La Fed non dovrebbe alzare i tassi prima del 2016 - parla Kocherlakota

Parla il presidente della Federal Reserve di Minneapolis: la Fed dovrebbe aspettare fino alla seconda metà del 2016 per iniziare il rialzo dei tassi di interesse. L’occupazione è ancora in difficoltà e l’inflazione è eccessivamente bassa.

Il presidente della Fed di Minneapolis Narayana Kocherlakota martedì ha esposto le sue ragioni sul perché la Federal Reserve - banca centrale degli Stati Uniti - dovrebbe aspettare fino alla seconda metà del 2016 per iniziare il rialzo dei tassi di interesse, per poi aumentare gradualmente ad appena il 2 per cento entro la fine del 2017.

È la prima volta che un membro dovish della Federal Reseve condivide dei dettagli sulla sua preferenza per un aumento dei tassi «tardivo e lento».

Le sue osservazioni condivise con i giornalisti suggeriscono che Kocherlakota è sempre più preoccupato sulla prospettiva di un aumento dei tassi troppo precoce, alimentato invece dai commenti di molti colleghi della Fed, aumentando il rischio di non assecondare la ripresa economica degli Stati Uniti.

«Quella questione (circa l’aumento dei tassi), in sé e per sé è un inasprimento della politica»

ha detto Kocherlakota.

«Mi preoccupo per il dibattito in corso sulla stretta monetaria che potrebbe avere un certo peso sui risultati economici, sia in termini di crescita sia in termini occupazionali.»

La maggior parte dei membri della Fed, tra cui il presidente della Fed Janet Yellen, credono che la banca centrale dovrebbe iniziare ad alzare i tassi quest’anno, con il mercato del lavoro in miglioramento che inizia a mettere pressione alla troppo bassa inflazione.
La banca centrale statunitense mantiene i tassi vicini allo zero da dicembre 2008.

Alcuni dei politici più falchi della Fed premono per un aumento di tasso a giugno, avvertendo che un’attesa troppo lunga potrebbe costringere la Fed ad aumentare bruscamente gli oneri finanziari per scongiurare un potenziale aumento indesiderato dell’inflazione.

«Continuo a credere che sarebbe un errore aumentare il range per il tasso sui fondi della Fed nel 2015»

ha detto Kocherlakota alla Camera di Commercio Bismarck-Mandan.

A causa dell’occupazione ancora in difficoltà e ad una eccessivamente bassa inflazione, ha detto, la Fed dovrebbe «iniziare in ritardo ed aumentare i tassi più lentamente di quanto abbia fatto tra il 2004 e il 2006», in riferimento all’ultima volta in cui la Fed ha rialzato i tassi di interesse.

La Fed dovrebbe aumentare i tassi a breve termine al 3 per cento o 3,25 per cento, ma non prima il 2018, ha detto.
La maggior parte dei funzionari della Fed vede il tasso vicino a questo livello entro la fine del 2017.

Un aumento della crescita dei posti di lavoro lo scorso anno ha contribuito a spingere il tasso di disoccupazione degli Stati Uniti fino al 5,5 per cento, anche se l’inflazione è rimasta al di sotto dell’obiettivo della Fed del 2 per cento per anni.

Ma l’economia statunitense avrebbe bisogno di almeno altri tre anni di miglioramento del mercato del lavoro come quello registrato lo scorso anno per raggiungere il livello «normale» di prima della crisi finanziaria, ha detto Kocherlakota.

L’inflazione, ha aggiunto, probabilmente non salirà sopra il target della Fed al 2 per cento prima del 2018.

Fonte: Reuters

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories