Italia, ripescaggio Mondiali 2022: cosa può succedere se l’Iran viene escluso

Marta Zanierato

30/03/2022

30/03/2022 - 22:11

condividi

L’Italia rischia di essere ripescata dal Mondiale del Qatar in caso di esclusione dell’Iran? Ecco cosa può succedere; intanto gli italiani sperano.

Italia, ripescaggio Mondiali 2022: cosa può succedere se l'Iran viene escluso

Aumentano, almeno da parte dei tifosi, le speranze riguardo a un possibile ripescaggio dell’Italia ai Mondiali 2022 che si terranno in Qatar. C’è una nazionale, l’Iran, che infatti potrebbe essere esclusa dalla competizione.

La causa è quanto successo durante il match tra Iran e Libano, con 2.000 biglietti acquistati da donne iraniane che tuttavia, nonostante il diritto di assistere alla partita, sono state lasciate fuori dallo stadio e poi allontanate dalle forze dell’ordine. Eppure la stessa Fifa, nel settembre del 2019, lanciò un ultimatum all’Iran, minacciando una sua possibile esclusione dalle competizioni internazionali se non si fossero presi provvedimenti riguardo alla presenza delle donne negli stadi. 

Ma nonostante questo le cose non sono cambiate e alle donne, nonostante l’acquisto del biglietto, è stato impedito di assistere alla partita valida per le qualificazioni per i Mondiali in Qatar 2022, a Maschad.
 
La partita è stata vinta dall’Iran per 2 a 0. La Nazionale iraniana sarebbe quindi qualificata per i Mondiali, ma visti gli scontri con la Fifa potrebbero esserci conseguenze importanti, con possibilità - remote - di un ripescaggio per l’Italia.

Perché l’Iran rischia l’esclusione dai Mondiali 2022?

L’Iran rischia una clamorosa esclusione dai Mondiali del 2022 in Qatar. Il motivo, come già accennato, è l’aver impedito alle donne di assistere alla sfida decisiva per la qualificazione alla Coppa del Mondo contro il Libano.

La partita di qualificazione si è svolta a Maschad, città religiosa a nord del Paese, e il divieto alle donne di poter seguire la partita ha rappresentato uno strano ritorno al passato. Come abbiamo già detto, gli avvertimenti mossi dalla stessa Fifa verso l’Iran riguardo alla possibilità data alle donne di partecipare agli eventi calcistici erano molto seri: il rischio, appunto, l’eliminazione della Nazionale dai Mondiali 2022.

Ciò che rende il fatto ancora più ambiguo è che lo scorso gennaio le donne sono potute entrare allo stadio per assistere al match contro l’Iraq. Ci si domanda che cosa sia cambiato. Secondo quanto riportato dai media iraniani, le donne escluse dallo stadio avrebbero protestato fuori dallo stadio Imam Reza e successivamente sono state allontanate dalle forze dell’ordine con l’utilizzo dello spray al peperoncino. 
 
Il Governatore Mohsen Davari  si è scusato per l’accaduto. Anche il Presidente iraniano Ebrahim Raisi è intervenuto sul caso ed ha ordinato al ministero degli Interni d’indagare sui fatti e sui motivi della vicenda. 

Mondiali 2022: per l’Italia è possibile un ripescaggio?

La notizia che arriva dall’Iran porta molti tifosi a chiedersi se quindi non sia possibile un ripescaggio per l’Italia. Ma perché si verifichi tale ipotesi, deve essere estromessa una Nazionale già qualificata per Qatar 2022, e l’esclusione di una Nazionale qualificata (come l’Iran) potrebbe essere possibile solo in caso di sospensione o espulsione della sua Federazione calcistica da parte della Fifa.

Nel remotissimo caso in cui la Fifa usasse il pugno duro con la Federcalcio iraniana, l’operazione di ripescaggio avverrebbe seguendo le indicazioni dell’art.6 del regolamento:

Se una qualsiasi associazione si ritira o viene esclusa dalla competizione, la Fifa deciderà sulla questione a sua esclusiva discrezione e intraprenderà qualsiasi azione si ritenga necessario.

Tanto è bastato per ridare speranza ai tifosi italiani. A quanto pare però, la possibilità per l’Italia di essere ripescata è molto remota.

Argomenti

# Iran
# Calcio
# FIFA

Iscriviti a Money.it