Mascherine al chiuso fino alla prossima primavera: l’ipotesi

Martino Grassi

4 Agosto 2021 - 10:20

condividi

La Germania sta valutando l’ipotesi di raccomandare la mascherina nei luoghi chiusi fino alla prossima primavera per evitare una nuova ondata di contagi e delle nuove chiusure.

Mascherine al chiuso fino alla prossima primavera: l'ipotesi

In Germania la mascherina potrebbe essere raccomandata fino alla prossima primavera. È questa la linea che pare abbia intenzione di perseguire il ministro della salute tedesco con l’intento di rallentare la corsa del virus nel corso dei prossimi mesi.

Al momento la variante Delta continua a correre e i contagi sono tornati a salire in tutto il Paese, proprio per questo motivo il governo sta già iniziando a pensare all’autunno e all’inverno con l’intento di evitare un nuovo lockdown generalizzato.

Mascherina raccomandata fino a primavera: l’ipotesi

Con l’obiettivo di salvaguardare il sistema sanitario da un carico eccessivo e i gruppi di persone che non possono vaccinarsi da una grave malattia” la Germania fa sapere che anche con l’arrivo dell’autunno saranno necessarie delle misure restrittive. Il ministero della salute ha però precisato che grazie alla campagna vaccinale che procede spedita “un lockdown drastico come nella seconda e nella terza ondata probabilmente non sarà necessario”.

Dunque, oltre alle vaccinazioni, in Germania potrebbero rendersi necessarie altre misure, come indossare le mascherine negli spazi chiusi, “fino alla primavera del 2022”, ed in particolare sui mezzi di trasporto e nei negozi, oltre che il mantenimento della distanza di sicurezza. Tuttavia bisognerà attendere il 10 agosto per sapere quali saranno le nuove misure introdotte dalla cancelliera Angela Merkel.

Linea dura contro i non vaccinati

Diversa la questione per i non vaccinati, per loro infatti potrebbero rendersi necessarie delle misure aggiuntive come la limitazione dei contatti e dei limiti per accedere ad eventi o ristoranti. Il governo tedesco infatti sta valutando la linea dura contro le persone che hanno deciso di non sottoporsi al vaccino.

Il ministro della Sanità tedesco Jens Spahn ha infatti annunciato di avere intenzione di dire basta ai test gratis ai non vaccinati. Il provvedimento con molta probabilità entrerà in vigore dalla fine di settembre o al più ad inizio ottobre, ossia nel momento in cui tutti avranno avuto la possibilità di vaccinarsi con la doppia dose del farmaco.

A partire dal mese di settembre il governo tedesco ha infatti intenzione di dare il via alla somministrazione della terza dose per gli anziani e le persone maggiormente a rischio. Al momento il 61% della popolazione tedesca ha ricevuto almeno una dose di vaccino mentre il 52% ha completato il ciclo vaccinale.

Argomenti

Iscriviti a Money.it