Cane in macchina al caldo: per la Cassazione è reato

Lasciare il cane in macchina al caldo è reato: per la Cassazione si tratta di abbandono di animali. Ecco cosa si rischia.

Cane in macchina al caldo: per la Cassazione è reato

Lasciare il cane in macchina al caldo può costare molto caro ai proprietari. Infatti, secondo i giudici della Corte di Cassazione, questa condotta integra il reato di abbandono di animali, ex articolo 727 del Codice Penale.

Chi lascia il cane in macchina e si allontana, soprattutto nel periodo estivo, mette l’animale in pericolo di vita e, in ogni caso, gli arreca una grave sofferenza a causa delle alte temperature che si raggiungono nelle vettura.

Così la Cassazione ha condannato a pagare una multa di 10mila euro il padrone che aveva lasciato in macchina il proprio cane per 45 minuti, con una temperatura esterna di 30 gradi.

Lasciare il cane in macchina al caldo è reato

Lasciare il cane in macchina ed allontanarsi, soprattutto in estate, può essere molto rischioso sia per il cane - che subisce una grave sofferenza che può sfociare nella morte - sia per il padrone, il quale può essere condannato a pagare una multa fino a 10mila euro.

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione (sentenza n. 1425 del 9 aprile 2015) in merito all’episodio di un padrone che aveva lasciato il suo cane in macchina per 45 minuti, in una giornata particolarmente calda.

Il reato sarebbe giustificato dal fatto che l’animale patisce “una grave sofferenza”, così come previsto dal dettato dell’articolo 727 del Codice Penale, rubricato “abbandono di animali”.

Pertanto, il padrone del cane è stato ritenuto colpevole.

Abbandono di animali: si ha anche se il cane è lasciato in macchina

Alla luce della sentenza sopra richiamata, chi lascia il cane in macchina al caldo commette il reato di abbandono di animali. Il testo dell’articolo 727 del Codice Penale recita così:

“Chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro.
Alla stessa pena soggiace chiunque detiene animali in condizioni incompatibili con la loro natura, e produttive di gravi sofferenze.”

Secondo i giudici della Cassazione, chi lascia il proprio animale domestico nell’automobile, sotto il sole, gli arreca senza dubbio un forte stato di sofferenza, sia per la paura dell’abbandono che per la mancanza di aria, che, in alcuni casi, può rivelarsi letale.

Cosa fare se si avvista un animale in macchina

Che cosa è opportuno fare se ci si imbatte in un cane lasciato in macchina? Sicuramente, la prima cosa da fare è chiamare il 112 (numero unico di emergenza) e chiedere l’intervento tempestivo di un operatore per liberare il cane dalla vettura.

Il secondo passo è sporgere denuncia nei confronti del proprio della macchina; per questa ragione occorre annotare la targa dell’automobile e, se possibile, procurarsi dei testimoni.

Se il cane risulta in condizioni precarie, chi rompe il vetro per portarlo in salvo non potrà essere condannato al pagamento del danno del finestrino.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Sentenze di Cassazione

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.