinghiero.
Nonostante le tante polemiche che Salvini è in grado di generare, il suo consenso non accenna a diminuire, anzi spesso cresce e la domanda sorge spontanea: come fa Matteo Salvini ad avere consensi?

La domanda è lecita visto che Salvini viene spesso attaccato e criticato sia sui social che al di fuori ed è in grado di suscitare rabbia di molti.
Allo stesso tempo, per quanta gente possa criticarlo, ce n’è altrettanta che continua ad esprimere apprezzamento nei suoi confronti.

L’ultima vicenda che l’ha riguardato e che ha fatto esplodere la rabbia dei social è il fatto che Matteo Salvini - come spesso fa durante momenti di difficoltà o tragedie - ha deciso di rendere mediatica la sua presenza nelle zone terremotate, in particolare in Abruzzo dove si scava da ore per cercare i dispersi sotto la neve e le macerie dell’Hotel Rigopiano.

Nonostante le polemiche, però, Salvini continua ad avere il suo seguito, per questo ci si domanda spesso come fa ad avere consensi? Proveremo a rispondere in questo articolo.

Matteo Salvini: come fa ad avere consensi?

Nonostante il fatto che molte persone lo attacchino, Matteo Salvini riesce in qualche modo a cadere spesso in piedi e a suscitare il favore di molte persone, tanto che il suo consenso, in qualche occasione, è arrivato a sfiorare quello dell’ex premier Matteo Renzi, anche se negli ultimi sondaggi politici la situazione sembra essere un po’ diversa.

Tante, dunque, le polemiche che ruotano intorno a Salvini, non ultima quella nata sul con chi si presenterà alle elezioni politiche.
La domanda che sorge spontanea è come faccia a mantenere un consenso così alto fra le persone e quanto ci sia di strategico nel suo comportamento.

Matteo Salvini ha di sicuro buone doti comunicative, almeno quando si riferisce alle persone comuni, anche perché utilizza un linguaggio diretto e familiare.
Se a questo aggiungiamo il fatto di «parlare alla pancia» delle persone, riprendendo tematiche molto sentite e alimentando la polemica intorno ad esse, otteniamo l’equazione che ci svela il perché dei suoi consensi.

Come sappiamo, in tempi non sereni (e forse in generale nella nostra epoca) «parlare alla pancia» delle persone costituisce un’arma vincente, come lo è stata per esempio per Donald Trump, il neo presidente eletto degli USA.

Lo strumento dei social, poi, aiuta Salvini ad essere una presenza costante nelle vite virtuali delle persone che lo seguono e nella nostra epoca il virtuale è ormai parte integrante del reale.

Basta scorrere - anche sommariamente - le pagine social di Salvini per notare che non c’è tematica popolare che lui non abbia in qualche modo trattato e questo è indicativo di come sia capace di cavalcare l’ondata di malumori che attraversano il popolo italiano, trasformandole in un’arma a suo favore.
Ciò che spesso fa Salvini è trovare un capro espiatorio da offrire in pasto alle masse per far sì che possano dar sfogo alle loro rabbie e frustrazioni.

Ad esempio, in un suo post su Facebook si legge anche la sua idea sul cibo vegano, in un periodo in cui la polemica tra vegani ed onnivori è sempre viva e motivo di scontro.

Insomma, le sue armi più potenti consistono nell’essere in grado di intercettare le tematiche che fanno accendere gli animi delle persone e di sfruttarle sempre a suo favore. Opportunismo? Strategia politica? Probabilmente l’uno e l’altro.

Matteo Salvini: le vicende legate all’Hotel Rigopiano

La notizia delle ultime ore su Salvini è una delle prove più chiare del suo modo di agire.
La polemica, infatti, è nata intorno alla sua presenza nelle zone terrremotate - in particolare in Abruzzo dove si lavora per cercare le persone disperse sotto la neve che ha ricoperto l’Hotel Rigopiano - segnalata dallo stesso tramite un post su Facebook, con tanto di selfie, e con molti altri post sulla sua pagina in cui riporta video, foto e notizie.

L’apice di tutto ciò Matteo Salvini l’ha raggiunto quando, ospitato in una puntata di Otto e Mezzo, si è presentato indossando i doposci, proprio per sottolineare che era di ritorno dalle zone terremotate che da giorni sono sommerse dalla neve.

Proprio quest’ultima mossa ha scatenato la rabbia della rete, generando molti attacchi su Twitter corredati dall’hashtag #salvinisciacallo.

Molti i tweet, alcuni più ironici, altri arrabbiati o indignati, che accusano Salvini di essere uno sciacallo e questo anche anche perché non è nuovo a campagne mediatiche di questo tipo.

Argomenti

# Lega

Iscriviti alla newsletter

Money Stories