Lapo Elkann attacca sui migranti: “Salvini non mi piace”. L’ex ministro: “Parole stupefacenti”

Lapo Elkann ha puntato il dito sulla politica italiana e in particolare su Salvini per come è stato affrontato il tema dei migranti, con la risposta del leader della Lega che è arrivata a stretto giro.

Lapo Elkann attacca sui migranti: “Salvini non mi piace”. L'ex ministro: “Parole stupefacenti”

Lapo Elkann attacca sul tema immigrazione, con la puntuale risposta di Matteo Salvini che non si è fatta di certo attendere. Tutto nasce dalla firma a Palermo di una intesa tra la Fondazione Laps, di cui il rampollo di casa Agnelli è il fondatore oltre che il presidente, e la Croce Rossa isolana.

Trovo abbastanza vergognoso - ha commentato l’imprenditore - che nessuna delle istituzioni fosse presente a Lampedusa per la tragedia di migranti che si è consumata: da italiano mi intristisce, noi paghiamo i politici e loro devono essere presenti”.

Leggi anche Automobili: le personalità più ricche del settore

Un attacco preciso e diretto alla politica italiana, tanto che Lapo Elkann ha sottolineato come a lui non piaccia la parola migranti, tanto da chiamarli “nuovi italiani”, visto che “quando gli italiani andarono in America eravamo migranti anche noi”.

Lapo non ha risparmiato poi anche una stoccata al leader della Lega: “ Non mi piace Salvini , non mi piace il suo comportamento sul tema dei migranti perché lo reputo dissolutivo e non costruttivo. Poi ognuno è libero di avere le proprie opinioni”.

Come le dichiarazioni sono iniziate a circolare, che ecco che è arrivata la replica di Matteo Salvini visto che è stato direttamente tirato in ballo: “ Da Lapo Elkann dichiarazioni stupefacenti ”.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories