La classifica dei brand più forti del mondo nel 2016. Il primo? Walt Disney

Simone Traversa

1 Febbraio 2016 - 17:18

Nella classifica dei marchi più forti del mondo nel 2016, stilata da Brand Finance, Walt Disney è primo. Motivi del successo e le posizioni degli altri marchi.

La classifica dei brand più forti del mondo nel 2016. Il primo? Walt Disney

La classifica dei marchi più forti nel mondo nel 2016 è stata compilata da Brand Finance, storica società - 20 anni di attività quest’anno - di consulenza e valutazione di marchi e aziende.

La classifica prende in considerazione sia il valore economico sia la forza stessa dei marchi. Il primo riguarda l’ammontare di capitale che un’azienda detiene, mentre il secondo è un valore più complesso che coinvolge numerosi parametri.

Il valore economico è espresso in dollari e, per la precisione, nell’ordine dei miliardi, mentre la forza viene descritta da forme tipo AAA+ (che è il massimo del valore della forza).

Brand Finance Global 500” è dunque una classifica dei 500 marchi mondiali che prende in considerazione sia la forza sia il valore economico.

Vediamo quali sono i marchi più forti del mondo e quelli con più valore economico.

La classifica dei brand più forti del mondo

La forza di un marchio è data da diversi fattori, tra i quali: investimenti diretti o indiretti nel marchio (R&D, rete di distribuzione, pubblicità), il ritorno di immagine presso tutti gli stakeholder (consumatori, dipendenti, analisti finanziari) e il ritorno di business (crescita, margine, quota di mercato).

Sono pochissimi i marchi che rientrano nella cerchia degli AAA+, secondo le analisi di Brand Finance, questi sono i primi 10:

  1. Walt Disney
  2. LEGO
  3. L’Oréal
  4. PWC
  5. McKinsey
  6. Nike
  7. Johnson’s
  8. Coca-Cola
  9. NBC
  10. Google

Il primo in classifica è Walt Disney, marchio che con l’acquisizione della Lucasfilm è entrata in possesso dei diritti della celeberrima saga Star Wars.

A dicembre è uscito nei cinema di tutto il mondo il settimo episodio della saga marcato Walt Disney: il film ha registrato un record di incassi, che a gennaio si è attestato a 2 miliardi di dollari diventando il film Disney ad avere incassato più soldi in assoluto.

Non si contano gli introiti legati al merchandising: giochi, gadget eccetera. Brand Finance ha calcolato in 10 miliardi di dollari il valore del solo marchio Star Wars, il che per Walt Disney è un gran affare dato che ha rilevato la Lucasfilm per 4 miliardi.

Walt Disney ha strappato il titolo al marchio danese LEGO che nell’ultimo anno è stato investito da diverse controversie che rischiano di rovinarne l’immagine. In Germania, per esempio, è stato multato per aver provato a impedire ai venditori di applicare sconti sui suoi prodotti.

Inoltre il marchio LEGO è stato accusato di prendere le parti della censura per aver impedito all’artista dissidente cinese Ai Wei Wei di usare i propri prodotti per produrre installazioni artistiche. Queste polemiche hanno convinto LEGO a cambiare la sua policy estendendo il permesso di usare i famosi mattoncini per fini politici.

A esclusione di L’Oréal (Francia) e LEGO (Danimarca), a dominare la classifica sono marchi americani. Tra i brand con tripla A e + ce n’è anche uno italiano: Ferrari.

La classifica dei marchi a più alto valore economico

Apple domina invece la classifica dei marchi col più alto valore economico. Apple, nonostante le ultime notizie sul calo di vendite del suo prodotto di punta, ha registrato utili per 11 miliardi di dollari e il marchio ha incrementato il suo valore del 14%.

Questi i primi 10 marchi e il loro valore economico espresso in miliardi di dollari:

  1. Apple 145,918
  2. Google 94,184
  3. Samsung 83,185
  4. Amazon 69,642
  5. Microsoft 67,258
  6. Verizon 63,116
  7. AT&T 59,904
  8. Walmart 53,657
  9. China Mobile 49,810
  10. Wells Fargo 44,170

Anche se le prime posizioni sono di dominio incontrastato dei marchi americani, va detto che non molti marchi che si avvicinano a grande velocità verso le prime posizioni.

Tra i marchi che crescono più in fretta ce ne sono 7 cinesi, tra cui WeChat e Huawei.

Chi invece ha perso moltissimo del suo valore è il marchio Volkswagen, che ha registrato i risultati peggiori di quest’anno. La notizia non dovrebbe stupire dati gli scandali sulle emissioni dell’anno scorso. Il marchio tedesco è passato dalla 17 alla 56 posizione, perdendo un totale di 12 miliardi di dollari

I marchi italiani in classifica sono 9 e hanno perso un 10% del valore, che è però da imputarsi alla svalutazione dell’euro rispetto al dollaro:

  • Generali 10.035
  • ENI 8.037
  • ENEL 7.231
  • Telecom Italia Group 7.515
  • Gucci 5.439
  • Fiat 5.078
  • Ferrari 4.411
  • Unicredit 3.811
  • Jeep 3.731

Jeep si è aggiunto quest’anno agli 8 marchi già presenti l’anno scorso in classifica. La media della forza dei marchi italiani è più alta della media dei marchi in classifica, ma allineata ai nostri competitor, Cina inclusa.

Da non perdere su Money.it

Argomenti

# Apple

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.