Luigi Gubitosi rilancia la strategia di TIM: “la “nuvola” motore della crescita, TIM all’avanguardia sul cloud”

Redazione

22 Ottobre 2021 - 16:11

condividi

Luigi Gubitosi, AD di TIM, conferma l’importanza del cloud nella strategia per la digitalizzazione del Paese del Gruppo.

Luigi Gubitosi rilancia la strategia di TIM: “la “nuvola” motore della crescita, TIM all'avanguardia sul cloud”

Continua l’impegno del Gruppo TIM nella digitalizzazione del Paese, in cui gioca un ruolo fondamentale la tecnologia cloud, che l’AD Luigi Gubitosi ha definito “vero motore della crescita” in una recente intervista a “Il Messaggero”. “In tutto il mondo il cloud è probabilmente la tecnologia digitale che sta crescendo più velocemente. - spiega Luigi Gubitosi – L’Italia è ben posizionata in Europa e il Psn è concepito con una struttura di partenariato che ha come obiettivo portare sul cloud le pubbliche amministrazioni, contribuendo a dare quella sferzata di modernità, efficienza e prossimità al cittadino che è uno degli obiettivi qualificanti del Pnrr”.

Luigi Gubitosi sottolinea inoltre l’importanza del cloud all’interno della strategia TIM:

“Sarà uno degli elementi portanti dello sviluppo nei prossimi cinque-dieci anni. L’alleanza con Google e lo scambio fruttuoso con gli altri grandi provider sta facendo di TIM un centro di competenze unico nel paese e tra i primi in Europa, oltre a rappresentare un valore economico in costante espansione, visti gli ultimi multipli del settore”.

Luigi Gubitosi sulla strategia TIM, verso una crescita tecnologica e innovativa

Luigi Gubitosi definisce il Gruppo TIM sia un incumbent, sia una startup, grazie al profondo piano di trasformazione avviato nell’azienda dall’amministratore delegato. “Stiamo trasformando una società di telecomunicazioni in una società Tmt (Technology media e telecom).” - spiega Gubitosi - “In tutto il mondo si parla da 20 anni di una convergenza in divenire. Da noi sta avvenendo ora”. TIM infatti resta leader nella connettività e nell’infrastruttura, ma continua a sviluppare innovazioni per il mercato business e per la Pubblica Amministrazione nel cloud, nell’hedge computing, nella cybersecurity, nell’Internet of things e nell’intelligenza artificiale, grazie a importanti investimenti nelle nuove tecnologie: in questo settore TIM si aspetta un fatturato più che raddoppiato entro il 2023.

Luigi Gubitosi, nel corso dell’intervista, sottolinea i diversi rami della nuova strategia TIM:

“Oltre a Noovle, cui fa capo la filiera del cloud e dei data center, Olivetti è oggi un punto di riferimento per l’Internet of things che, come il cloud, sta diventando centrale nello sviluppo del digitale; Tesly è il polo della cybersecurity, un settore che sarà sempre più centrale in un mondo sempre più interconnesso; Sparkle ha rinnovato la sua strategia unendo al business tradizionale della connettività internazionale quello dei servizi alle imprese, in Italia e all’estero, e sta crescendo a doppia cifra.”

Luigi Gubitosi racconta inoltre il rilancio della strategia dei contenuti di TimVision: “È la piattaforma con l’offerta più ricca in Italia. In poco tempo ha messo insieme una base di clienti estremamente appetibile per ogni produttore.” Il gruppo TIM infatti ha siglato diverse partnership con player del calibro di Netflix, Disney, DAZN, Mediaset, Amazon e Discovery.

Luigi Gubitosi sul titolo di TIM e il rapporto positivo con gli azionisti

Durante l’intervista Luigi Gubitosi spiega che il valore intrinseco di TIM, inteso come la somma delle sue parti, è molto più elevato rispetto alla valutazione di Borsa. “Nel prossimo piano strategico intendiamo dimostrarlo - dichiara l’amministratore delegato - cogliendo alcune opportunità di mercato. E avremo i primi effetti delle nuove attività di start up insieme al miglioramento di quelle tradizionali”.

Luigi Gubitosi si esprime infine positivamente anche sul rapporto con gli azionisti di TIM:

I rapporti con Vivendi sono eccellenti, è un investitore industriale con un’ottica di lungo termine e in quanto tale sta dando stabilità alla società. Inoltre, ci ha manifestato supporto e stimolo nel percorso di trasformazione che TIM ha imboccato”.

Anche il rapporto con Cdp procede ottimamente, come conferma Gubitosi: “Il dialogo costante e l’offerta per il Psn è un chiaro esempio di come si stia lavorando bene insieme”.

Argomenti

# TIM
# Cloud

Iscriviti a Money.it